LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Sorpresa all'Egizio: "Identificate a Torino le gambe della regina Nefertari"
JACOPO RICCA
Repubblica-Torino, 02/12/2016

Gli arti mummificati conservati in una teca attribuiti alla faraona sposa di Ramses II. La scoperta illustrata sulla rivista "Plos One". Cautela del museo



Scoperti a Torino i resti della mummia di Nefertari, la moglie di uno faraoni più potenti dell'antico Egitto. In una teca del Museo Egizio sarebbero infatti conservate le gambe mummificate della moglie di Ramses II: lo sostiene un team di ricercatori internazionali che nei giorni scorsi ha pubblicato sulla rivista scientifica “Plos one” un lungo articolo dove si spiega quali e quanti elementi avvalorino questa tesi, la lunghezza delle ossa, il tipo di malattie mostrate dalle analisi dei reperti e anche la corrispondenza di età con quella in cui si stima sia morta la favorita del faraone: “Non c'è stata la possibilità di fare il test del Dna perché non abbiamo il corredo genetico di nessuno dei suoi parenti più stretti, ma 14 caratteristiche su 16 ci confermano che si tratta di Nefertari” spiega Raffaella Bianucci, ricercatrice della sezione di Medicina Legale dell'Università di Torino e dell'ateneo di Warwick in Gran Bretagna.

L'esperta ha firmato l'articolo insieme con l'egittologo Michael E. Habicht, che lavora per l'istituto di medicina evolutiva dell’Università di Zurigo, l'ex direttrice dell'Egizio Eleni Vassilika e altri ricercatori: “Si tratta di uno studio multidisciplinare dove si sono messe insieme diverse competenze per cercare di identificare di chi fossero i resti – racconta Bianucci – L'analisi è stata fatta direttamente al museo prima che l'allestimento fosse cambiato. Abbiamo preso in esame molti parametri e, anche se la certezza assoluta non può esserci, siamo convinti si tratti di Nefertari”.

La tomba della regina, identificata con il nome in codice QV66, era stata scoperta ufficialmente ai primi del Novecento dall'archeologo biellese Ernesto Schiaparelli che, nel 1904, trovò la sepoltura già irrimediabilmente saccheggiata: “Il sarcofago di Nefertari, in granito rosa, era già stato distrutto in diverse parti – ricorda la ricercatrice – Quel che ne è rimasto si può proprio ammirare all'Egizio di Torino, così come i calzari della regina e altre parti del suo corredo funerario che ci sono stati fondamentali per arrivare all'identificazione”. Anche la mummia era già stata smembrata e la spedizione di Schiaparelli, la Missione Archeologica Italiana che lavorò nella Valle delle Regine tra il 1903 e il 1905, riuscì a portare a Torino sono le gambe, proprio quel femore, quella rotula e quella tibia che ora si pensa siano di Nefertari.

“Secondo le nostre analisi si tratta di una donna tra i 40 e i 50 anni, l'età che aveva la regina al momento della sua scomparsa – aggiunge Bianucci – In quella tomba non dovevano esserci altre donne di quella età. Purtroppo le analisi chimiche confermano che i reperti sono stati fortemente contaminati prima della scoperta ufficiale, e cioè quando furono smembrati i resti, ma tutti gli studi ci fanno pensare che questa sia l'ipotesi corretta”. Il test del Dna si è rivelato poco utile proprio per l'elevata contaminazione dei resti che avrebbe falsato anche la prova al radiocarbonio che porterebbe a retrodatare la morte di 200 anni, cosa implausibile visto che sulla datazione della tomba non ci sembrano dubbi.
Sorpresa all'Egizio: "Identificate a Torino le gambe della regina Nefertari"

Uno degli elementi più forti a sostegno dell'ipotesi restano i sandali, realizzati con foglie di palma e papiro, che portano la sigla di Nefertari e fanno parte del suo corredo, e calzerebbero la misura delle gambe analizzate e conservate a Torino. I manufatti trovati sono tutti riconducibili al regno di Ramses II, che andò avanti dal 1290 e il 1224 avanti Cristo. La regina Nefertari è considerata una delle figure femminili più belle e influenti dell'antichità e la sua immagine stilizzata compare in alcune delle pitture più celebri dell'Egitto.

Dalla direzione del museo non arrivano commenti ufficiali sulla scoperta: “Preferiamo essere cauti su questa ipotesi. Se dovessero esserci conferme ulteriori non potremmo che esserne contenti, ma per ora preferiamo aspettare” dice Enrico Ferraris, uno dei curatori. Anche la presidente dell'Egizio, Evelina Christillin non si lascia andare all'entusiasmo:
“Ho sentito quello che hanno detto gli esperti e sono in attesa di avere altre risposte. Non vogliamo certo vendere ai nostri visitatori false illusioni, quindi per ora aspettiamo”. Proprio in queste settimane, e fino all'aprile 2017, il corredo funerario e parte del sarcofago di Nefertari sono in Olanda, al Rjiksmuseum di Leiden, dove è stata allestita una mostra temporanea con i reperti del museo Egizio dedicata proprio alle mogli dei faraoni.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news