LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Aquila, ottanta milioni entro Natale, soldi anche per il Duomo
di Monica Pelliccione
11 dicembre 2016 IL CENTRO


Il Comune si appresta a pubblicare il 19° elenco di interventi per il centro storico e le frazioni. L’assessore Di Stefano: «Stiamo accelerando». Ma per l’ex Liceo Classico passeranno altri due anni


L’AQUILA. Sotto l’albero di Natale gli aquilani troveranno 80 milioni per la ricostruzione. Soldi in arrivo con il nuovo elenco (il numero 19) relativo ai progetti finanziati, che il Comune guidato da Massimo Cialente si appresta a pubblicare. Interventi a macchia di leopardo, in pieno centro come nelle frazioni. Nell’elenco dovrebbe rientrare anche il mega-aggregato del Duomo: un’opera del valore di 35 milioni. Ad annunciare l’ulteriore step del percorso di rinascita della città, a quasi 8 anni dal terremoto, è l’assessore Pietro Di Stefano, che non fa mistero dei punti deboli dell’ingranaggio: la lentezza con cui vengono proposte le integrazioni ai progetti, soprattutto nelle frazioni, e l’impasse della ricostruzione pubblica.
NUOVO ELENCO. Di Stefano lo aveva promesso: prima delle festività natalizie uscirà la graduatoria dei lavori ammessi a finanziamento. Un maxi-assegno da 80 milioni, questo più o meno il “tiraggio” calcolato per ogni pubblicazione di interventi di ristrutturazione. «Contributi inerenti a progetti che vanno a conclusione, avendo già superato l’iter dell’esame burocratico», fa sapere Di Stefano. «Solo per alcuni ci sarà bisogno di qualche integrazione». Un elenco misto che annovera, in egual misura, interventi nel centro cittadino e nelle frazioni.
FRAZIONI AL PALO. La macchina della ricostruzione viaggia a due velocità: i cantieri del centro storico procedono a un ritmo incalzante, mentre le frazioni rallentano. «La difficoltà maggiore», spiega l’assessore, «è la lentezza esasperante a cui assistiamo nell’integrazione dei progetti, oltre alle problematiche che sorgono all’interno dei consorzi e non fanno camminare i cantieri. Problemi che non sono ascrivibili al Comune, né all’Usra, ma rallentano di molto il processo di ricostruzione».
CENTRO STORICO. Un dato positivo spicca su tutti: il fermento che si registra nel cuore della città, dove i cantieri aperti sono circa 300. Le gru che spiccano sui tetti degli antichi palazzi aquilani ne sono la testimonianza. «Negli ultimi mesi si è data una forte accelerata», conferma Di Stefano. «Contiamo di inserire nel nuovo elenco anche l’aggregato del Duomo (foto in alto a sinistra) e della Curia, che è molto grande. Il progetto è all’esame della Soprintendenza, che a giorni dovrebbe rilasciare il parere definitivo, sia dal punto di vista tecnico che economico». L’intervento, da 35 milioni, dovrebbe partire all’inizio del prossimo anno. Un aggregato che, per portata e caratteristiche, ha richiesto un iter lungo e accurato.
RICOSTRUZIONE PUBBLICA. Sono gli aggregati di matrice pubblica a preoccupare di più l’amministrazione. Uno su tutti: il grande edificio che affaccia sui Quattro Cantoni (foto in alto a destra) e abbraccia l’ex Liceo Classico, la Biblioteca, il Convitto e la sede della Camera di commercio. Qui è tutto fermo: lo scenario, tra puntellamenti e colonne imbragate, è identico al 2009. «Enorme il ritardo accumulato», sottolinea Di Stefano. «Tutto è in mano al Provveditorato alle opere pubbliche che sta visionando il progetto esecutivo, su cui si sono scatenati i ricorsi. Ma siamo ancora in una fase iniziale. Bisognerà indire la gara di appalto e assegnare i lavori». A conti fatti, passeranno almeno altri due anni, prima che partano i lavori. Un buco nero in pieno centro storico, come altri immobili pubblici «che», conclude Di Stefano, «in una città che sta rinascendo, creano un problema di fruibilità e di sicurezza».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news