LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, tornano a splendere di affreschi di Marco Lucrezio
di ANTONIO FERRARA
07 dicembre 2016 LA REPUBBLICA


Di nuovo visitabili da oggi 50mila metri quadri di area archeologica nelle Regio V e IX. Proseguono i lavori del Grande progetto Pompei. Riaperte la domus di Obellio Firmo e il piccolo Lupanare

Cinquantamila metri quadrati di scavi negati tornano visitabili. Assieme al piccolo Lupanare, alla casa di Obellio Firmo e alla casa di Marco Lucrezio Frontone. Pompei si avvia a chiudere il 2016 non solo con un boom di visitatori che toccherà entro fine anno quota 3,2 milioni, ma anche con il record di riaperture in un solo anno. Mercoledì 7 dicembre tocca anche allo scavo inedito di un ambiente totalmente occultato dal terreno, oltre alle Regio V e IX riaperte al termine del lavoro di completamento degli interventi di messa in sicurezza previsti dal Grande Progetto Pompei.

Il direttore della Soprintendenza Massimo Osanna e il direttore generale del Grande progetto, il generale Luigi Curatoli, percorrono i nuovi itinerari di visita e illustrano gli interventi svolti.

La Casa di Obellio Firmo è nelle Regio IX, non era abitata al momento dell’eruzione per la morte del proprietario: il suo nome è dipinto sulle pareti esterne e sulla domus di fronte in una serie di iscrizioni elettorali. M. Obellius Firmus morì prima del 79 dopo Cristo, la sua tomba è stata rinvenuta a Porta di Nola.

Nella Regio V invece sorge la domus di Marco Lucrezio Frontone, dove sono conservate alcune delle pitture parietali più raffinate dell’antica Pompei: M. Lucretius Fronto era esponente di una delle famiglie più in vista della città romana, qui giunta in età augustea. Anche questa casa era in corso di restauro al momento dell’eruzione del Vesuvio che nel 79 dopo Cristo distrusse Pompei, Ercolano e Stabiae.

Presenta molti affreschi con scene di paesaggio, di giardino e di animali. Il proprietario era un politico pompeiano, la sua domus era una delle più belle della città, con stanze interamente affrescate e pitture di grande bellezza, che consentono di apprezzare a pieno come erano decorate le case di un ricco romano, anche se di provincia. In una delle stanze furono trovati gli scheletri di cinque adulti e tre bambini schiacciati dal crollo del tetto durante l’eruzione. La domus di Marco Lucrezio Frontone era già stata parzialmente aperta (visitabile solo per gruppi) a Pasqua del 2014 con l’intervento del ministro Dario Franceschini.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news