LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La rivolta dei teatri "Esclusi dai fondi e spinti a chiudere"
BIANCA DE FAZIO
16 Novembre 2016 LA REPUBBLICA




IL ministero per i Beni culturali, e più precisamente la direzione generale dello Spettacolo dal vivo, ha assegnato ai teatri i fondi per il 2016. E Napoli lamenta, come anche l'anno scorso, una distribuzione dei finanziamenti che premia solo tre teatri in città, e dimentica le numerose altre realtà, grandi e piccole, che rendono vivo il tessuto teatrale napoletano. Sovvenzioni sono andate esclusivamente al Mercadante, che grazie alla qualifica di Teatro Nazionale ha ottenuto 1 milione e 159 mila euro, al Bellini, che incassa 1 milione, ed al Diana che supera i 500 mila euro.

«Non hanno ricevuto sovvenzioni - sottolinea Giovanni Pinto - i seguenti teatri napoletani: Augusteo, Cilea, Totò, Sannazaro, Trianon Viviani, Delle Palme, Bracco, Troisi, Elicantropo, Sancarluccio, Nuovo Teatro Sanità, Teatro area Nord, Galleria Toledo e ancora tante altre realtà di esercizio teatrale».

È la fotografia di una realtà che mette a dura prova il mondo dello spettacolo, anche alla luce dei ritardi nei versamenti dei contributi che devono arrivare dalla Regione, contributi che ammontano a 6 milioni per il 2014, a 9 milioni e mezzo per il 2015, a 15 milioni per il 2016.

Le risorse che giungono da Roma, quelle del Fondo unico per lo spettacolo, sono le uniche ad arrivare in tempi certi. E le imprese che non vi hanno accesso soffrono ulteriormente. Frutto della recente riforma dello Spettacolo, «e nonostante le battaglie fatte in questi anni afferma Pinto - nonostante abbiamo sollevato il caso di realtà importanti che soffocano, non si è mosso nulla. Il Mibact non ha spostato di una virgola le sue decisioni, penalizzando, ancora una volta, i teatri napoletani ».

«Penalizzati dalle istituzioni - afferma Caterina De Santis, del Bracco - che mortificano chi come noi opera per la diffusione della cultura partenopea dando lavoro a centinaia di giovani ed operatori del settore. Per di più operiamo in zone disagiate. Ma né Roma ci ascolta né i nostri governanti in Regione ci difendono. Anzi».

Sui social network la polemica moltiplica la delusione e la rabbia. «La vergogna è che così i teatri chiudono - afferma il regista Fortunato Calvino -, i medi e i piccoli spazi che sono il sale per le future generazioni».

Ed è il regista Gaetano Liguori, patron del Teatro Totò, a parlare di "mortificazione" per una sorta di "non esistere". «Insomma a Napoli il teatro ‘vero' - dice - quello che opera in sinergia con i quartieri, quello che avvicina al teatro centinaia di giovani all'anno strappandoli alla criminalità, il teatro che riesce a dare vivibilità a quartieri disastrati, come quello in cui operiamo, che lo illumina con le sue luci e la sua arte» è come non esistesse.

Altro capitolo riguarda i finanziamenti alle compagnie. E se per 13 sono giunte delle risorse, almeno un'altra decina resta fuori dai giochi. Tra le imprese di produzione teatrale, incassano oltre 300 mila euro le coop Gli Ipocriti e Teatri Uniti, e l'Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro, 268 mila vanno al Nuovo Teatro srl, poco meno a Gitiesse artisti riuniti.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news