LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa, la ricercatrice che ricostruisce l’affresco giottesco
Corriere fiorentino 6/12/2016

«Io e il puzzle dell’Assunta»

Si credeva perduto per sempre, invece qualcosa è rimasto. L’affresco l’ Assunta di Stefano Fiorentino, uno dei migliori allievi di Giotto, accoglieva sopra la porta dell’ingresso orientale del Camposanto monumentale di Pisa fino al 1944. Il terribile incendio di quell’anno lo colpì duramente, più di altre opere e confinò il suo destino nelle casse riempite di macerie per i successivi sessanta anni. Oggi Margherita Orsero, 28 anni, dottoranda, dentro quelle casse ci ha messo le mani e ha scoperto che «qualcosa resta ancora». Nei laboratori della Primaziale di Pisa, dove da decenni i restauratori stanno curando le decine di affreschi del Camposanto, lei porta avanti la sua ricerca per le Università di Losanna e Genova. «Ho cominciato con gli autori del ‘300 nel Camposanto — racconta — quindi Traini, Buffalmacco, Gaddi, su cui di certo non mancavano conoscenza e bibliografia». A forza di scavare nei documenti, dopo un anno si rende conto che c’è un aspetto da approfondire: «Dalle fotografie — spiega — l’unica traccia complessiva che ci è rimasta, sembra che L’ Assunta di Stefano Fiorentino, del 1340, sia stata applicata alla parete, e la parte inferiore appare appoggiata all’arco della porta su cui sovrastava. Ho ipotizzato potesse essere un tavolato ligneo di supporto». Da lì, aggiunge, «ho deciso di cercare direttamente i frammenti nelle casse, per capire cos’era rimasto».

Sono ventiquattro i contenitori con i reperti rimasti: «C’era di tutto, spesso sistemato in modo confuso, con attribuzioni sbagliate». Del resto, la loro sopravvivenza non è stata facile, né scontata: «Dopo l’incendio l’esercito americano si occupò di liberare il pavimento dalle macerie. L’Assunta era proprio all’ingresso, calpestata nel punto di passaggio più intenso. Le casse furono poi portate a Roma all’Istituto di Restauro dove rimasero fino al ‘55, quando tornarono a Pisa», dove sono rimaste ignorate fino a oggi. «Mi sono trasferita qui due anni fa — aggiunge — per dedicarmi a questa ricerca». Da allora i frammenti di Assunta stanno tornando alla luce: «Abbiamo stampato una riproduzione fotografica a grandezza naturale su cui collochiamo i frammenti», dice, china sul grande puzzle da cui spuntano fuori panneggi e colori al loro posto. «Da quella vasta griglia di quadrati che componevano l’affresco, tutto ciò che resta è in quelle casse, dato che il crollo si portò dietro per intero l’arriccio, con la probabile sinopia». Accanto a lei ci sono Cristina Martini e Cristiano Fico, restauratori della Primaziale: «Le casse aspettavano proprio qualcuno come Margherita per essere sistemate», dicono. Lei prende in mano un reperto, lo volta: «L’idea è che l’affresco fosse, almeno nella parte sopra la porta, appoggiato su legno. E infatti qui dietro c’è ancora il segno del canniccio su cui si applicava. In più ci sono i segni di fori — spiega indicando un altro frammento — che sembrano ancoraggi al muro». La scoperta è rilevante anche sotto il profilo stilistico: «Nella scena ci sono due angeli in basso che reggono l’Assunta; si trovano proprio sopra l’arco. È come se il supporto ligneo servisse a dare tridimensionalità a tutto l’impianto». «È un’ipotesi», specifica, «che ho condiviso sia con i miei docenti — Serena Romano e Clario Di Fabio — sia don Donatella Zari e Carlo Giantomassi, i maestri restauratori del laboratorio». La sua ricerca è già stata presentata ad un convegno tenutosi a Losanna lo scorso aprile e trova conferma nello stesso Giantomassi: «Ci sono i segni di un supporto ligneo», dice. «E anche se i frammenti restituiranno non più del 10% dell’affresco — aggiunge — è pur sempre un recupero importante. E dimostra che la pazienza premia». Di certo a Margherita non è mancata, come non è mancata la determinazione ma anche il rispetto verso un’opera che per il Vasari addirittura era «alquanto meglio di disegno e di colorito che l’opera di Giotto». L’unica testimonianza di Stefano Fiorentino a Pisa; un affresco particolarmente significativo, con un soggetto, come ha scritto lo storico Antonino Caleca «che sulla porta di comunicazione con la piazza e il Duomo, riprende il mistero a cui quella chiesa è dedicata». «Una grande macchina teatrale», la chiama ancora, «una macchina sospesa a funi adatta a dar concreto riscontro alla narrazione dell’assunzione».

«So di essere circondata da alcuni dei massimi esperti degli affreschi del Camposanto — riflette Margherita — e considero un onore potermi confrontare con persone come Caleca e Ronzani, che mi sostengono in questo percorso». Il recupero dei frammenti non è concluso: «Ho ancora dei mesi di lavoro davanti, poi capiremo cosa fare di ciò che è rimasto. È certamente pensabile il restauro dei resti e un’installazione. Ma valuterà la Primaziale». Margherita si emoziona quando pensa al futuro: «Chiaro, non sarò certo io a dire qual è il destino dell’Assunta . Di certo per ora ha cambiato il mio».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news