LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROPOSTE VAGHE PER IL MEZZOGIORNO
SERGIO PASANISI
18 novemnre 2016, LA REPUBBLICA





LA buona notizia sull'Assemblea sul Mezzogiorno e che si parlato al futuro, di ci che si dovrebbe fare. Quella meno buona che se n' parlato senza proposte di come migliorare concretamente l'efficacia dei fondi europei.

Solo il presidente della Regione Vincenzo De Luca si sbilanciato, proponendo un utilizzo diverso di parte del Fondo sociale per creare 200.000 nuovi dipendenti nella pubblica amministrazione.

Si parlato di Industria 4.0, di masterplan del Mezzogiorno e di Patti per il Sud, per regioni e citt, nuova edizione della fallimentare "programmazione negoziata" e delle intese istituzionali di programma. Ma poco si detto di come questi nuovi strumenti si differenzino da quelli precedenti.

In un momento in cui si riparla di deflazione e la domanda di mercato continua a essere debole. Tranne quella di alcuni settori, quali la logistica, come ci ha illustrato il presidente di Confitarma Grimaldi, o il turismo. Citato come strategico anche dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha indicato la banda larga come la soluzione per lo sviluppo del turismo siciliano.

Prima del 2000 il turismo era considerato componente dell'economia "naturale", spontanea, non meritevole di attenzioni n della politica n dei sindacati. Tuttavia anche oggi, sebbene sia stato elevato a settore economico, non ancora trattato a pieno titolo come settore industriale, meritevole di un progetto "Turismo 2.0".

Gli strumenti programmatici nazionali, quale il nuovo piano strategico del turismo e i programmi regionali sui fondi strutturali, si concentrano esclusivamente sul turismo "fai da te". Quello della ricettivit diffusa, delle destinazioni/ territorio, dei mini attrattori culturali.

Mentre ancora oggi e malgrado lo sviluppo di nuove forme di ricettivit, tipo Airbnb, le fabbriche del turismo mondiale continuano ad essere gli alberghi, i resort e i villaggi turistici. Gli unici ancora in grado di fare grandi numeri, di creare posti di lavoro e far crescere il Pil. E l'Italia resta l'unico grande paese turistico che non ha una catena alberghiera degna di questo nome.

Le destinazioni turistiche nazionali, oltre al turismo di affari, sono sempre tre: mare, monti, citt capitali della cultura (Roma, Venezia e Firenze). Alle quali si stanno progressivamente aggiungendo le destinazioni legate a una nuova domanda.

Quella delle esperienze legate alle citt d'arte, alla natura, all'enogastronomia, eccetera. E tra queste destinazioni c' anche Napoli, che unisce in s tre elementi: mare, cultura, esperienze e risorse locali.

In questo segmento oggi abbiamo una grande, immediata, opportunit di crescita, che dovrebbe essere colta al volo, determinata dal crollo di alcune destinazioni divenute rischiose: Egitto, Tunisia, Algeria e Giordania.

Dal 2010 al 2015 gli arrivi turistici in Grecia sono aumentati del 57,3%, in Portogallo del 48,9%, contro il 29,5% dell'Italia.

Nel Mezzogiorno ci sarebbe mercato per almeno 20, 30 nuovi alberghi e resort turistici, ma chi potrebbe promuovere e favorire un programma del genere?

Dal Titolo V della Costituzione alla infausta cooptazione del ministero del Turismo in quello dei Beni culturali, l'Italia ha una governance sul turismo (Mibact, Mise, Enit, Agenzia per la coesione, Invitalia, oltre che Regioni) del tutto inefficace.

Il disallineamento tra mercato e programmazione riguarda anche le citt. E, purtroppo, anche i Patti per le Citt, che avrebbero potuto coniugare riqualificazione urbana e sviluppo turistico. E ci riguarda anche Napoli, una citt vocata al turismo e che dovrebbe recuperare il proprio rapporto con il mare, ma che invece, malgrado gli sforzi del governo, resta ferma tra conflittualit politiche, conservatorismo e progetti sbagliati. Come il nuovo porto turistico di San Giovanni a Teduccio, in alternativa del quale dovrebbe essere creato, come in Costa Azzurra, un sistema di piccoli approdi che riqualifichino la costa e permettano la realizzazione di nuove strutture ricettive in tutto il golfo, da Punta Campanella a Capo Miseno, passando da Mergellina e Bagnoli.

All'Assemblea sul Mezzogiorno ci saremmo aspettati qualche proposta in questa direzione. In particolare dal presidente De Luca, che da sindaco di Salerno si era distinto proprio per aver sposato la logica del "progetto di citt" rispetto all'astrattezza e inefficacia della programmazione comunitaria.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news