LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dalle rovine di Vlachos emerge un'antica città greca
di GIACOMO TALIGNANI
14 dicembre 2016 la repubblica


Mura, strade, torri. Nella zona di Vlochos, 300 k a nord di Atene, ritrovati numerosi insediamenti urbani. "Il fatto che nessuno abbia mai esplorato prima a fondo è un mistero"


C'E' una vera e propria città nascosta, con una piazza, muri di cinta, torri, strade, a sole cinque ore di viaggio a nord di Atene. E' quello che un team di ricerca composto da Svezia, Grecia e Gran Bretagna ha scoperto sulla collina di Strongilovoúni, in un villaggio noto come Vlochos, a 300 km dalla capitale. I resti, risalenti fino a 2500 anni fa, erano già noti agli archeologi: quello che non si sapeva è che quei ritrovamenti compongono parte di una città più ampia che si estende per 40 ettari dentro le sole mura.

"Il fatto che nessuno abbia mai esplorato prima a fondo quella collina è un mistero" racconta Robin Rönnlund dell'Università di Göteborg, tra i ricercatori che stanno esplorando l'area e che continueranno i lavori per tutto il 2017.

I resti ritrovati a Vlochos e su altri tratti delle pianure della Tessaglia occidentale sono di diversi periodi storici ma indicano "che quella fosse una città di maggiore importanza rispetto a quello che si potesse pensare. Stiamo analizzando ogni reperto e tutti i ritrovamenti verranno custoditi a Karditsa".

Gli archeologi credono che una parte principale della città si trovasse sulla collina di Strongilovoúni, alta 215 metri, e nella pianura sottostante si possano trovare altri segni dell'esistenza di un grande insediamento urbano. Alcuni muri delle fortificazioni, di oltre 2 metri, sono ancora ben conservati e altri segnali di strutture cittadine potrebbero essere rinvenuti in un'area oggi ricoperta da limo e sedimenti dal vicino fiume Enipeas.

Il progetto archeologico VLAP, che unisce le competenze svedesi e inglesi a quelle dell'Università di Karditsa, ha utilizzato sistemi non invasivi - ovvero radar, pochissimi scavi, misurazioni NRTK-GPS, droni e rilevamento geofisico - per riuscire a delineare le posizioni di torri, mura, strade, porte e stanze che componevano la città.

"Abbiamo anche trovato ceramiche antiche e monete che possono aiutare a capire la storia di questo luogo. I nostri reperti più antichi sono datati intorno al 500 aC, ma la città sembra aver prosperato soprattutto dal quarto al terzo secolo avanti Cristo prima di essere abbandonata per qualche motivo, forse per la conquista romana del territorio".

Secondo i ricercatori lo studio della collina potrà fornire nuove spiegazioni su quello che accadde nel passato in quest'area della Grecia in cui si consumarono violenti battaglie. "Quello che proveremo a fare è di riempire tutte le lacune di quel periodo storico attraverso lo studio di questa città misteriosa".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news