LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI-«Spot sui monumenti? Incassati da Comune Napoli 180mila euro»
Valerio Esca
Mattino-Napoli

L'Anac di Cantone sta cercando di vederci chiaro su Monumentando. Il progetto del Comune, che prevede il restauro di 27 opere attraverso sponsorizzazioni private, è finito nell'occhio del ciclone dopo la denuncia dell'avvocato Brancaccio, che ha sollevato diversi punti di domanda rispetto alle modalità di gestione dei restauri, sui tempi delle affissioni pubblicitarie, sulle tecniche utilizzate e sul rapporto intercorso tra il Comune e la società vincitrice del bando di gara, la Uno Outdoor. Ma l'amministratore dell'azienda, Giuliano Annigliato, non ci sta e spara a zero su tutti.

Annigliato, va bene che lei è molto risentito, ma su Monumentando sta indagando l'Anac.
«Parliamo di una denuncia partita da un'associazione di restauratori. Monumentando è un progetto che ci siamo aggiudicati con una regolare gara, alla quale poteva partecipare chiunque. Abbiamo effettuato come ci veniva richiesto le fidejussioni, abbiamo assunto due architetti e per quanto mi riguarda è ovvio che porti redditività. Altrimenti che imprenditore sarei. Abbiamo un rischio di impresa, perché se non trovo gli sponsor i lavori dei monumenti chi li paga secondo lei? Io, di tasca mia».

Fin qui tutto ok, però se l'Anac ha deciso di vederci chiaro avrà i suoi motivi, non crede?
«L'Anac è l'anticorruzione, onestamente non capisco come intervenga nel rapporto tra un pubblico e un privato. Quale sarebbe la frode? Chi sarebbe il corrotto e chi il danneggiato. Il Comune? Palazzo San Giacomo a tutto oggi ha incassato 180mila euro di bonifici bancari sulle pubblicità. Il cittadino? Neanche, visto che abbiamo restituito alla città dei monumenti che erano dei gabinetti pubblici. Se non fossi intervenuto io su questi monumenti chi lo avrebbe fatto, la Soprintendenza o l'Unesco? Nessuno. Mi chiedo perché chi oggi protesta non abbia partecipato al bando».

Valente, deputata Pd, ha presentato al ministro dei Beni culturali Franceschini un' interrogazione parlamentare sul caso.
«Mi spiace che non si abbiano altri argomenti per fare opposizione al sindaco. Io accetto tutti i confronti con lealtà, però la mia amica Valeria poteva alzare il telefono come ha fatto in campagna elettorale e chiedermi se volessimo partecipare ad un progetto con le associazioni per proteggere i monumenti che restauriamo, purtroppo tutti già imbrattati. Anche se non l'ho votata potevamo creare qualcosa insieme. Adesso mi aspetto da lei delle scuse serie».

Una delle società che ha lavorato con voi per il primo restauro (la Vn, ndr) dice che non gli sono stati pagati alcuni lavori imprevisti durante il restauro della fontana del Carciofo. È vero?
«Esiste un contratto con lei, stipulato il 1 ottobre del 2014. Dal cud scoprimmo che la società era priva di dipendenti. Ci disse che li avrebbe assunti ed il primo è stato il nipote. Il contratto per il restauro del Carciofo prevedeva una somma totale di 20mila euro ed è stata pagata regolarmente. Anzi ha preteso un acconto di 9 mila euro che le è stato corrisposto. Ci presentò, per un lavoro fatto tre anni prima, l'Iva al 22% invece che al 10% e ci ha dovuto anche restituire quel denaro. Il rapporto si è concluso quando ci ha riconsegnato la fontana piena di detriti e l'abbiamo pulita grazie ad Asìa un'ora prima dell'inaugurazione».

L'art 49 del codice dei beni culturali dice che le pubblicità non si possono esporre sui ponteggi prima o dopo i lavori. Ed è una cosa che voi avete fatto. Perché?
«Noi abbiamo stipulato con il Comune un contratto in cui è prevista e formalizzata la progettualità. Chi la paga secondo lei questa fase? E poi seppure la pubblicità restasse un mese, due mesi o 50 mesi in più, parte degli introiti va nelle casse del Comune. E noi paghiamo regolarmente la tassa pubblicitaria. Mi spiace che alcune associazioni facciano da elemosinatori per le campagne elettorali. Alzatevi le maniche e andate a lavorare».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news