LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE-La poltrona di Pesce e i veri conservatori della politica culturale impolitica
Tomaso Montanari
www.emergenzacultura.org, 24/11/2016

DOPO anni di inchini compiacenti, un soprintendente fiorentino torna a fare ciò per cui lo paghiamo. Cioè applicare la legge, e — in scienza e coscienza — difendere l’integrità della città. E, immediatamente, scoppia l’indignazione dell’amministrazione, e dei suoi accoliti. D’altra parte, proprio in queste ore una ministra assai in vista concorda pubblicamente con Matteo Salvini su un obiettivo esplicito e preciso: abolire le odiate soprintendenze.

È vero, il soprintendente Andrea Pessina ha probabilmente scritto una riga di troppo, nella sua lettera: quella in cui esprime perplessità sulla politica “culturale” dell’amministrazione Nardella, cioè sulla routine per cui opere contemporanee vengono esposte in contesti storici. Qua si va a toccare l’autonomia di chi governa la città che ne risponde ai cittadini, e non ai soprintendenti.
Benissimo. Da cittadino vorrei allora dire che, nel merito, concordo con ogni parola di Pessina. Il sindaco- assessore alla cultura ha consegnato la politica artistica di Firenze al principale dei suoi consiglieri. Il quale ripete ovunque lo stesso copione immutabile: un’opera “contemporanea” viene inserita in un luogo monumentale e celeberrimo della città. Fine. Seguono le autocelebrazioni sulla “coraggiosa e audace scelta di far dialogare antico e moderno”. Noi sì che siamo moderni. Applausi della corte.
Vorrei chiarire un punto fondamentale, prima di fare due obiezioni radicali. Non c’è nulla di sbagliato (o di dissacrante, o di irriverente) nel dialogo tra antico e contemporaneo. Semmai è un’idea vecchia: ha oltre cinquant’anni di vita, e già negli anni ottanta era la mania di molti arredatori. Dunque non c’è scandalo, perché non c’è nulla di nuovo. Il problema è un altro.
Primo. Non c’è alcun dialogo, perché Palazzo Vecchio ripesca cose vecchie nate per altri contesti, e si limita a schiaffarle al centro delle cartoline fiorentine. Prendiamo la poltrona ginecologica di Gaetano Pesce: è stato quest’ultimo a rivelare che essa doveva essere esposta in piazza della Signoria (in rete gira anche un rendering), ma dopo una fuga di notizie estiva, Nardella, per prudenza, l’ha dirottata a Santa Maria Novella. Allora, che dialogo è? Se la stessa cosa può dialogare indifferentemente con piazza della Signoria e piazza Santa Maria Novella vuol dire una cosa sola: che non dialoga con niente, se non con se stessa. Qui non siamo alla sartoria, siamo al grande magazzino. Anzi, all’outlet del vintage: perché Koons, Fabre e Pesce ci hanno rifilato vecchie idee nate per tutt’altri contesti.
Secondo. Chi è davvero conservatore? Chi usa Firenze come una quinta monumentale buona a sdoganare la qualunque o chi denuncia lo sciacallaggio intellettuale di questa stanchissima messa a reddito del nostro centro storico? È Pesce che valorizza Leon Battista Alberti o non invece è il solito giochetto dei nani inerpicati a forza sulle spalle dei giganti?

Volete essere rivoluzionari? Portate l’arte nelle periferie, portatela dove la vita quotidiana declina verso il brutto e l’abbandono. Si crei davvero qualcosa di nuovo, invece di vivere di rendita alla spalle di un passato che si dice di voler superare, e che invece si strumentalizza senza ritegno. Davvero il soprintendente aveva torto a parlare di politica culturale: perché è da un pezzo che a Firenze non se ne vede una.

Repubblica-Firenze, 24-11-2016



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news