LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbanistica, Italia Nostra boccia il piano regionale "Ma quale consumo zero"
ELEONORA CAPELLI
14 dicembre 2016 la repubblica



Italia Nostra chiede alla Regione di fermare la nuova legge urbanistica annunciata dall'assessore Raffaele Donini. Il provvedimento, che dovrebbe essere approvato tra gennaio e febbraio in giunta per poi passare al vaglio dell'aula dell'assemblea, secondo la professoressa Paola Bonora permetterà di «aumentare il costruito in una maniera incredibile », invece che dar corpo allo slogan "consumo di suolo zero" usato per presentarlo. Per questo in una lettera aperta 38 architetti, urbanisti e personalità interessate alla tutela del paesaggio (ma la raccolta di firme è ancora aperta) parlano di «legge sbagliata » che viale Aldo Moro deve «rinunciare al approvare senza un'ampia discussione ». I punti contestati sono molto netti e il primo "tasto dolente" è proprio quello del consumo di suolo. L'assessore replica: «Con me il cemento in regione è diminuito. Quello degli ambientalisti è un libro dei sogni».


Italia Nostra chiede alla Regione di fermare la nuova legge urbanistica annunciata dall'assessore Raffaele Donini. Il provvedimento, che dovrebbe essere approvato tra gennaio e febbraio in giunta per poi passare al vaglio dell'aula dell'assemblea, secondo la professoressa Paola Bonora permetterà di «aumentare il costruito in una maniera incredibile» invece che dar corpo allo slogan "consumo di suolo zero" usato per presentarlo. Per questo in una lettera aperta 38 architetti, urbanisti e personalità interessate alla tutela del paesaggio (ma la raccolta di firme è ancora aperta) parlano di «legge sbagliata » che viale Aldo Moro deve «rinunciare al approvare senza un'ampia discussione ». I punti contestati sono molto netti e il primo "tasto dolente" è proprio quello del consumo di suolo.
«Viene fissato un limite al consumo di suolo che è il 3% del tessuto già urbanizzato - spiega Bonora - ma negli anni della crisi, tra il 2012 e il 2015, il consumo di suolo in Emilia Romagna è stato dello 0,5%, pari a circa 10 chilometri quadrati. Questo significa che non stiamo parlando di un consumo zero, ma di 60 chilometri quadrati di consumo di suolo possibile, limite dal quale per altro vengono esclusi moltissimi tipi di edifici, tra cui ad esempio le infrastrutture. Il rischio è che dentro i limiti ci finisca di tutto e anche per questo io parlo di una legge schizzofrenica». Nel mirino degli urbanisti finiscono in particolare il "piano applicativo" e le regole sugli standard, cioè le quantità di parcheggi o verde pubblico che la costruzione di ogni nuovo edificio porta con sé. «Gli standard di verde potranno essere a portata di mezzo pubblico - dice Bonora - ma io da casa mia in treno arrivo anche al giardino di Boboli, non significa che quello spazio verde sia per me pertinenziale». Secondo Pierluigi Cervellati questa è una legge con cui la «Regione mangia sé stessa», cioè si priva del potere di intervenire direttamente in materia urbanistica. E proprio gli strumenti di governo del territorio che vengono giudicati troppo semplificati portano Giovanni Losavio, ex presidente nazionale dell'associazione a dire: «Si apre la porta agli ecomostri dentro la città esistente, parossistica realizzazione di quell'operazione di addensamento cui il progetto di legge affida il compito primario di rigenerazione urbana». Questo perché il nuovo strumento che avranno i Comuni, al posto degli attuali (Psc e Rue) è uno solo e cioè il Piano urbanistico generale (Pug)cui però «si nega il compito di regolare la capacità edificatoria nelle aree del territorio urbanizzato da rigenerare». Cioè non varranno più le prescrizioni di densità edilizia, al- tezza degli edifici e distanza tra loro. Losavio arriva persino a ipotizzare il «conflitto di attribuzione» da sollevare davanti alla Corte costituzionale. «Questo disegno di legge è un addio all'urbanistica progressista - chiosa Ilaria Agostini, docente di urbanistica a Cesena - perché scompare la pianificazione e saranno gli accordi operativi con i privati a dettere legge».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news