LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei riscopre le domus di lusso e aspetta Bob Dylan
ANTONIO FERRARA
17 NOVEMBRE 2016, LA REPUBBLICA




POMPEI antica era, certo, una città commerciale, più attenta ai negotia che agli otia, più sensibile agli affari che al riposo, allo studio, alla lettura e all'arte. Eppure, la Domus dei Mosaici geometrici appena riaperta al pubblico racconta di una comunità che non disdegnava lusso e agiatezze.

Una Pompei dove ricchi esponenti dell'aristocrazia urbana ambivano a costruire le proprie dimore nei posti più panoramici, così come avveniva nelle vicine Stabiae, Sorrento e Capri, e come era uso lungo tutto l'arco del golfo di Napoli, da Ercolano passando per Posillipo per arrivare fino a Baia. Impressiona per le sue dimensioni la casa che con i fondi del Grande progetto Pompei torna visitabile «dopo un lungo oblio», sottolinea il direttore generale della Soprintendenza Pompei, Massimo Osanna. «Era un palazzo in città - spiega l'archeologo - con architetture innovative, giardini pensili, terrazze, impianti ipogei e terme, un complesso di altissimo livello con vista su Capri, che allora come oggi era un must ».

Una domus quasi interamente ricoperta di mosaici pavimentali, con raffinati motivi geometrici a tessere bianche e nere: un labirinto con al centro una sorta di scacchiera, un rosone, figure floreali con raggi, e il corridoio di ingresso dalla strada ricoperto a losanghe, a imitazione di un tappeto. E non era cosa da tutti potersi permettere mosaici in stanze e porticati: colpiscono quelli dei cubicula, le stanze da letto, che si aprivano sull'atrio, a piano terra: il disegno delimita lo spazio destinato ad accogliere il letto, tracciando davanti una sorta di scendiletto.

«I mosaici erano in condizioni drammatiche - spiega Osanna così come è stato necessario rifare tutte le coperture realizzate nei decenni scorsi col cemento che poi nel corso degli anni ha provocato infiltrazioni. La casa fu scavata nel 1826, c'erano pitture di altissimo livello che, purtroppo, lasciate a cielo aperto sono scomparse. Ripresentiamo con grande orgoglio questi mosaici che raccontano un pezzo di storia di artigianato pompeiano e romano tra II secolo avanti e I secolo dopo Cristo».

L'altro pezzo di città dal quale scompaiono le transenne è quello degli Edifici municipali, nel Foro. Siamo a pochi metri dalla Casa dei Mosaici geometrici, nella Regio VIII, nella parte meridionale del Foro dietro il colonnato: si riconoscono tre grandi sale absidate dove aveva sede l'amministrazione municipale. «Qui nel

Tabularium - spiega l'archeologa Caterina Cicirelli - l'archivio, si conserva la pavimentazione in lastre marmoree. Abbiamo condotto saggi archeologici che hanno fatto emergere un edificio di VI secolo avanti Cristo con blocchi di pappamonte e spazi utilizzati anche per lavorazioni artigianali ». A seguire, la Curia, sede del Senato locale, e infine la sede dei Duoviri, i sindaci della città romana. Oltre la Via delle Scuole riaperto il Comitium, dove si svolgevano le votazioni.

Osanna annuncia entro l'anno l'esposizione nelle stanze della Casa di Championnet dei frammenti di affresco e degli oggetti rinvenuti negli scavi. «Per la prima volta stiamo utilizzando per coprire questi ambienti rivestimenti esterni in Corian, pratici ed eleganti, la stessa tipologia di materiale impiegata da Zaha Hadid per la stazione di Afragola».

E se il 2 dicembre il ministro Dario Franceschini tornerà a Pompei per inaugurare il percorso "Pompei per tutti", dedicato a chi ha difficoltà motorie, il direttore promette di liberare dalle impalcature per Natale il Tempio di Giove sul Foro. E confessa: «Aspettiamo Bob Dylan a Pompei, ce lo auguriamo per riproporre l'Anfiteatro come sede di grandi eventi della cultura pop contemporanea. Sarebbe bello avere Dylan negli scavi...».

In mattinata Osanna aveva ricevuto il sindaco di Castellammare, Antonio Pannullo, il suo vice Andrea Di Martino e l'assessore Pino Rubino: licenziato il testo dell'accordo per portare alla Reggia di Quisisana il Museo archeologico di Stabiae e una Scuola di alta formazione in archeologia. La giunta comunale di Castellammare domani approverà la delibera da sottoporre poi al voto del Consiglio comunale. A dicembre la firma ufficiale della convenzione che dopo 20 anni dovrebbe dare finalmente una funzione culturale al Quisisana al servizio dell'archeologia vesuviana e meridionale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news