LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PORDENONE - C’è l’ok per i lavori al San Giorgio
19 ottobre 2016 IL MESSAGGERO VENETO


Pordenone. La Sovrintendenza autorizza il restauro del campanile. La statua però è ancora “bloccata”


PORDENONE. Via libera della Sovrintendenza ai lavori al campanile di San Giorgio, il cantiere sarà riavviato nel giro di un paio di settimane. L’inghippo riguardava i giganti che sostengono il mondo che, a sua volta, sostiene il martire cui è intitolata la chiesa cittadina.

La Sovrintendenza, infatti, voleva che le modalità di intervento sui giganti in impasto cementizio fossero sottoscritte anche da un restauratore qualificato. Così è stato e da Trieste è arrivato il disco verde, che significa autorizzazione all’inizio dei lavori. Sinora, infatti, è solo stato messo in sicurezza il campanile, con la spettacolare rimozione della statua e del drago.

«Si tratta di perfezionare gli atti in Regione – rilevano il parroco don Roberto Laurita e l’ingegnere capo del cantiere Sergio Dell’Anna – presentando la fideiussione per ottenere materialmente i soldi».

Per i 300 mila euro di risorse pubbliche, infatti, il decreto di assegnazione è pronto e notificato. Una volta firmato il contratto di appalto, un paio di settimane, potrà essere avviato il cantiere che riguarderà la parte sommitale della torre campanaria. «Parte che è più difficile e impegnativa», spiega l’ingegnere.

Quali lavori, dunque, verranno eseguiti? «Il restauro della parte esterna dal pavimento della cella sino alla sfera sulla quale si appoggia la statua; la sistemazione delle parti ammalorate; la posa della struttura metallica interna alla cella che vincolerà la statua, in acciaio inox; il nuovo castello delle campane che, ora, sono appoggiate a terra».

Con lo stanziamento della Regione – che, ricordiamo, eroga metà dell’importo complessivo – i lavori dovrebbero fermarsi qui. La parrocchia ha raccolto altre offerte – tra cui una donazione di 10 mila euro – ma sarà necessario l’intervento di privati o altri enti. «C’è un cronoprogramma, sulla base delle risorse a disposizione, procederemo», ha confermato il parroco.

La statua di San Giorgio è in attesa di restauro: manca il via libera della Sovrintendenza al progetto presentato. Una volta ottenuto potranno essere reperiti eventuali fondi per recuperarla.

Sino a quando non sarà ricollocata in cima al campanile, le campane dovranno restare mute: «Perché ovviamente non togliamo l’impalcatura metallica sino a ricollocamento
della statua», dice l’ingegnere.

La parrocchia non nasconde un certo ottimismo, ad ogni modo, sul “lieto fine” della vicenda ovvero sulla concreta possibilità che la somma necessaria per completare il recupero sia ben presto a disposizione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news