LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENZONE Lesempio di Venzone sar esportato a Norcia
di Giacomina Pellizzari
06 gennaio 2017 IL MESSAGGERO VENETO




A lezione di ricostruzione nella cittadella medievale rinata pietra su pietra. I presidenti dei consigli regionali dell'Umbria e dell'Abruzzo, Donatella Porzi e Giuseppe Di Pangrazio, ieri sera, in una Venzone spazzata dal vento, hanno voluto sapere tutto sul concetto di anastilosi e sul consolidamento delle facciate rimaste miracolosamente in piedi dopo il terremoto del 1976. Hanno seguito con attenzione le spiegazioni della guida, Aldo Di Bernardo, e di monsignor Roberto Bertossi, per poi rivelare l'intenzione di applicare lo stesso metodo nella ricostruzione della basilica di San Benedetto di Norcia. Alla vigilia della messa del tallero alla quale parteciperanno oggi a Gemona, i due amministratori dell'Italia centrale, accompagnati dal presidente del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Franco Iacop, sono stati accolti dal sindaco, Fabio Di Bernardo, in municipio. In prima battuta, hanno chiesto chiarimenti sulla gestione dell'emergenza, in particolare sull'installazione dei prefabbricati. Come 40 anni fa, l'obiettivo resta quello di non snaturare le comunit. Ma negli occhi dei due presidenti arrivati dalle zone terremotate, lo stupore pi grosso emerso in duomo. Di fronte alla maestosit del monumento e alle immagini della distruzione, Porzi e Di Pangrazio hanno toccato con mano che ricostruire si pu. L'analogia tra quello che era rimasto del duomo di Venzone nel 1976 e la facciata ingabbiata della basilica di Norcia fin troppo evidente. Ecco perch i due presidenti si sono soffermati sulle pareti fuori piombo, sul consolidamento attraverso i micropali, sullo sgombero controllato delle macerie e sul progetto presentato dalla Fabbriceria che ha avuto la meglio su quello della Soprintendenza alle belle arti. Dettagli tecnici e operativi che Venzone mette a disposizione delle comunit ferite. Se a Firenze c'erano gli angeli del fango, qui - ha sottolineato Aldo Di Bernardo - gli angeli delle macerie hanno bloccato le ruspe e lo sgombero delle macerie. Dopo l'emergenza, nella ricostruzione di Venzone fu determinante la capacit della comunit decisa a rifare la cittadella dov'era e com'era, di interfacciarsi con il ministero dei Beni culturali, la Chiesa, il Comune e tutti coloro che si battevano per la rinascita del monumento nazionale. Nella navata con i segni del terremoto ben evidenti, Porzi e Di Pangrazio hanno fatto propri quegli insegnamenti per applicarli nei comuni distrutti dell'Umbria e dell'Abruzzo. In questo momento serve riflessione, attenzione e rispetto per i luoghi. La ricostruzione l'ultimo tassello di un percorso che deve puntare sulla partecipazione perch tanto pi importante la considerazione tanto pi forte il legame tra le parti. Il presidente dell'Abruzzo non ha dubbi: L'esperienza di Venzone va ripetuta anche nell'Italia centrale. Con altrettanta determinazione l'ha ribadito anche la presidente del Consiglio regionale dell'Umbria. L'ha fatto ricordando che nella sua regione le scuole e il patrimonio culturale hanno registrato danni ingenti. Ma la comunit reagisce. Nelle ultime settimane tutti hanno lavorato senza sosta per riaprire il corso di Norcia che conduce nella piazza con la facciata della basilica ingabbiata tra i ponteggi. Riaperta la chiesa di Santa Rita da Cascia - ha aggiunto Porzi -, la nostra priorit sistemare le scuole. La visita si conclusa nel museo Tieremotus, dove i due amministratori hanno ricevuto dal primo cittadino e presidente dell'Associazione dei Comuni terremotati e dei sindaci della ricostruzione del Friuli, Fabio Di Bernardo, il volume che raccoglie tutte le leggi applicate nella ricostruzione del Friuli. Questo perch, come ha sottolineato Iacop, a 40 anni dal sisma, il Friuli mette a disposizione di tutti la filosofia della ricostruzione. E Di Bernardo ha concluso: Applicando il nostro metodo ricostruire si pu.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news