LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Colosseo, i soldi mai più a Roma. I 60 milioni di incassi al ministero
Maria Rosaria Spadaccino
Corriere della Sera-Roma, 25/11/2016

Finora garantivano l’autonomia allo stesso monumento e ad altre aree archeologiche. La riforma del ministero cominciata due anni fa, e che ha già tolto alla soprintendenza speciale il Museo Nazionale romano, l’Appia Antica ed Ostia, continua il suo percorso di «razionalizzazione» a suon di emendamenti



I soldi del Colosseo non resteranno a Roma, ma neanche quelli del Palatino e dell’area archeologica centrale. I 60 milioni di incasso annuale della bigliettazione, che permette al primo monumento italiano di riuscire ad essere autonomo e ad aiutare anche la tutela delle restanti aree archeologiche romane, è un tesoretto interessante, che sta per tornare a dipendere completamente dal Ministero.

Finisce l’autonomia

Facciamo un esempio: se dovesse accadere che un evento naturale danneggi improvvisamente l’arco di Tito la soprintendenza non avrebbe più l’indipendenza economica ed amministrativa per intervenire immediatamente. La riforma del ministero cominciata due anni fa, e che ha già tolto alla soprintendenza speciale il museo Nazionale romano, l’Appia Antica ed Ostia, continua il suo percorso di «razionalizzazione» a suon di emendamenti. È una vicenda lunga, complessa, si consuma in un linguaggio politico-burocratese nelle stanze di commissioni parlamentari, tra commi nascosti nella legge di stabilità e nel decrete fiscale.

Muoiono le soprintendenze speciali

La sostanza è che si sta cercando, è forse si è già riusciti, di sottrarre i soldi che arrivano dagli incassi del Colosseo alla soprintendenza, chiudendo per sempre l’esperienza delle soprintendenze speciali, quindi la loro autonomia. Una definizione - speciale - che è collegata alle città antiche e alle loro pregiate stratificazioni, che questi uffici ministeriali gestiscono. Un patrimonio archeologico unico: solo Roma e Pompei sono soprintendenze speciali.

Il caso Appia Antica

Nate 20 anni fa, per idea dell’allora ministro dei Beni Culturali Walter Veltroni che le creò per permettere una gestione diretta e veloce dei fondi e degli interventi in zone di profondo valore storico architettonico e di uguale delicatezza, le soprintendenze speciali hanno avuto negli anni un ruolo importante, soprattutto per la tutela e la conservazione del patrimonio. A loro si devono molte scoperte che hanno resi i nostri beni culturali ancora più pregiati: basti pensare - una per tutti - all’Appia Antica. Meraviglioso ed unico museo a cielo aperto, ormai entrato nel tessuto urbano della città, grazie ad un certosino lavoro di valorizzazione.

Gli emendamenti Bonaccorsi

Farle scomparire non è facile, è un boccone indigesto anche per chi ha deciso la loro fine. Si pensi che per ottenere il risultato della soppressione delle soprintendenze speciali l’emendamento Bonaccorsi è stato presentato per ben 5 volte: 2 volte nel testo base della legge di stabilità, una nel decreto fiscale e due come emendamento alla Camera. Stralciato più volte, è stato finalmente approvato martedì scorso nel silenzio più totale. Ora cosa accadrà? E pensare che poco più di un anno fa una commissione paritetica Stato/Comune aveva iniziato a lavorare alla ricongiunzione dell’area archeologica centrale (ovvero i Fori) per valorizzarla. Insomma, si volevano unire sotto una unica testa i Fori di competenza statale e comunale. Ora si torna indietro.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news