LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli affreschi della discordia che dividono catalani e spagnoli d
Andrea Nicastro
Corriere della Sera 8/1/2017

Le opere di un convento cedute a Barcellona nel 1971. Ora lAragona le rivuole

Disponiamo che ogni pertinenza del nostro convento, che si tratti di mobili o immobili, opere darte o terre, passi a Barcellona. Cos scrivevano nel 1971 le ultime tre monache della badia medievale di Sigena, in Aragona, Spagna. Il convento era ormai in condizioni pietose e le sorelle avevano trovato una nuova casa sul mare, proprio in Catalogna. Tanta generosit verso Barcellona dipese forse anche dalla gratitudine delle monache verso i nuovi ospiti. In ogni caso larte fin al museo e le anziane religiose al caldo: happy end? Niente affatto perch il 1971 non era il 2016 dello scontro tra nazionalismi.

Quarantacinque anni fa la Spagna era franchista, isolata dallEuropa e fremente di sciovinismo spagnolista. Aragona o Catalogna erano mere espressioni geografiche di uno Stato centralizzato. Conservare opere darte in un museo sul mare o in un convento dellinterno era del tutto indifferente. Oggi no. La Spagna si macera tra lorgoglio spagnolo da una parte e quello catalano dallaltra. Lampia autonomia conquistata assieme alla democrazia non basta pi, la Catalogna sogna da Stato autonomo. Questanno Barcellona tenter per lennesima volta di organizzare un referendum per separarsi da Madrid e la capitale cercher ancora di impedirglielo. Cos anche Caino e Abele sugli affreschi medievali entrano nella battaglia separatista.

Il sindaco di Sigena ha deciso di reclamare le opere darte. Dopo iniziali sconfitte giudiziarie, le sentenze hanno cominciato a dar soddisfazione ad Aragona. un complotto spagnolista denuncia Santi Vila, ministro catalano alla Cultura . Le autorit aragonesi fremono per oggetti del convento che sono in musei di Barcellona, ma non chiedono quelli che sono al Prado di Madrid. Come mai? La ragione solo politica. Due mesi fa Vila stato a un passo dallarresto, gli sarebbe bastato negare alcune restituzioni ordinate dai giudici. Ora si avvicina il momento della sentenza sugli affreschi: restano a Barcellona o tornano a Sigena? Per il ministro lo schiaffo sui dipinti medievali servirebbe a far capire ai catalani il prezzo di un divorzio da Madrid. Solo fantasie assicura al Financial Times il sindaco di Sigena Alfonso Salillas . Tanto pi che io tifo Bara e non Real Madrid. La verit sta nella tensione tra i due schieramenti che interpretano ogni sospiro in modo fazioso. Ha fatto scintille lipotesi di espellere il Barcellona FC dalla Serie A spagnola in caso di indipendenza: con un campionato mignon che squadra diventerebbe? Ha indignato la possibilit di deviare il corso dei fiumi che entrano in Catalogna e preoccupato lipotesi di aprire collegamenti con lEuropa alternativi alla via costiera per isolare la Catalogna. Ora il contenzioso sugli affreschi fa pensare ad un piano di spoliazione artistica. Tutte voci, ipotesi che diventano provocazioni e agitano i peggiori pensieri. Il problema che la pentola bolle, ma nessuno ai fornelli si sogna di abbassare.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news