LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Articolo 9 - Il Fai, il referendum e la politica del turismo
di Tomaso Montanari
19 ott 2016

Ma il Fai vota Sì al referendum costituzionale?

Mi spinge a domandarlo un mail di Marina Colonna, entusiasta volontaria del Fai («mi sono guardata intorno e ho visto quanto il FAI può contribuire alla nostra Italia nel modo migliore») rimasta assai delusa da una intervista in cui il presidente del Fai Andrea Carandini ha dichiarato: «Mi risulta che ora per la prima volta il ministero dei Beni Culturali abbia un progetto per il turismo, il ministro Franceschini ci sta lavorando. Certo se vince il “No” al referendum e la politica turistica continua a essere gestita dalle Marche, dall’Umbria o dal Veneto non si va da nessuna parte. Le regioni sono state una catastrofe, e lo dico io che ero un convinto regionalista!».

Ecco il commento della volontaria: «Perché spendersi così tanto per il referendum? Non è forse il FAI un’oasi che per anni è rimasta superiore alle litigate politiche? Se uno dei delegati del FAI si azzarda a candidarsi in politica anche in un comune piccolo deve togliersi da qualsiasi ruolo all’interno del FAI perché bisogna garantire l’imparzialità della fondazione. Ma non vale anche per il nostro presidente? … Io non ho deciso cosa votare al referendum ma perché il FAI mi deve dire che se vince il NO non si va da nessuna parte?». Mi paiono parole assai sagge, e c’è da sperare che da Giulia Maria Crespi arrivi la conferma che Carandini ha parlato a titolo personale (d’altra parte è uno dei firmatari del manifesto dei 250 per il Sì), non impegnando il Fai.

Ma accanto al metodo c’è anche il merito, perché la riforma costituzionale dice esattamente il contrario di ciò che ha capito Carandini.

Il nuovo articolo 117, è vero, assegna allo Stato le «disposizioni generali e comuni sulle attività culturali e sul turismo» e la «tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici», ma poi – con macroscopica contraddizione – stabilisce che «spetta alle Regioni la potestà legislativa in materia di disciplina, per quanto di interesse regionale, delle attività culturali, della promozione dei beni ambientali, culturali e paesaggistici, di valorizzazione e organizzazione regionale del turismo».

Un pasticcio gattopardesco, dunque: che cambia tutto per non cambiare nulla.

Ora che le Regioni si vedono dare in Costituzione la potestà di disciplinare per legge il ‘loro’ turismo e di «promuovere» i loro beni culturali, le Marche, Umbria e Veneto citate da Carandini – e tutte le altre – saranno perfettamente legittimate a spendere e a spandere, fuori di ogni controllo.

Ecco dove si va, se vince il Sì.





_______________

http://articolo9.blogautore.repubblica.it/2016/10/19/il-fai-il-referendum-e-la-politica-del-turismo/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news