LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palatino, Nerone show fra premi Oscar e polemiche
di Laura Martellini
CORRIERE DELLA SERA 19 ottobre 2016 | 07:48


Dal primo giugno 2017 lo spettacolo andrà in scena in un’arena da tremila posti nell’area della Vigna Barberini, a meno di un chilometro dalla Domus Area


Mai così tanti premi Oscar tutti insieme: Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo, Gabriella Pescucci. Alle musiche ha collaborato Luis Bacalov. E il vincitore di due Grammy Awards Franco Migliacci, il regista e coreografo Gino Landi. Un cast che si ha ragione per una volta a definire «stellare» per il musical «Divo Nerone — Opera rock», dal primo giugno in un’arena da tremila posti costruita «all’interno della Vigna Barberini sul Colle Palatino, affacciata direttamente sul Colosseo, dove nel 2009 gli archeologi portarono alla luce resti della Coenatio Rotunda, la sala da pranzo della Domus Aurea di Nerone».

Ventisei ballerini, dodici cantanti, cento macchinisti

Il legame che il comunicato stampa esalta — «primo giugno, alla Domus Aurea» — è oggetto durante la conferenza stampa di successive puntualizzazioni, perché Nerone, si sa, è difficilmente riducibile ai minimi termini, e a renderne l’immensità sarà un’esplosione di suoni e luci, con piattaforme girevoli, 26 ballerini, 12 cantanti e attori, cento macchinisti «in una location mai destinata ad evento tanto spettacolare». Cioè il cuore archeologico della città. Scenario fra i più belli e delicati al mondo. «La Domus Aurea è 600-700 metri più in là — precisa l’architetto Giuseppe Morganti, che si occupa del Palatino per la Soprintendenza per il Colosseo e area archeologica centrale di Roma —. La zona di Vigna Barberini è stata scavata alla fine degli anni 80 e 90 e poi ricoperta, il rilievo è ora soprattutto paesistico. Un pratone che si presta come momento di riposo per il visitatore». Il rischio decibel? «Valuteremo durante l’allestimento».

Canone d’uso oltre i 100.000 euro

La Soprintendenza speciale per il Colosseo avrà una contropartita dall’operazione, realizzata con fondi tutti privati da Artisti Associati & Partners, casa di distribuzione cinematografica indipendente fondata negli anni 80, ora in diverso assetto societario. Budget top secret. Assente il ministro Franceschini, il cui nome figurava nell’invito, è il soprintendente Francesco Prosperetti a spiegare: «Come a Caracalla, dove il Teatro dell’Opera paga un canone d’uso intorno ai 100.000 euro per la stagione estiva, sarà richiesta una cifra d’importo ancora superiore». Il tre per cento dei biglietti venduti sarà devoluto ai lavori di restauro della Domus Aurea. Spettacoli ogni sera, in italiano e inglese, tutta l’estate.

Gli esperti Montanari e Settis: falsa idea di valorizzazione

Il miglior modo per mantenere alta l’immagine di Roma all’estero, nelle intenzioni: ieri invitati d’onore i tour operator. Il peggior servizio fatto al patrimonio, secondo una parte di archeologi e storici dell’arte. Fra loro Tomaso Montanari: «Andremo avanti così all’infinito? — si chiede —. Far conoscere alla gente i siti archeologici attraverso spettacoli di intrattenimento è una falsa idea di democrazia. Piuttosto un’occasione persa di crescita. Se c’è solo il minimo rischio che le vibrazioni possano danneggiare le rovine non c’è contropartita che tenga. Non si può gestire il patrimonio come fosse un bordello». Anche il professor Salvatore Settis si dice perplesso: «Ricorrere a un’opera rock per riattivare l’attenzione è come dichiarare che l’antico non è più di per sé interessante. Lo stesso che accostare alle rovine l’arte contemporanea. Speriamo se ne esca senza danni permanenti, come già accaduto agli scavi di Pompei. Le esigenze di spettacolarizzazione stanno avendo la meglio sulla conservazione e la tutela. È tempo di capovolgere la prospettiva».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news