LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Il nostro piano per salvare l’Opificio»
Mauro Bonciani
Corriere fiorentino 23/11/2016

La Fondazione Cr Firenze presenta il primo programma triennale e un nuovo ente per l’istituto di restauro

È il primo piano triennale con il «marchio» Fondazione Cassa di Risparmio ed il cambio non sta solo nel nome, ma nella filosofia e nei mezzi per sostenere il territorio e il patrimonio dell’ex ente di via Bufalini. Ed anche per questo alla presentazione del documento programmatico 2017-2019, Umberto Tombari, il presidente della fondazione erede della banca fondata nel 1829, ha invitato tutte le istituzioni e gli attori principali delle varie realtà di Firenze e della Città metropolitana, a sottolineare l’apertura dell’ente e la volontà di fare rete sui progetti ritenuti strategici.

Nei prossimi tre anni la Fondazione erogherà 90 milioni e tra le novità la più importante è la nascita di una fondazione privata a sostegno e supporto dell’Opificio delle Pietre Dure. «Vogliamo costruire una fondazione privata che apra nuove vie per raggiungere la sostenibilità dell’Opificio — spiega il presidente Tombari — Le sue competenze sono famose a livello internazionale: non credo che questa realtà possa permettersi di avere sezioni chiuse, oggi sono tre, e altre tre che rischiano di chiudere se non interveniamo. Vogliamo salvaguardare le tante competenze che rischiano di essere fortemente penalizzate dalla progressiva riduzione di un organico già sottodimensionato. Vogliamo con la fondazione dare un aiuto sistematico e strutturale a questa eccellenza». «Abbiamo contatti quasi quotidiani con il ministero su questo — aggiunge il direttore generale della Fondazione, Gabriele Gori — e speriamo in tempi brevi di varare la nuova fondazione, anzi il più velocemente possibile. Al 31 dicembre ci saranno pensionamenti all’Opificio, altri fondi verranno meno e vorremmo partire ad inizio 2017. Con che fondi? Sarà di certo una cifra a sei zeri...». Oltre al progetto-Opificio in via Bufalini contano su un’altra scelta, già in fase avanzata: «Il “granaio digitale” nella ex Caserma Cavalli di Firenze, in collaborazione questo con l’acceleratore Nana Bianca. L’idea — afferma Tombari — è intervenire in un luogo dismesso dell’Oltrarno con un progetto di grandissima forza, la promozione di un momento di startup innovative e coworking. Questo luogo sarà uno spazio aperto alla città, e vogliamo farlo vivere durante il giorno e la notte». «Con questo piano 2017-2019 cambiamo il modo di intervenire sul territorio — sottolinea ancora Tombari — non soltanto un intervento sulla base dei progetti di terzi, queste erogazioni rimarranno, ma soprattutto un intervento per valorizzare i progetti strategici della Fondazione che saranno realizzati anche e dove possibile con la partnership di soggetti diversi, sia nazionali che internazionali».

Arriveranno l’anno prossimo 16 bandi, 12 tematici e 4 per il territorio e «la Fondazione si concentrerà su tre macroaree di intervento nei progetti strategici: economia della conoscenza e alta formazione, smart city e innovazione culturale e sociale, cercando di creare nuove occasioni di lavoro sia sostenendo ad esempio l’artigianato sia attraverso la formazione e le nuove tecnologie», aggiunge Gori. I finanziamenti andranno ai settori tradizionali di intervento della Fondazione, cultura, solidarietà e ricerca, ma anche a formazione ed ambiente e la Fondazione punta ad essere protagonista. «Nella nostra autonomia e progettualità vogliamo fare rete col territorio, Firenze, la Città Metropolitana, le provincie di Arezzo e Grosseto, — conclude Tombari — in trasparenza».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news