LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Museo di Antonello e Caravaggio Pronto da 21 anni e ancora chiuso
Riccardo Bruno
Il Corriere, 23-10-2016

Questa non è la solita storia dell’opera incompiuta. Il Museo regionale di Messina è pronto e completo. Già da tempo, per la verità. Consegnato dalle imprese che avevano vinto l’appalto alla Regione siciliana nel lontano 1995, 21 anni fa, e con 250 opere già appese e sistemate in attesa di essere ammirate dai visitatori. Peccato che gli ingressi siano ancora sbarrati. Vent’anni di modifiche, adeguamenti, piccoli interventi e cantieri a singhiozzo. E ogni volta, taglio del nastro rimandato. Fino agli ultimi due progetti finanziati con fondi europei, conclusi l’anno scorso. Doveva costare 7 miliardi di lire, sono stati spesi 15 milioni di euro, il quadruplo.
La data e i timori
«Finalmente siamo vicini. Gli ultimi adempimenti riguardano l’impiantistica di sicurezza e infine il trasferimento delle restanti 40 opere dalla vecchia struttura» assicura Carlo Vermiglio, assessore regionale ai Beni Culturali che nelle scorse settimane ha promesso di aprire il museo entro la fine dell’anno. E una data in effetti è stata fissata. «Il 9 dicembre, in occasione dell’inaugurazione di una mostra nella sede attuale, faremo la presentazione nella nuova struttura e apriremo alcune sale» fa sapere Caterina Di Giacomo, direttrice del Museo. Insomma, per l’apertura vera e propria sembra di capire che bisognerà pazientare ancora un po’. «Ma ormai ci siamo, a questo punto bisogna essere ottimisti» aggiunge la direttrice, che nel frattempo ha completato l’allestimento, nove settori che ripercorrono la storia dal Medioevo al primo 900. Domenico Gioffrè, storico e archivista, non si fida troppo: «È stata annunciata un’apertura parziale e a cantiere aperto. Speriamo che questa sia la volta buona, ma mi sembra la solita storia di promesse e inaugurazioni ogni volta rinviate». Gioffrè da mesi tempesta di lettere ministri e assessori e ha anche aperto una pagina Facebook, «Apriti Museo», avviando una raccolta di firme. «Quella di Messina sarebbe un museo straordinario. Tele, statute, vasi, una struttura interdisciplinare che pochi possono vantare. Eppure tutto è fermo da decenni. E quello che mi stupisce è la mancanza di indignazione».

I capolavori
Tra gli ultimi nodi da sciogliere sembra ci sia stato anche quello del personale. Soltanto i custodi dovranno essere una settantina. La Regione non pensa a nuove assunzioni ma a spostare personale da altri siti poco visitati, e questo ha creato qualche inevitabile intoppo e malumore. Anche perché, rispetto all’ex Filanda individuata negli anni Venti come sede provvisoria e invece tuttora funzionante, gli spazi saranno almeno
Madonna col Bambino benedicente,di Antonello da Messina
Madonna col Bambino benedicente,di Antonello da Messina
quintuplicati. Una volta aperto, il nuovo Museo di Messina diventerà per estensione il secondo del Meridione, dopo Capodimonte: un edificio su due livelli con una superficie di 4.500 metri quadrati, più 5.500 all’esterno (dove state collocate alcune opere) e ancora i 3.000 del seminterrato riservato a biblioteca e laboratori. Degli oltre diecimila pezzi catalogati, solo 300 saranno esposti. Ma di sicuro valore e richiamo, come la Madonna col Bambino benedicente di Antonello di Messina, la Resurrezione di Lazzaro di Caravaggio o la statua di Nettuno del Montorsoli. Un gioiello insomma, una sogno che dopo un secolo ancora non si è avverato.
L’appello d Mattarella
Era il 28 dicembre del 1912 quando l’allora soprintendente Antonio Salinas conferì il primo incarico per accogliere il patrimonio della città recuperato tra le macerie del terremoto del 1908. Da allora una serie infinita di progetti presentati e bocciati, annunciati e ritirati, e in mezzo due guerre Mondiali e un fiume di denaro e tempo perso. Fino all’appalto concorso bandito nel 1983, due anni dopo finalmente l’inizio dei lavori. Erano già passati 70 anni, che sarebbe stato già un bel primato, e invece era solo l’inizio dello stillicidio di promesse e ritardi. «È un museo fondamentale per la cultura di Messina e del Sud. Dopo il terremoto poco è rimasto della memoria storica della città», spiega Bernardo Tortorici, presidente degli Amici dei musei siciliani. Lo scorso luglio, durante un incontro al Quirinale, ha raccontato al presidente Sergio Mattarella l’incredibile caso del museo di Messina. «Si è dimostrato a conoscenza della vicenda — racconta Tortorici —. Ha spiegato di non ha poteri diretti, ma ha promesso che avrà un ruolo esortativo. Ce lo auguriamo, ma finché non viene fissata una data precisa non possiamo stare tranquilli». Dopo 106 anni dal terremoto, 102 dal primo incarico, 21 dalla fine dei lavori, è una richiesta più che legittima.

http://www.corriere.it/cronache/16_ottobre_19/museo-antonello-caravaggio-pronto-21-anni-ancora-chiuso-messina-53b1ead6-9615-11e6-9c27-eb69b8747d1f.shtml


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news