LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROPOSTE VAGHE PER IL MEZZOGIORNO
SERGIO PASANISI
18 novemnre 2016, LA REPUBBLICA





LA buona notizia sull'Assemblea sul Mezzogiorno e che si parlato al futuro, di ci che si dovrebbe fare. Quella meno buona che se n' parlato senza proposte di come migliorare concretamente l'efficacia dei fondi europei.

Solo il presidente della Regione Vincenzo De Luca si sbilanciato, proponendo un utilizzo diverso di parte del Fondo sociale per creare 200.000 nuovi dipendenti nella pubblica amministrazione.

Si parlato di Industria 4.0, di masterplan del Mezzogiorno e di Patti per il Sud, per regioni e citt, nuova edizione della fallimentare "programmazione negoziata" e delle intese istituzionali di programma. Ma poco si detto di come questi nuovi strumenti si differenzino da quelli precedenti.

In un momento in cui si riparla di deflazione e la domanda di mercato continua a essere debole. Tranne quella di alcuni settori, quali la logistica, come ci ha illustrato il presidente di Confitarma Grimaldi, o il turismo. Citato come strategico anche dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha indicato la banda larga come la soluzione per lo sviluppo del turismo siciliano.

Prima del 2000 il turismo era considerato componente dell'economia "naturale", spontanea, non meritevole di attenzioni n della politica n dei sindacati. Tuttavia anche oggi, sebbene sia stato elevato a settore economico, non ancora trattato a pieno titolo come settore industriale, meritevole di un progetto "Turismo 2.0".

Gli strumenti programmatici nazionali, quale il nuovo piano strategico del turismo e i programmi regionali sui fondi strutturali, si concentrano esclusivamente sul turismo "fai da te". Quello della ricettivit diffusa, delle destinazioni/ territorio, dei mini attrattori culturali.

Mentre ancora oggi e malgrado lo sviluppo di nuove forme di ricettivit, tipo Airbnb, le fabbriche del turismo mondiale continuano ad essere gli alberghi, i resort e i villaggi turistici. Gli unici ancora in grado di fare grandi numeri, di creare posti di lavoro e far crescere il Pil. E l'Italia resta l'unico grande paese turistico che non ha una catena alberghiera degna di questo nome.

Le destinazioni turistiche nazionali, oltre al turismo di affari, sono sempre tre: mare, monti, citt capitali della cultura (Roma, Venezia e Firenze). Alle quali si stanno progressivamente aggiungendo le destinazioni legate a una nuova domanda.

Quella delle esperienze legate alle citt d'arte, alla natura, all'enogastronomia, eccetera. E tra queste destinazioni c' anche Napoli, che unisce in s tre elementi: mare, cultura, esperienze e risorse locali.

In questo segmento oggi abbiamo una grande, immediata, opportunit di crescita, che dovrebbe essere colta al volo, determinata dal crollo di alcune destinazioni divenute rischiose: Egitto, Tunisia, Algeria e Giordania.

Dal 2010 al 2015 gli arrivi turistici in Grecia sono aumentati del 57,3%, in Portogallo del 48,9%, contro il 29,5% dell'Italia.

Nel Mezzogiorno ci sarebbe mercato per almeno 20, 30 nuovi alberghi e resort turistici, ma chi potrebbe promuovere e favorire un programma del genere?

Dal Titolo V della Costituzione alla infausta cooptazione del ministero del Turismo in quello dei Beni culturali, l'Italia ha una governance sul turismo (Mibact, Mise, Enit, Agenzia per la coesione, Invitalia, oltre che Regioni) del tutto inefficace.

Il disallineamento tra mercato e programmazione riguarda anche le citt. E, purtroppo, anche i Patti per le Citt, che avrebbero potuto coniugare riqualificazione urbana e sviluppo turistico. E ci riguarda anche Napoli, una citt vocata al turismo e che dovrebbe recuperare il proprio rapporto con il mare, ma che invece, malgrado gli sforzi del governo, resta ferma tra conflittualit politiche, conservatorismo e progetti sbagliati. Come il nuovo porto turistico di San Giovanni a Teduccio, in alternativa del quale dovrebbe essere creato, come in Costa Azzurra, un sistema di piccoli approdi che riqualifichino la costa e permettano la realizzazione di nuove strutture ricettive in tutto il golfo, da Punta Campanella a Capo Miseno, passando da Mergellina e Bagnoli.

All'Assemblea sul Mezzogiorno ci saremmo aspettati qualche proposta in questa direzione. In particolare dal presidente De Luca, che da sindaco di Salerno si era distinto proprio per aver sposato la logica del "progetto di citt" rispetto all'astrattezza e inefficacia della programmazione comunitaria.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news