LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per il Sovrintendente di Roma servono 30 mln per curare il Patrimonio culturale
Quotidiano Arte, 5/10/2016

Versa in una “situazione grave” il patrimonio culturale di Roma, tanto che nei casi di maggiore emergenza “ci sono rischi di perdita del bene stesso”. Accade per esempio per le Mura Gianicolensi, ma anche per alcuni pezzi dello stesso Palazzo Senatorio, sede del Campidoglio, tra cui la Torre campanaria e il cornicione. Per fare rientrare tutte le priorita’, definite dai tecnici di ‘fascia uno’, “servirebbero 30 milioni di euro”. La conta dei beni culturali a rischio arriva direttamente dal sovrintendente di Roma Capitale, Claudio Parisi Presicce, intervenuto oggi in commissione Cultura. “E’ inutile nasconderlo- ha detto Presicce ai consiglieri- la situazione e’ grave. Ci sono rischi di perdita del bene stesso”. Dei tre gradi di priorita’ individuati dai tecnici della Sovrintendenza capitolina, “il primo e’ quello che racchiude vere e proprie emergenze, per affrontare le quali servono circa 30 milioni di euro. Qualche esempio? Ce ne sono a decine, come le Mura Gianicolensi che sono recintate da decenni. Poi la Torre campanaria, a Palazzo Senatorio, ma anche il cornicione davanti, che ha gia’ visto un crollo e che va impermeabilizzato”. Ma non solo, perche’ “anche per alcune ville la situazione e’ drammatica. Tra queste- ha precisato Presicce- Villa Sciarra e anche Villa Pamphilj“. E poi ancora i monumenti di piazza di Porta Maggiore, che per Presicce “sono in una condizione di degrado assoluto”, la Cisterna lungo via Cristoforo Colombo, alcuni monumenti del Colle Oppio e altre strutture sul Colle Celio. “Queste strutture- ha detto- hanno necessità di un finanziamento al più presto”. Spesso, ha detto poi il sovrintendente intervistato dall’agenzia Dire a margine della commissione “sono opere poco note, ma sono testimonianze della storia di tutte le epoche che si sono stratificate nel tempo e che rappresentano la somma dell’identità culturale di questa città, e quindi di tutta la nazione. Anzi, direi che si tratta di un’identità condivisa da parte di molti Paesi europei e probabilmente dell’intero globo terrestre. Sono spesso luoghi che in passato erano accessibili e che quindi fanno parte di quel nucleo di patrimonio indisponibile che possiamo rappresentare come una stanza chiusa nell’ambito della nostra casa. E, guarda caso, è proprio quella stanza dove conserviamo le derrate alimentari: ciò che serve per sostentare chi abita questa casa. Quindi- ha tenuto a dire il sovrintendente- il danno è duplice: una sottrazione al godimento e alla fruizione e una sottrazione di risorse per dare sostentamento a questa città”. La Sovrintendenza ha redatto delle schede per ogni singolo monumento, ognuna delle quali riporta l’ammontare dei fondi necessari. “Abbiamo individuato le priorità- ha spiegato Presicce- quelle che noi consideriamo di fascia uno e abbiamo condiviso con l’assessore Bergamo la necessità di trovare dei finanziamenti almeno per queste priorità. Stiamo parlando di un totale di 30 milioni di euro. Abbiamo fatto un elenco di dieci opere e ci auguriamo che nel prossimo Bilancio di Roma Capitale ci sia almeno una parte dei fondi per questo patrimonio. Mi auguro ci siano i fondi almeno per due o tre opere”. “Non mi nascondo le difficoltà che ci sono in questo momento dal punto di vista della disponibilità delle risorse- ha detto ancora Presicce- e tuttavia insisto perché ci sia la massima attenzione. E’ infatti dal recupero di questo patrimonio che può derivare quella capacità di assorbimento di nuove forze lavoro e produzione di reddito che consentirà a Roma di ripartire in tutti i suoi settori della vita sociale&rquo. Ai membri della commissione Cultura, Presicce ha anhe spiegato la situazione dei fondi di cui dispone la Sovrintendenza per la manutenzione ordinaria. Perché è proprio questa che è mancata ai monumenti più a rischio che adesso hanno bisogno di interventi straordinari per essere recuperati. “Purtroppo- ha spiegato- va detto che dal 2014 la Sovrintendenza non ha più fondi per la manutenzione ordinaria. Quello che spendiamo sono introiti che derivano da concessioni e da diritti di immagine. Ma abbiamo a che fare con immense necessità accumulate nel tempo. Per molti anni- ha detto- gli appalti per la manutenzione ordinaria erano tre da tre milioni di euro ciascuno. Nel 2014, però, siamo scesi a una cifra irrisoria e sono state assegnate solo due somme da 700mila per il Centro e 500mila per il suburbio”.
Agenzia DIRE «www.dire.it»

http://www.quotidianoarte.it/models/articolo.aspx?ttl=Per_il_Sovrintendente_di_Roma_servono_30_mln_per_curare_il_Patrimonio_culturale&artN=3139


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news