LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - I musei restano senza addetti chiuderanno nei giorni festivi
17 NOVEMBRE 2016, LA REPUBBLICA


SARÀ un Natale duro, per l'arte di Puglia. Il Polo museale regionale annuncia chiusure fino al 31 dicembre. La causa è sempre la stessa: mancano gli addetti ai servizi di vigilanza e accoglienza. Un problema ormai ben noto ai monumenti regionali, già denunciato durante l'estate a proposito del sito archeologico di Canne della Battaglia, inaccessibile a ridosso di Ferragosto, in barba ai turisti che vi si recavano apposta per vivere i luoghi delle prodezze di Annibale e della mostra ancora in corso a Barletta. In alcuni casi gli operatori sono prossimi alla pensione, e non sono in programma nuove assunzioni. A volte, invece, la questione della mancata vigilanza di monumenti, castelli e musei è dovuta dal superamento del 50 per cento dei festivi lavorativi effettuati dai custodi. Canne continuerà a non accogliere visitatori per i mesi di novembre e dicembre, ma perché sottoposta a lavori di restauro. Stessa sorte per il castello angioino di Copertino e per il museo nazionale archeologico di Manfredonia.

E gli altri? Il museo nazionale archeologico di Gioia del Colle e il castello svevo di Trani saranno chiusi nei giorni festivi, garantendo però l'apertura solo per domenica 4 dicembre, in occasione della "Giornata internazionale delle persone con disabilità". "Nelle fasce orarie antimeridiane – precisano dal Polo museale – grazie alla disponibilità e alla collaborazione del personale di altra qualifica". Personale ridotto in entrambi i casi, appunto, ci sono sei unità per ciascuno, una delle quali prossima alla pensione. Rispetteranno invece i consueti orari altri edifici come la galleria nazionale Devanna di Bitonto, palazzo Sinesi a Canosa, il museo e il parco nazionale archeologico di Egnazia, il museo Jatta di Ruvo, quello di Altamura, Castel del Monte e il Castello svevo di Bari. Proprio quest'ultimo aveva destato preoccupazione, di recente. Dopo il gioiello federiciano nelle campagne di Andria, che è il primo monumento regionale per numero di visitatori (250mila all'anno), c'è proprio il colosso barese, che nel 2015 si è fermato a 75mila presenze. Le sale del primo piano sono inaccessibili per lavori di restauro, che hanno causato anche problemi nelle comunicazioni telefoniche. Sarà aperto di domenica, fino a dicembre, ma l'idea che sia sottoutilizzato è sempre più forte, dato che non ospita più grandi mostre ed eventi culturali, a differenza del passato. L'attesa è per maggio 2017, quando sarà il centro nevralgico del G7 dell'Economia, e accoglierà i ministri delle più importanti nazioni del mondo.

(an.pur.)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news