LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Duomo, petizione per chiedere l’avvio della ricostruzione
29 novembre 2016 IL CENTRO


L'AQUILA Sono passati otto anni e forse ne passeranno altrettanti prima che la cattedrale di San Massimo possa essere ricostruita. Uno dei simboli (religiosi ma non solo) della città, sta marcendo sotto le intemperie di ogni genere e nell'indifferenza generale. Quello che oggi conta all'Aquila è ricostruire i palazzi dei nobili e fare il possibile (anche con fondi pubblici) per farci tornare i commercianti con affitti a "botte" da 40 a 80 euro a metro quadrato. Ci sono stati anni di discussioni (frutto anche di normative confuse) sul fatto se i lavori per rifare il Duomo li dovesse affidare la diocesi attraverso un consorzio privato con dentro sia i palazzi di proprietà della Chiesa aquilana che la Cattedrale o se il Duomo andava considerato un bene pubblico e quindi ad appaltare i lavori con procedure pubbliche dovesse essere la Soprintendenza. Ora è chiaro che ad agire deve essere la Soprintendenza (a volerla dire tutta non si sa se la Soprintendenza unica o il segretariato regionale) ma dalle stanze ovattate degli uffici dei Beni culturali nessuno batte un colpo. Eppure i soldi ci sono. Il primo stanziamento era stato revocato proprio per le lungaggini burocratiche, qualche mese fa però è stato il ministro Franceschini a "mettere" i 10 milioni necessari ai lavori. Da allora riunioni, briefing, tavoli, chiacchiere da bar, ma nulla di concreto si è mosso. Cercare i vertici delle due soprintendenze per avere informazioni è una battaglia persa. Si fanno trovare quando vogliono loro e solo per magnificare i restauri dei palazzi privati ma se si parla di edifici pubblici, e del Duomo in particolare, la regola è tacere o rinviare sine die. Da quel poco che si è saputo parlando con qualche bene informato la situazione a oggi dovrebbe essere questa: l'aggregato privato – che è comunque vincolato – roba da 30 e passa milioni di euro, attende il timbro della Soprintendenza e il Comune sarebbe pronto a finanziarlo. Sulla Cattedrale invece i tempi sembrano ancora lunghi. Molto lunghi. Dalla Curia allargano le braccia. Nessuno commenta ma si tocca con mano che c'è quantomeno una certa irritazione appena appena mitigata da una pazienza misericordiosa. A dare una mossa alla situazione non è servita nemmeno la petizione popolare avviata sui social da alcune associazioni aquilane: Archeoclub d'Italia , "Panta Rei", Fondo Ambiente Italiano, Gruppo Aquilano di Azione Civica "Jemo 'nnanzi", Italia Nostra,Legambiente. Con la petizione si chiede «l'avvio, ormai non ulteriormente procrastinabile dei lavori di ricostruzione e consolidamento della Cattedrale dei Santi Massimo e Giorgio. Chiediamo che si giunga ad una soluzione concreta della problematica e che si conducano tutte le azioni possibili e necessarie affinché vengano ridotti il più possibile i tempi necessari per il concreto avvio del cantiere. Riteniamo che nessuna motivazione di natura burocratica possa giustificare lo stato di abbandono in cui versa la nostra Cattedrale». (g.p.)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news