LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. «Musei più “familiari” per questo apriremo a Natale e Capodanno»
Mo. Zi.
Corriere del Veneto 25/11/2016

La linea di Gribaudi per Ducale, Correr, Ca’ Pesaro e Vetro

VENEZIA. Palazzo Ducale, Museo Correr, Ca’ Pesaro e Museo del Vetro resteranno aperti anche a Natale e a Capodanno. Con un orario dalle 11 alle 19, tarato per accogliere i visitatori che decidono di trascorrere le festività canoniche a Venezia. È ufficiale, lo ha annunciato ieri la presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Musei Civici Maria Cristina Gribaudi. «Come presidente della Fondazione Musei sono d’accordo col sindaco: i musei devono restare aperti a Natale e a Capodanno. Per questo abbiamo deciso che il 25 dicembre e il primo gennaio saranno aperti con orario speciale quattro degli undici musi del circuito – spiega – Una decisione che abbiamo preso nel rispetto di ciò che abbiamo annunciato all’inizio del nostro mandato: la missione dei musei è essere aperti alla cittadinanza e aprirsi ad un respiro internazionale».

Un’esperienza pilota, in Italia, per i musei pubblici; nelle capitali europee solo Berlino non chiude mai i cinque musei della Museum Insland. «Se i visitatori sono più propensi a venire a Venezia in quei giorni è giusto dare un servizio – continua la presidente - I musei devono essere una casa sempre aperta, da frequentare con naturalezza: abbiamo sperimentato gli spazi di coworking, il wi-fi aperto, il pianoforte a Ca’ Pesaro nella logica che il museo deve aprirsi al mondo. Sperimentazioni che hanno dato risultati eccellenti». I Servizi Educativi con i laboratori per bambini, rodati quest’anno hanno stabilito il ritmo delle attività che ci saranno in futuro: « Nel 2017 saranno duemila le attività educative», annuncia la presiedente Gribaudi. Proprio ieri c’è stata una riunione del Cda dirimente, seguita ad un incontro con lo staff. «Stiamo pensando anche a stanze per il pranzo diverse dalle aree bar, in futuro. Il tema è centrale: una logica orientata alle famiglie. Perché i bambini che oggi si trovano a proprio agio in museo, saranno i visitatori di domani». Un domani potranno anche esserci aree per il pranzo non legate gli spazi bar. «Col sindaco siamo d’accordo – afferma la presidente – Ogni museo deve diventare un salotto fruibile della città, uno spazio che apre le porte al vivere con naturalezza l’arte».

Il progetto di apertura nelle feste comandante non è ancora stato discusso con i dipendenti degli appalti e la nuova gara in corso lascia sul tavolo l’argomento senza ulteriori specifiche. Starà al nuovo vincitore del bando decidere se premiare in termini retributivi il lavoro durante le feste comandate, per facilitare col salario le aperture natalizie straordinarie oppure optare per turni e compensazioni sul riposo. «Chi lavora di domenica ha già una maggiorazione, la stessa riconosciuta a coloro che lavorano il 1° novembre, l’8 dicembre o a Pasqua – conclude Gribaudi – Mettiamo in conto che ad ogni cambiamento ci siano sempre favorevoli e contrari». Che si basi su maggiorazioni in busta paga o su turni senza maggiori oneri, a Natale partirà comunque la rivoluzione delle aperture dei Musei Civici.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news