LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. L’arte contemporanea in piazza. Scontro soprintendenza-sindaco
Claudio Bozza
Corriere fiorentino 23/11/2016

In una lettera al Comune la critica alle installazioni nel centro storico. Nardella furioso

La soprintendenza, con una lettera ufficiale, si schiera contro l’installazione di opere d’arte moderne e contemporanee in vicinanza dei monumenti e dei luoghi di culto. Tra Palazzo Vecchio e Andrea Pessina, numero uno della soprintendenza ad archeologia, Belle arti e paesaggio, è bufera. Il casus belli è stata l’installazione, a lato della basilica di Santa Maria Novella, di Maestà tradita, statua dell’artista Gaetano Pesce contro la violenze sulle donne. Si tratta di una monumentale figura di donna, avvolta in un lungo mantello, eco contemporaneo della celeberrima Madonna Rucellai, commissionata nel 1285 a Duccio di Boninsegna. Un’opera che, esteticamente, non sembra andata giù al soprintendente, che ne ha autorizzato il posizionamento a patto che fosse allontanata dalla facciata della basilica: «Si ritiene comunque opportuno evidenziare le perplessità di questo ufficio circa le scelte generali di codesta amministrazione (Palazzo Vecchio, ndr ) — si legge nella missiva inviata al Comune — relative a proposte di installazioni temporanee di opere di artisti moderni/contemporanei in vicinanza dei monumenti/luoghi di cultura/luoghi di culto».

Informato della missiva, il sindaco Dario Nardella, sentendo colpito uno dei punti della sua azione amministrativa a cui tiene di più(il dialogo tra l’arte contemporanea e la città, appunto), sarebbe andato su tutte le furie. Stupito per il contenuto della lettera, ma soprattutto per il fatto che la soprintendenza si sia spinta su considerazioni ritenute «politiche», Nardella si è sfogato con i suoi più stretti collaboratori. L’eco della polemica deve essere arrivata fino agli uffici della soprintendenza, il cui vertice getta acqua sul fuoco: «L’installazione del maestro Pesce è stata da noi autorizzata e sono spiaciuto di questa polemica — spiega il soprintendente Andrea Pessina, responsabile per la Città metropolitana di Firenze, Prato e Pistoia — Semplicemente ci siamo limitati a sottolineare che, in caso di installazioni d’arte, bisogna tenere conto della necessità di tutelare i monumenti storici e i luoghi di culto. Non voleva essere affatto un discorso più ampio sulle politiche culturali del Comune, perché su quelle si esprimono i cittadini quando esprimono il proprio voto alle elezioni».

Tra sindaco e soprintendente, proprio lunedì, ci sarebbe dovuto essere un incontro per chiarire la vicenda. Il faccia a faccia è saltato per impegni di Nardella, ma si dovrebbe tenere nei prossimi giorni. Se lo augura lo stesso soprintendente: «Mi auguro che ci si possa vedere presto con il sindaco. Sono certo che chiariremo al meglio questa vicenda».

Toni più bassi, quindi, che comunque fanno riaffiorare alla memoria i tempi degli scontri di fuoco tra l’allora sindaco Matteo Renzi e il suo assessore alla Cultura, Giuliano da Empoli, coalizzati a Firenze contro le soprintendenze di ogni ordine e grado. Da Empoli, nel 2011, tacciò di «vecchie zie» (quelle del film Arsenico e vecchi merletti ) Annamaria Giusti, direttrice della Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti per una rovente lettera contro Renzi «allievo diligente del berlusconismo» nonché «preteso Robin Hood», colpevole di aver contrabbandato come vittoria, ovvero come nuovi fondi per Firenze, «la rapina del 20% degli incassi dei musei fiorentini» siglata nell’ accordo sottoscritto al ministero. E l’epiteto rimbalzò anche su Franca Falletti, direttrice della Galleria dell’ Accademia, rea di essersi schierata al fianco della collega Giusti.

Fu uno strappo che segnò un’epoca, terminata con il naturale pensionamento di una intera classe di dirigenti ministeriali, appartenenti ad una cultura (politica e culturale) ben distante da quella di Renzi. Che arrivato a Palazzo Chigi, però, sulla riforma delle soprintendenze non è stato poi così pesante come promesso alla vigilia.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news