LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Pao: «La mia opera distrutta in soli 3 giorni»
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 22/11/2016

Tempo tre giorni e le sagome di Pao con i personaggi della storia di Milano sono state distrutte. In piazza dei Mercanti rimangono i piedi. Il writer: «Troppa rabbia».

«L’avevo messo in conto. Così come quando dipingo per strada so che l’opera può venire cancellata. In questo caso era anche prevedibile perché delle sagome realizzate con un materiale leggero sono un obiettivo facile per i vandali. Però, certo, mi dispiace. Soprattutto perché sono rimaste in piedi pochissimo tempo». Paolo Bordino, in arte Pao, street artist noto ai milanesi per aver trasformato con le bombolette spray i «panettoni» spartitraffico di cemento in pinguini colorati, aveva fatto appena in tempo a inaugurare, venerdì scorso, l’esposizione delle sue otto sagome di poliuretano espanso a grandezza naturale. Tempo due notti e domenica mattina restavano solo otto paia di piedi. Collocate intorno a piazza dei Mercanti, rappresentavano personaggi della storia di Milano: il mercante fallito, Sant’Eligio, Matteo I Visconti, Belloveso. Sul retro un codice QR permetteva di accedere col cellulare a un video animato di Pao che raccontava un luogo simbolo associato al personaggio: il palazzo dei Giureconsulti, le scuole del Broletto, la loggia degli Osii e così via.

C’è chi ha pensato a una «faida» fra writer, alla vendetta di chi non ha apprezzato la collaborazione di Pao con le istituzioni. «Tutto può essere, ma mi sembra improbabile che qualcuno si prenda la briga di andare per due notti a ripetere un gesto senza nemmeno rivendicarlo. No, per me si tratta solo di gente che bighellona nella piazza. In giro c’è molta rabbia fra i perdenti della globalizzazione che vedono scappare il futuro da sotto i piedi. Ma questo è un fenomeno che riguarda tutta la società, non specifico dei writer o degli street artist. Del resto — continua — sarebbe una forzatura chiamare quel lavoro un intervento di street art. Era un progetto di narrazione storica legato alla città».

Pao aveva accettato proprio perché gli era piaciuta l’idea di far conoscere la storia. «Solo così si riesce a capire dove stiamo andando. Sicuramente c’è chi preferirebbe uno scontro continuo con le istituzioni. Ma invece negli ultimi quindici anni con il Comune si è aperto un dialogo che ha portato a collaborazioni. Nel mondo degli artisti di strada le istituzioni non sono più sentite a priori come nemici. Prima la street art veniva percepita come negativa, ora è vista come un’occasione per riqualificare luoghi degradati. In questo senso, però, Roma è più avanti di Milano. Grazie alla mediazione di alcune gallerie ed associazioni culturali con il Comune sono state dipinte grandi facciate e riqualificati i quartieri. A Milano, invece, gli interventi sono ancora a spot, senza la visione generale di un progetto».

Così succede che mentre Paola Bocci, presidente della commissione Cultura di Palazzo Marino, stigmatizza l’atto vandalico come «stupido»; dall’altro i commenti su internet lo festeggiano come una vendetta del «chi la fa l’aspetti».

Viene da pensare a una giovane generazione illividita contro chi ha avuto successo ed è passata dalla strada alle gallerie. «Non penso sia così. E infatti, di tutti i pinguini che ho dipinto solo uno è stato imbrattato con una firma sulla faccia. Non drammatizzerei».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news