LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Busto come l’Isis in Siria. Il no di Ferrario
Andrea Aliverti
La Provincia di Varese, 31/8/2016

L’architetto da sempre difensore dei prestigiosi patrimoni della città si scaglia contro l’ipotesi di demolizione del “Conventino” di via Matteotti


BUSTO ARSIZIO - «La tutela dei beni storico-architettonici a Busto? Allo stesso livello dell’Isis in Siria e in Iraq». Non lascia scampo l’architetto Giovanni Ferrario, da anni appassionato difensore degli immobili architettonici di pregio della città, che commenta così - «non c’è limite al peggio» - la notizia dell’ipotesi di una demolizione del “Conventino” di via Matteotti, lasciata trapelare dall’assessore alla cultura Paola Magugliani.

«Pare che la “tutela” dei beni storico-architettonici in quel di Busto possa avere un paragone solo con la “tutela” messa in atto dall’ISIS sui monumenti in Siria e in Iraq - lo sfogo di Ferrario in una lettera aperta - dopo la ciminiera di via Pisacane, tocca al Conventino di via Matteotti: uno tra gli edifici più antichi ed interessanti di Busto, le cui origini risalgono, forse, al XVI secolo, oggetto di studio negli anni da parte di studiosi locali e di colleghi architetti, anche docenti di restauro del Politecnico di Milano, di cui si propone – essenzialmente per motivi economici – una demolizione completa e la “riedificazione fasulla” di un edificio che gli assomigli». Per Ferrario è di per sé «inconcepibile, a meno che non si tratti di una provocazione», anche perché la giustificazione economica di una demolizione traballa di fronte ad un Comune che «non si è mai fatto tanti scrupoli ad utilizzare denaro pubblico per costruire nefandezze ancora incomplete come il palaghiaccio», così all’amministrazione e all’assessore vengono rivolte una serie di domande: «Perché decidere l’abbattimento di un Bene storico per ricostruire qualcosa di vagamente simile ma senza più un’anima, né alcun pregio né alcun valore storico? E per insediarci quali funzioni?». E ancora: «Perché non richiedere di proseguire l’elaborazione dei progetti di restauro e di recupero già predisposti da valenti professionisti, arrivando per prima cosa ad avere le idee ben chiare su cosa dovrà essere il Conventino?». Ferrario prosegue: «Perché non mettere definitivamente in sicurezza le parti pericolanti – scongiurando quindi il problema sicurezza – e non iniziare a pensare ad un recupero graduale, per passi successivi e quindi senza disporre fin da subito dell’intera somma necessaria per l’intervento complessivo, cominciando da ciò che è più urgente fare?». E infine: «Perché non iniziare ad utilizzare per il restauro quanto il Comune dovrebbe incassare a seguito della mancata realizzazione del parcheggio interrato di piazza Vittorio Emanuele?».

http://www.laprovinciadivarese.it/stories/busto-e-valle-olona/busto-come-lisis-in-siria-il-no-di-ferrario_1199396_11/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news