LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sant’Angelo di Bagno È qui il miracolo della ricostruzione
di Giustino Parisse
IL CENTRO 15 ottobre 2016




Su un totale di 12 milioni di lavori otto sono già cantierizzati Il metodo? Lavorare tutti insieme per lo stesso obiettivo


L’AQUILA. Sant’Angelo è una piccola frazione dell’ex municipio di Bagno. E’ uno dei tanti borghi del Comune dell’Aquila. Una trentina di famiglie (dal 2010 nei map), due fontane, una chiesetta, la piazzetta, un vicolo di duecento metri che in leggera salita porta dall’ingresso dell’abitato fino a una stradina sterrata che si inerpica verso i boschi. Basta dare uno sguardo verso valle e da questo paesino si gode uno spettacolo mozzafiato. E’ una terrazza sulla città, un posto ideale per vivere: dieci minuti di macchina dal capoluogo, servizi a un tiro di schioppo, tradizioni ben radicate, contatto costante con la natura, piccoli spazi per gli orticelli. Oggi Sant’Angelo è un’oasi nel deserto della ricostruzione delle frazioni. I numeri qui sono veri: la stima dei costi complessivi è 12 milioni di euro (all’Aquila ci si rifà a malapena la facciata di un palazzo vincolato). Otto milioni sono stati già stanziati, due stanno per esserlo. I cantieri sono ben avviati e fra un anno, a fine 2017 saranno chiusi. Che significa? Che più o meno l’ottanta per cento del paese sarà stato ricostruito. Un miracolo. Ma, come ci insegnano i vecchi saggi, i miracoli spesso camminano sulle gambe degli uomini. A Sant’Angelo è stato sperimentato il metodo del buon padre di famiglia: c’è un obiettivo da raggiungere, mettiamoci tutti insieme, evitiamo nei limiti del possibile le risse da pollaio, cerchiamo di capire quello che c’è da fare e senza tante storie facciamolo. Il primo tassello del “miracolo” è stato l’aver intuito sin da subito che facendo ricorso al tribunale amministrativo regionale si poteva “convincere” chi di dovere (ufficio speciale e Comune) a istruire in tempi ragionevoli le pratiche e di conseguenza stanziare i fondi. Nel borgo sono stati creati otto aggregati ma invece di andare ognuno per proprio conto è nato un coordinamento fra i tecnici per cui ogni decisione è stata presa guardando oltre l’interesse del singolo proprietario. Le frazioni dell’Aquila sono degli “unicum” ma questo a palazzo Fibbioni stentano a capirlo e forse sarebbe il caso che chi guida la ricostruzione ogni tanto facesse una passeggiatina nei paesi. Pensare, come sta accadendo quasi ovunque, di ricostruirle a “pezzi”, un aggregato qua e uno là, è un errore che forse sarà pagato caro a lungo andare. A Sant’Angelo invece c’è la prova che nei borghi, soprattutto quelli più piccoli, le case non possono essere ricostruite a macchia di leopardo. Altra intuizione dei tecnici e dei proprietari è stata quella di affidare i lavori (per adesso 8 milioni di euro) a una sola impresa che così ha potuto cantierizzare in maniera ordinata e le opere vanno avanti per tutti senza che – come accade altrove – c’è un cantiere da un parte e la desolazione dall’altra. Alla fine del 2017 Sant’Angelo di Bagno sarà la prima frazione ricostruita quasi per intero. Mancherà però un pezzo importante: la chiesetta parrocchiale dedicata a San Michele. Basterebbero poche decine di migliaia di euro ma dalla Soprintendenza finora solo silenzi. Sarebbe un peccato riavere un paese “nuovo” senza il suo luogo simbolo. Stesso discorso vale per un
altro gioiello della zona: palazzo Oliva che si trova a Civita di Bagno. Il consigliere comunale Tonino De Paolis da tempo sollecita i lavori e chiede che si faccia presto anche per la chiesa di Monticchio in modo da togliere quella incredibile impalcatura sulla strada che porta a Fossa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news