LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VERONA - «Verona, non giocarti la faccia con coperture e ruote panoramiche» - Lo storico dell’arte Salvatore Settis: «Una città è più di un centro commerciale»
Marta Bicego
VERONA FEDELE 7 DICEMBRE 2016

Verona sembra avere un rapporto singolare con il proprio patrimonio culturale. Del resto, un illustre precedente veronese – ovvero la romantica invenzione del balcone di Giulietta che tuttora attira innamorati da ogni parte del mondo – si è trasformato in gallina dalle uova d’oro. Ed è così che negli anni ed in particolare nei tempi recenti, un certo estro fantasioso ha iniziato ad attanagliare gli amministratori pubblici, i quali sembrano fare a gara tra chi ha la visione più originale. Si è concluso lo scorso settembre, con la presentazione di un’ottantina di progetti, il concorso internazionale per raccogliere idee su come coprire l’Arena: soluzione necessaria, recita il bando, per renderla fruibile tutto il tempo dell’anno e soprattutto per migliorarne lo stato di conservazione. Per un altro spunto non meno degno di nota, che ha un precedente datato in realtà agli anni Trenta del secolo scorso, bisogna fare un balzo alla metà di novembre: riguarda la proposta di copertura di via Mazzini per fare eco, con 400 metri di plexiglas, alla galleria milanese Vittorio Emanuele. Il costo non conta, poiché la finalità, avanzata dal capogruppo a Palazzo Barbieri della lista civica “Meglio Verona” Gianluca Fantoni (lo stesso a suggerire un referendum popolare per il tetto dell’anfiteatro romano), è infatti salvare lo shopping di cittadini e visitatori dall’imprevedibilità del meteo. Verona come Milano e… Londra o Dubai?
Forse, perché un ulteriore bando di gara mette in mezzo le mura di lungadige Capuleti, in piazza Maestri del Commercio: slargo, all’inizio del percorso obbligato lungo via Pallone per i turisti che scendono dai pullman al parcheggio dell’ex Gasometro, che potrebbe essere occupato da una ruota panoramica. E, per abbracciare ogni secolo, l’ultimo complesso storico oggetto di trasformazione sarà l’ex Arsenale austriaco per il quale nei giorni scorsi è stata approvata in Consiglio comunale una sinergia tra pubblico e privato che mette insieme cultura e attività commerciali.
«È triste vedere una città con la storia e la tradizione di Verona adeguarsi passivamente all’idea sciatta e arretrata che le città siano sostanzialmente dei centri commerciali, finalizzati allo shopping o al petty business di chi considera ogni edificio, ogni monumento, ogni strada, ogni piazza come altrettante occasioni che debbano innescare il suo privato profitto», commenta l’archeologo e storico dell’arte Salvatore Settis, già direttore della Scuola normale superiore di Pisa. E, in aggiunta, rincara la dose a sottolineare il pericolo del lasciarsi tentare dalla prospettiva economica a discapito di quella culturale: «Si logora e si calpesta, in tal modo, l’idea stessa di città come polis, bene comune di una collettività intenta a progettare il proprio futuro, pensando ai diritti delle generazioni che verranno. I progetti menzionati hanno tutti l’impronta di una mercificazione violenta ed incolta, a cui i cittadini dovrebbero sapersi opporre attivamente, e non limitarsi a mugugnare».
Soluzioni simili sono veramente necessarie? O sono sintomo di una società incapace di prendersi cura dei propri beni? «Nel tempo presente, come in ogni altra epoca, convivono tendenze diverse e talora opposte: mentre qualcuno gioca al ribasso, svendendo le città e considerando i luoghi della storia come scatole vuote da riempire con shopping e attività commerciali, c’è altrove qualcun altro che riscatta centri storici, ricrea il senso della comunità, gioca la carta della democrazia e del bene comune nello spazio della città. Non si può fare simultaneamente l’una e l’altra cosa. Da Verona non mi aspetterei che giocasse al ribasso con tanto cinismo. E finché non accadrà, continuerò ostinatamente a sperare che i veronesi sappiano opporsi a questa deriva». – In mancanza di idee, si vende se non addirittura si svende, il patrimonio culturale. La sua definizione di “Italia Spa” è dunque ancora attuale?
«Quel mio libro descriveva, più di dieci anni fa, un pericolo, che allora si collocava a livello di una legge del governo centrale. Negli anni successivi, anziché imparare dal clamoroso fallimento di quel progetto (lo stesso Tremonti lo ha dichiarato e negli ultimi mesi della sua permanenza al governo seppellì la sua stessa legge), molti Comuni hanno preso alla spicciolata quella stessa strada. Ma una “Verona Spa”, anche se a livello minore dell’Italia intera, è una prospettiva altrettanto grave». – Gli italiani, insomma, sono – come lei affermò – sempre più “nemici dell’arte”? «Non tutti. Vedremo che cosa i veronesi sapranno fare per difendersi da altri veronesi». – È la Costituzione stessa ad invitare a tutelare e valorizzazione il patrimonio culturale. Il problema è come. Cosa si dovrebbe fare? «Rispettare la Costituzione, essere consapevoli della vita civile della comunità, capire che il diritto all’uso degli spazi pubblici è ingrediente essenziale della democrazia».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news