LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma.Berdini e la sindaca Raggi separati in casa. Li divide oltre mezzo milione di metri cubi
Andrea Arzilli
Corriere della Sera - Roma 8/12/2016

Raggi e Berdini separati da mezzo milione di metri cubi: tanta è la differenza di vedute sul progetto «Stadio della Roma». L’assessore vorrebbe fosse edificato solo lo stadio, nient’altro. Ma la sindaca, su input di Grillo, ha già iniziato a trattare sulla mediazione offerta dai soggetti proponenti escludendo il proprio assessore. Su Berdini aleggiano le dimissioni. Ma lo stadio è più importante: garantisce consenso e un Sì con vista elezioni.

Lo scontro Raggi-Berdini sullo stadio della Roma ha un motivo preciso. Anzi, un volume esatto: 550 mila metri cubi di cemento. La cifra rappresenta la differenza tra la trattativa morbida imbastita nella Conferenza dei servizi dal Campidoglio con i soggetti proponenti dell’opera (Parnasi e la Roma) e l’intransigenza dell’assessore all’Urbanistica che, per questo ma non solo, rischia di saltare prima di gennaio. Adesso i nervi sono a fior di pelle, le dimissioni aleggiano da lunedì tanto che già girano i nomi di eventuali sostituti (Emanuele Montini è il primo). E ieri Berdini non si è nemmeno presentato in Commissione, per dire. E’ gelo.

Il grande freddo ha una radice tecnica: il progetto originale approvato dalla giunta Marino prevede volumi per un milione di metri cubi tra stadio e opere collegate, tra cui i tre super grattacieli del business park progettati dall’archistar Daniel Libeskind. Per Berdini non si può fare, troppo cemento e troppo business per i costruttori privati. E soprattutto l’assessore, che non ha deleghe speciali ma partecipa al tavolo insieme agli altri membri di giunta con competenze nell’area, ribadisce il suo motto: «Opere pubbliche con soldi pubblici». Così la controproposta è stata di «250 mila metri cubi», rivela Berdini. Praticamente solo lo stadio, non un metro cubo di cemento in più, anche se questo significherebbe rinunciare a 440 milioni di euro «privati» e, soprattutto, tirare una riga sul progetto originale per ripartire da capo con lo studio dell’area. Eventualità che il Campidoglio non è nelle condizioni né politiche né economiche di sostenere per il rischio (nel caso, sarebbe una certezza) di una maxi-causa per il risarcimento dei danni.

Lo choc, insomma, è stato forte per tutti i protagonisti del tavolo interistituzionale. Ma soprattutto per Raggi e il vice sindaco Daniele Frongia che, dopo il nullaosta arrivato da Beppe Grillo, avevano aperto all'offerta Roma-Parnasi di una sforbiciata alle cubature fino a 800 mila metri cubi con rilancio del verde (10 mila alberi: secondo polmone della Capitale). Piccole modifiche, insomma, che rappresentano una soglia sulla quale poter iniziare una discutere nel merito in vista del completamento dell’iter amministrativo: il 6 febbraio termina (virtualmente) la Conferenza dei servizi e all’ultimo giro di tavolo il progetto dovrà allegare la variante urbanistica approvata in Consiglio comunale.

Ma perché questa apertura, per altro «suggerita» da Milano, ai tanto odiati palazzinari romani? Eppure la posizione di Berdini ricorda, per non dire ricalca, quella dei Cinque Stelle della prima ora. Anzi, del prima Campidoglio. E’ che adesso emerge una nuova necessità in prospettiva delle elezioni politiche con la quale il diktat di Berdini non è più compatibile. Ora tocca emancipare il Movimento dalla regola del No che ha innescato la bocciatura del progetto Roma 2024, per portare (finalmente) qualche risultato a casa. E lo stadio della Roma ha tutte le coordinate di un bingo sicuro. C’è il ritorno elettorale visto che farebbe felice una bella porzione, quella romanista, della città. E soprattutto c’è il costo zero per il Campidoglio che, con piano di rientro dal maxidebito e un Patto per Roma congelati per la crisi di governo, economicamente non naviga in acque tranquille.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news