LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Palazzo Grimani chiude al pubblico
di Enrico Tantucci
15 ottobre 2016 LA NUOVA VENEZIA


Il restauro è costato decine di milioni. Il museo cinquecentesco sarà aperto per qualche ora solo il venerdì e il sabato


Palazzo Grimani chiude. Quello che è forse il più bel palazzo rinascimentale di Venezia, museo di se stesso e della collezione di capolavori artistici e archeologici che un tempo ospitò, da domani non sarà più visitabile dal pubblico se non, per poche ore, il venerdì e il sabato dalle 14 alle 19.15 (con ultimo ingresso alle 18.30).

Una decisione presa dal direttore del Polo museale veneto, Daniele Ferrara, in contrasto con i sindacati che hanno proclamato lo stato di agitazione, accorpando il Grimani al Museo archeologico, anche dal punto di vista del personale.

Alla base della decisione, la “coperta stretta” del personale del Polo Museale, che si è ridotto tra l’altro di una ventina di unità con la riforma perché in diversi provenienti dal sud hanno chiesto e ottenuto la mobilità.

L’esiguità dei fondi - visto che il Polo dipende solo dal ministero dei Beni culturali - visto che gli introiti delle Gallerie dell’Accademia che “servivano” per tutta l’istituzione ora vanno solo al museo, che ha ottenuto l’autonomia. Ma, soprattutto, la crisi di visitatori, perché - nonostante la bellezza del Palazzo, gli straordinari affreschi, i marmi, la magnificenza architettonica di Palazzo Grimani - non si è riusciti a creare un pubblico per un museo che è un po’ nascosto all’interno di Ruga Giuffa, né a diffonderne la coscienza.

Dopo la riapertura, sette anni fa, molto poco si è fatto per promozionarlo. Il bar interno aperto sotto la soprintendenza di Vittorio Sgarbi è stato chiuso dopo pochi mesi. Il progetto iniziale del Museo di Palazzo Grimani - concepito per affiancare, integrare e ampliare il Museo archeologico di Venezia, che trae la sua origine dalla donazione del cardinale Giovanni Grimani per gran parte della sua collezione, allora custodita nel palazzo di Santa Maria Formosa - in realtà non è mai stato portato avanti. Chi si addentra nel palazzo e rimane affascinato dalla bellezza delle stanze e da quelle delle poche opere che sono state ricollocate al suo interno, non riesce a capire dove si trovi perché manca un adeguato apparato informativo e anche informatico che lo assista nella visita.

L’idea poi di “riempire” gli spazi del Grimani come quelle di una galleria con mostre di arte contemporanea e fotografia totalmente decontestualizzate e di limitato valore non ha funzionato, contribuendo a togliere significato al museo stesso, che potrebbe ancora diventare un museo del collezionismo di una famiglia illuminata. Così come lo è, a pochi metri di distanza, la pinacoteca del conte Querini alla Fondazione Querini Stampalia che ha saputo trovare un suo pubblico. Invece no, senza idee, un progetto e certamente anche risorse, si chiude. Con un enorme spreco di denaro pubblico. Perché il recupero di Palazzo Grimani è costato decine e decine di milioni, tra l’acquisto da parte dello Stato da privati, un restauro esemplare ma durato oltre 25 anni - anche per l’erogazione lenta dei finanziamenti - e il riallestimento.

Anche l’apertura di fine settimana decisa dal direttore del Polo museale non abbatte tra l’altro i costi di gestione e manutenzione del Palazzo, che ammonterebbero a circa 300 mila euro l’anno. Viene da dire che sarebbe quasi preferiribile riaffidare Palazzo Grimani ai privati: non quelli che lo hanno venduto in avanzato stato di degrado, ma istituzioni culturali, purché sappiano gestirlo come si deve, riaprendolo, piuttosto che lasciarlo in mano pubblica, ma destinato, purtroppo, a un nuovo e lento degrado.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news