LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una citt in comune sulle Mura di Pisa
Una citt in comune
07 gennaio 2017 http://www.pisatoday.it




Nota - Questo comunicato stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday


Le aperture straordinarie delle mura di Pisa si effettuano grazie al lavoro gratuito dei volontari, secondo una vergognosa pratica diffusa soprattutto nel settore dei beni culturali. Sono appunto straordinarie, dunque si spera che per quelle ordinarie si far uso di personale qualificato regolarmente assunto. Intanto la prima gara per l'affidamento della gestione delle mura di Pisa, che prevedeva la manutenzione del monumento, andata deserta. La seconda sar pi vantaggiosa per i soggetti privati, visto che si esclude la manutenzione e si liberalizza il costo del biglietto per la visita sulla base delle autonome indagini di mercato condotte dai concorrenti. Dunque la cinta muraria per l'amministrazione comunale un bene da mettere a profitto, un giacimento di petrolio da sfruttare. Ma, al di l del fatto che i giacimenti si esauriscono, siamo sicuri che sia cos?

Altri percorsi in quota Monteriggioni (Si), Cittadella (Pd), Marostica (Vi) non presentano, all'interno della cinta muraria, emergenze artistiche quali la Torre pendente o il complesso monumentale di piazza del Duomo, e neanche chiese e musei di analoga importanza rispetto a quelli pisani perci quelle citt investono molto di pi nel restauro e nella manutenzione delle loro mura. Nel nostro caso invece, si riusciti ad utilizzare i finanziamenti PIUSS per il restauro ma ora, leggendo il nuovo atto d'indirizzo per la gara, emerge un totale disinteresse per il valore storico e artistico del monumento: le uniche richieste riguardano gli orari di apertura e il costo del biglietto, la pulizia e la rimozione di piante infestanti sul percorso. Si esclude la manutenzione del paramento murario, che per la complessit tecnica degli interventi necessita di imprese qualificate e mezzi idonei, sar a carico dellamministrazione.

Non c' affatto da star tranquilli, vista la latitanza del Comune nella manutenzione del proprio patrimonio culturale (le mura in alcuni punti necessitano gi di restauro). A meno che non si sia predisposto un piano programmato per affidare la manutenzione a ditte specializzate, ma cos? A questo proposito si ricorda che per manutenzione s'intende il complesso delle attivit e degli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento dell'integrit, dell'efficienza funzionale e dell'identit del bene e delle sue parti (D. Lgs. 42/2004, articolo 29 comma 3). Azioni delicate, quanto le attivit che dovr svolgere il personale impegnato ad accompagnare la visita, o coloro che dovranno scrivere i testi del materiale informativo (D. Lgs. 42/2004, articolo 9 bis comma 1). Eppure il bando non richiede garanzie n sulla qualit del lavoro n sulle tipologie di contratto.

Riassumendo: l'amministrazione ha deciso di spendere decine di migliaia di euro per un piano economico effettuato da una societ specializzata, quindi ha deciso di spacchettare il bando a interesse del privato e non per ragioni di fruibilit sociale.

Nel giro di pochi mesi il piano economico-finanziario redatto da questa stessa societ ha visto nella seconda versione sparire come funghi dalla stima dei visitatori annui circa 20 mila unit senza nessuno atto o ricerca che spieghi e motivi queste nuove valutazioni. In altre parole, come dichiarava la stessa amministrazione comunale allindomani della prima gara andata deserta, il principio sulla base del quale ci si mossi per questo secondo nuovo bando stato quello di ridurre il rischio di impresa dei privati e non di una vera valorizzazione culturale del monumento. La stessa amministrazione in una nota diffusa negli scorsi giorni spiega ed avalla questo modus operandi: Dopo il primo bando deserto, gli uffici comunali hanno interloquito con i soggetti che nella prima procedura avevano manifestato interesse senza poi formalizzare la partecipazione, per approfondire gli elementi ostativi e apportare miglioramenti. Questi elementi sono stati inseriti nel nuovo piano di gestione, elaborato a partire dal precedente documento, da una societ a livello nazionale. Insomma, basta chiedere e vi sar dato.

Si tratta di un modo di operare per noi inaccettabile a conferma che il principio che ha guidato un'operazione importante come il recupero delle mura medievali di Pisa ha visto la valorizzazione, intesa come mero sfruttamento economico, predominare sulla tutela. Al contrario, secondo il Codice dei Beni culturali e del Paesaggio la valorizzazione deve essere attuata in forme compatibili con la tutela e tali da non pregiudicarne le esigenze, al fine di promuovere lo sviluppo della cultura (D. Lgs. 42/2004, articolo 6). Non petrolio (per il privato, perch il Comune ricaver solo il 2% di royalties), ma ossigeno per tutti.

http://www.pisatoday.it/politica/una-citta-in-comune-sulle-mura-di-pisa.html


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news