LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Art Bonus 2016, Comune di Parma: ecco i momumenti da recuperare
30 novembre 2016 LA REPUBBLICA


ll Comune di Parma ha presentato, dopo la prima lista di beni culturali inserita nel progetto Art Bonus nell’ottobre 2015, un nuovo elenco di cinque monumenti che necessitano di interventi di recupero.

Contestualmente agli ultimi interventi di restauro sostenuti direttamente dal Comune che hanno interessato tra gli altri il Monumento alle Barricate e il Complesso scultoreo di Barriera Bixio, grazie al contributo dei privati, è stato possibile anche portare a termine il restauro del dipinto di Giovanni Riccò San Giovanni plorante e della lapide marmorea dedicata a Cesare Battisti.

Il nuovo elenco di beni che l’Amministrazione, dopo una valutazione e ricognizione dello stato e delle condizioni degli stessi, ha deciso di inserire in Art Bonus comprende alcuni monumenti dedicati alla memoria dei Caduti della prima guerra mondiale (nel quartiere San Pancrazio, San Leonardo, San Lazzaro e nella frazione di Baganzola) e il celebre Monumento alla Vittoria di viale Toschi che, per la statua in bronzo della Vittoria alata, porta la firma del grande scultore Ximenes.

Si ricorda che la legge di stabilità 2016 ha reso permanente l’Art Bonus confermando un’agevolazione fiscale al 65% per le erogazioni liberali a sostegno della cultura e offrendo, quindi, una nuova grande opportunità per le imprese, ma anche un'occasione per ogni cittadino di essere mecenate in primis contribuendo, attraverso strumenti concreti ed operativi, a riportare all'originario splendore alcuni dei più significativi monumenti della città.

Monumento alla Vittoria – Viale Toschi
Il progetto venne ideato su iniziativa della Scuola di Applicazione di Fanteria, sostenuta dal Ministero della Guerra: nel 1919 cominciarono le trattative tra il comando della scuola e l’amministrazione comunale e l’elaborazione dei bozzetti fu affidata all’architetto Cusani. Le parti di scultura in bronzo, fuse dall’Arsenale militare di Torino, furono affidate a Ettore Ximenes, che in città aveva già progettato sia il monumento a Bottego sia quello a Giuseppe Verdi. I lavori iniziarono nel 1930 e si conclusero nel 1931. L’inaugurazione della colonna marmorea sormontata dalla Vittoria (il 27 settembre 1931) venne fatta in presenza del Re Vittorio Emanuele III, con cerimonie solenni. Nel 1941, in piena seconda guerra mondiale, la statua della Vittoria rischiò di essere smontata e fusa per scopi bellici, ma si salvò principalmente grazie all’intervento di Mussolini, che ordinò la sospensione dei lavori di smantellamento. Nel 1989 invece la colonna con la Vittoria venne spostata di alcuni metri per permettere la costruzione del parcheggio sotterraneo. Per quanto riguarda la figura della Vittoria, Ettore Ximenes, già esecutore di vari monumenti in Italia e all’estero, fece riferimento sia a modelli antichi e classicheggianti, sia a schemi decorativi che molto si avvicinano al Liberty, conosciuto durante un suo periodo di lavoro a Parigi.
Costo indicativo Previsto €. 91.500,00

Monumento ai Caduti di San Pancrazio – Via Emilia Ovest
Come nelle altre circoscrizioni, anche a San Pancrazio è stato dedicato un monumento ai caduti della prima guerra mondiale. L’opera, che si sviluppa con andamento verticale su un alto basamento su cui sono poste le lapidi dei caduti dei due conflitti, riconduce ai modelli formali dei monumenti progettati dall’architetto parmense Mario Vacca.
Costo indicativo previsto €.14.640,00 iva inclusa

Monumento ai Caduti di San Leonardo – Via San Leonardo
Il monumento è stato dedicato ai caduti della prima guerra mondiale dalle circoscrizioni di Parma San Lazzaro e Cortile San Martino; progettato dall'architetto parmense Mario Vacca. Il monumento e presenta due iscrizioni. Nel secondo dopoguerra il manufatto è stato adattato ed è stata sostituita l’originale lapide sul lato frontale con quella attuale, che commemora i caduti di tutte le guerre.
L’unico elemento artistico è la stella a cinque punte, simbolo dell’Italia unita e diffusa in numerosi ricordi eretti a memoria della guerra del 1915-1918.
Costo indicativo Previsto €. 25.000,00 iva inclusa

Asilo Monumento ai Caduti di San Lazzaro - Strada Emilia Est a Parma
Tra le iniziative del regime fascista per ricordare i caduti della prima guerra mondiale, una delle più interessanti anche da un punto di vista architettonico è stata la costruzione di asili per i bambini oppure di orfanotrofi. L’edificio di San Lazzaro è stato costruito negli anni 1920-1930 dall'architetto Riccardo Bartolomasi, presenta diverse lapidi che ricordano la memoria dei soldati morti durante il conflitto.
Costo indicativo Previsto €. 12.200,00 iva inclusa

Monumento ai caduti di Baganzola - Strada Baganzola a Parma, di fianco all'ex sede del municipio di Golese
Monumento dalla forma piramidale
con basamento in pietra e tre lapidi in marmo che riassume alcune delle caratteristiche ricorrenti dei manufatti a ricordo dei caduti delle guerre, in cui prevale la versione epica e trionfalistica della guerra espressa nell’asse predominante verso l’alto e nella presenza del fante in bronzo, posto a testimoniare la morte eroica in onore della Patria. Il personaggio viene fissato in un atteggiamento nobile ed equilibrato.
Costo indicativo Previsto €. 12.200,00 iva inclusa



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news