LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura e territorio: sfregi legali dalle cave agli "Intrasportabili"
Vittorio Emiliani
Il Fatto quotidiano 11/12/2016

Mani libere sul marmo, ignorato il Codice delle opere fragili e la variante anti-ulivi in Lombardia. Salvini e Boschi concordano sulla abolizione delle Soprintendenze.

Salvini: "Le Soprintendenze bisogna abolirle". Boschi: "Ma noi abbiamo già ridotto i loro poteri". Salvini: "Bisogna cancellarle". Boschi; "Di questo parleremo, certo". E' il duetto più ardente e anche il più squallidamente incolto della campagna referendaria fra uno dei capi dell'opposizione e un (allora) ministro di quella Repubblica che pure all'articolo 9 "tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". La ragione del diktat di Matteo Salvini? Il "no" che sulle rive del Lago di Como il soprintendente unico per un territorio che va da Como e Sondrio a Pavia, Luca Rinaldi, giustamente oppone alla variante Tremezzina: "Una ferita al territorio che taglia gli uliveti e i tracciati antichi e sfiora monumenti importanti". Ne chiede una riprogettazione "colta" (come per la Lecco-Colico disegnata anni fa da Lodovico Belgioioso). A Salvini il quale - trovando d'accordo la (allora) ministra Boschi - accusa il soprintendente di "bloccare lo sviluppo" e di non conoscere il territorio, l'architetto Rinaldi ribatte: "Sono di Varese e lo conosco palmo a palmo". E la sottosegretaria Ilaria Borletti Buitoni rincara: "Le amministrazioni devono finalmente scegliere fra il modello perdente dell'edilizia, della lottizzazioni, e quello della conservazione di un territorio, bello e fragile, che ogni anno attira centinaia di migliaia di turisti." Conterà?
Proprio la variante Tremezzina ha scatenato Salvini in tv con la proposta,condivisa da Boschi, di far fuori le Soprintendenze. Cosa che a Matteo Renzi piace, si sa, un sacco. Anche in Toscana del resto, dove nella scorsa legislatura è stato approvato fra roventi polemiche il Piano paesaggistico voluto con forza e competenza dall'assessore Anna Marson (non reincaricata ovviamente), si lavora a devitalizzare, ad opera del Pd, legge urbanistica e Piano. Unico co-pianificato (con la Puglia) da Ministero e Regioni in tre anni, più il Piano per le coste sarde (Giunta Soru).
Mani libere dunque "per lo sviluppo". Magari per le cave apuane che dissestano la montagna e fanno colare sulla costa versiliana la "marmetta". Come denuncia da anni, con altri, il più volte ministro Giovanni Pieraccini. O per una delle lottizzazioni in agguato. Le Soprintendenze? Sono paralizzate dalla sempre più caotica riforma/deforma del "congelato" Renzi, col taglio sciagurato dello storico rapporto fra Musei e territorio, fra Musei (valorizzazione) e Soprintendenze (tutela).
"La mobilità del personale tra Soprintendenze e Polo Museale", racconta Maria Teresa Fillieri, per anni direttrice del Museo Nazionale di Lucca,"ha, di fatto, svuotato le prime degli storici dell'arte: a Lucca e Massa Carrara non ce n'è più uno. Mentre le risorse per la manutenzione restano magrissime: 150.000 euro per ben 43 Musei del Polo toscano. I cui direttori, in un frangente delicatissimo, sono stati ruotati in modo tale da non conoscere né la storia delle collezioni museali né i problemi di gestione". Per i musei minori il rischio di una chiusura si avvicina.
A Pisa la Soprintendenza coabita ancora col Museo di Palazzo Reale, con problemi di personale, di sicurezza, di vigilanza. "A Firenze poi", prosegue Fillieri, "è stato assegnato al Polo l'intero edificio in cui stavano gli uffici della ex Soprintendenza Archeologica e dove stanno quelli della Soprintendenza unica". Con l'assurdo del grande Museo Archeologico di Firenze nei cui depositi sono confluiti reperti provenienti dall'intera Toscana. Ad Ansedonia il piccolo Museo archeologico è di competenza del Polo, mentre l'area archeologica dipende dalla Soprintendenza. "Ma il Museo ricade dentro l'area archeologica!" Un pasticcio surreale da moltiplicare per tutt'Italia,
Dalla Toscana, fiore all'occhiello del paesaggio e dell'arte, continuano ad andare per mostre le preziose, fragili tavole di Piero della Francesca che dovrebbero essere intrasferibili: il polittico della Madonna della Misericordia di San Sepolcro è stato già quattro mesi a Forlì, alla solita mostra, ed ora è a Milano a rallegrare il Natale meneghino, con "turùn e panetùn". Nonostante vaste e vibrate proteste. Francesco Rutelli aveva fatto redigere dai più autorevoli esperti un Codice degli Intrasportabili. Dario Franceschini se ne infischia bellamente.
Se la Toscana piange, l'Umbria, altro polo planetario dell'Arte, singhiozza. L'ex soprintendente Vittoria Garibaldi ha rivolto una lettera pubblica al ministro per "il dolore provato nel vedere lo scempio del patrimonio" della zona di Norcia, assistendo con "sconcerto, incredulità e indignazione ad un prelievo di opere mobili dalla chiesa di San Leonardo di Montebufo a Preci" effettuato da personale non specializzato, "con metodologie incompatibili" nel recente passato, "le tele rimosse disposte a terra sul prato bagnato o sull'asfalto, alcune sommariamente imballate", senza alcuna fotografia né inventario. Verso quale abisso corre questo infelice imbarbarito Paese?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news