LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Raffaello non lasci Firenze!
Teodoro de Giorgio
Huffington Post, 6/9/16

Tra pochi giorni quattro dei maggiori capolavori del periodo fiorentino di Raffaello conservati agli Uffizi e a Palazzo Pitti, nello specifico l'autoritratto dell'artista, la Madonna del Granduca e i ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi, da Firenze partiranno alla volta di Mosca. Raffaello e la poesia del volto.

Opere dalla Galleria degli Uffizi e da altre collezioni italiane è il titolo della mostra, allestita al museo Pushkin dal 12 settembre all'11 dicembre 2016, nella quale verranno esposti i quattro inestimabili dipinti. Si apprende dai comunicati stampa diramati che l'esposizione è frutto dell'accordo di cooperazione sottoscritto il 12 luglio scorso, nella sede dell'ambasciata italiana a Mosca, dal neo-direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, e dalla direttrice del Museo Pushkin, Marina Loshak, alla presenza dell'ambasciatore Cesare Maria Ragaglini (rassegna stampa qui). Principale sponsor dell'evento è la compagnia petrolifera russa Rosneft. Nella conferenza stampa di presentazione, l'ambasciatore italiano, dopo aver messo in evidenza l'"eccezionale livello scientifico" dell'iniziativa, ha sostenuto con soddisfazione che si tratterà "per i prossimi cinque anni della mostra su Raffaello più importante al mondo". Basta leggere quanto riportato sul sito ufficiale del Ministero degli affari esteri per comprendere l'entità del livello scientifico: "La scelta di Raffaello non è casuale, anche perché al di là della sua fama mondiale, si tratta di un artista che ha esercitato una grande influenza sulla cultura russa, soprattutto sulla letteratura dall'Ottocento, fino a tempi più recenti".

Un'argomentazione priva di cognizioni scientifiche storico-artistiche da apparire assurda. Il fatto che scrittori come Dostoevskij e Tolstoj avessero una particolare predilezione per le opere di Raffaello (come, del resto, l'avevano anche per le opere di altri artisti italiani del Rinascimento) non può in alcun modo giustificare il prestito di opere tanto preziose e, soprattutto, fragili sul piano conservativo; e questo vale anche per le opere concesse dagli altri musei italiani. Da queste premesse si desume chiaramente come l'iniziativa, in realtà, sia un'operazione diplomatica finalizzata a esporre le opere dell'artista superstar di turno al solo scopo di mantenere solide relazioni, non solo culturali, tra Italia e Russia. La riprova viene dalle mostre blockbuster organizzate negli anni passati, sempre nell'ambito di progetti culturali congiunti, e dedicate ai grandi maestri dell'arte italiana, come Caravaggio, Tiziano e Piero della Francesca. L'esposizione, come si augura la direttrice del Museo Pushkin, dovrebbe contare sulla disponibilità di ben dieci capolavori di Raffaello; l'autoritratto dell'artista, inoltre, sarà esposto in anteprima - con apposito evento nell'evento - in Ambasciata a Mosca il 9 settembre. Stessa sorte toccata alla Flora di Tiziano, custodita agli Uffizi, che in occasione della grande mostra dedicata all'artista nel 2013 sempre al Museo Pushkin venne esposta in anteprima in Ambasciata. "Le Gallerie degli Uffizi - ha aggiunto l'ambasciatore Ragaglini - si sono dimostrate particolarmente generose con i prestiti".

E, in effetti, questa estrema generosità sorprende un po' troppo. "A completare la mostra - prosegue Ragaglini - ci saranno altri prestiti dai musei di Bergamo e di Brescia, e da altri musei italiani". Insomma, la mostra "sarà una pietra miliare" - ancora l'ambasciatore - della diplomazia italo-russa.

Sono fermamente convinto che le opere più rappresentative di un museo non dovrebbero mai essere date in prestito. Questo per non sciogliere, neppure per un istante, quel legame tra l'opera e il suo contesto di appartenenza e, soprattutto, per non depauperare della propria identità istituzioni museali che associano parte del loro prestigio a specifici capolavori. Ora, "deportare" per tre mesi in Russia opere tanto identitarie, e delicatissime, del patrimonio culturale italiano può considerarsi una decisione responsabile? Perché il neoassunto direttore degli Uffizi e i responsabili degli altri musei italiani non hanno opposto (come avrebbero dovuto!) un netto rifiuto ai prestiti, che potrebbero rivelarsi estremamente traumatici - per non dire fatali - per le opere? E poi, il direttore degli Uffizi è al corrente che il ritratto di Raffaello ha trascorsi conservativi altamente precari e che nel corso delle indagini diagnostiche condotte durante l'ultimo restauro la sua fragilità conservativa è stata confermata? Il direttore degli Uffizi è al corrente che sulle superfici pittoriche dei due ritratti su tavola dei coniugi Agnolo e Maddalena Doni sono presenti vistosissime fessurazioni che ne sconsigliano spostamenti e sbalzi termici? E se questo non bastasse, la Madonna del Granduca, così chiamata perché il Granduca di Toscana Ferdinando III vi era tanto legato da non separarsene mai, è una delle opere di Raffaello più emblematiche e riconoscibili al mondo e come tale non dovrebbe, in nessun caso, lasciare Palazzo Pitti.

Valga questo esempio: l'assenza, per quanto temporanea, dell'opera dal suo connaturale contesto può essere paragonata a un padrone di casa che in occasione di un sontuoso ricevimento non si faccia trovare dagli ospiti giunti appositamente per lui. E non si dica che, nonostante i rischi conservativi, i dipinti saranno ambasciatori dell'arte italiana all'estero, perché - com'è noto - "ambasciator non porta pena".

http://www.huffingtonpost.it/teodoro-de-giorgio/raffaello-firenze-russia-_b_11864716.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news