LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BITONTO - La galleria dimezzata
LORENZO MADARO
La Repubblica, 17 gennaio 2017




IL COLLEZIONISTA Girolamo Devanna non ci sta, la Galleria nazionale di Bitonto nata in seguito alla donazione di opere della sua collezione privata non avr i tanto agognati spazi espositivi del piano terra del palazzo che la ospita, perch il Segretariato regionale del ministero dei beni culturali non ha esercitato il diritto di prelazione sull'acquisto di due grandi ambienti, acquistati poi da privati. E il professore bitontino doc, ma domiciliato a Rimini da tempo oggi alle 17 incontrer giornalisti ed esperti d'arte nella sua casa a Bitonto (info 334.63.30.506) per far luce sulla vicenda. Ma facciamo un passo indietro: sul finire degli anni '90 Devanna ha deciso di donare parte della sua raccolta d'arte opere che abbracciano un ampio arco di tempo, dal Cinquecento al Novecento allo Stato italiano, in vista della nascita della pinacoteca, poi inaugurata nel 2009 dopo i restauri del primo e del secondo piano. Non avendo esercitato il diritto di prelazione, il Segretariato del Mibact non consentir cos al museo di ingrandire i propri spazi e aspetto altrettanto grave obbligher Devanna a destinare altrove l'altra met della sua collezione attualmente ospitata nel suo palazzo privato.

Sono molto pentito di aver donato le opere alla Puglia, se potessi le porterei a Tirana immediatamente. una regione inesistente da un punto di vista culturale, c' molta incapacit amministrativa: ci va gi pesante Devanna, globetrotter e instancabile raccoglitore di rarit e lettore vorace di studi sull'archeologia e la storia dell'arte. La sua collezione nata circa mezzo secolo fa da una passione sincera per l'arte di ogni tempo e proprio per questo adesso non risparmia le accuse: Nel 2008 il ministro Urbani destin 300mila euro all'acquisto di alcuni locali del piano terra, che sono stati spesi solo in parte di recente. Con il mancato acquisto, a settembre scorso, dei due vani pi grandi, il museo ha perso la possibilit di ingrandirsi, di ospitare le opere attualmente in deposito e di allestire mostre temporanee pi grandi", commenta il professore. Odio la Puglia, una regione incolta, tuona Devanna, che aggiunge: La parte pi significativa della collezione ancora in mano mia, la doner alla Romagna o al Veneto . Ha per parole positive sulla direzione del "suo" museo, affidata da tempo alla storica dell'arte Nuccia Barone: stato ben gestito, meglio di altri musei nazionali. Quattrocentocinquanta opere, tra dipinti e disegni, costituiscono il patrimonio attuale del museo, ma alcune sono in deposito tra cui un raro paesaggio di Umberto Boccioni pre-futurista e un nucleo consistente di opere su carta proprio per mancanza di spazi adeguati. Personalmente sono venuta a conoscenza di tutto questo da Devanna e in effetti andata cos, non stato richiesto neppure il parere del Polo museale, precisa la direttrice Barbone, aggiungendo che tutto questo naturalmente sconvolge i nostri progetti. E se in anni recenti il museo ha acquisito due piccoli vani al piano terra, si ancora in attesa di un finanziamento che consentir i lavori di restauro. Nelle sale che sono state vendute a privati, mi sarebbe piaciuto allestire un dialogo tra opere di arte antica e contemporanea , aggiunge la direttrice. Adesso bisogner invece lavorare sul patrimonio e sugli spazi a disposizione, adeguandosi ancor di pi agli standard museali, in primis sul fronte della comunicazione. Non semplice precisa la direttrice , bisognerebbe avere ancor pi personale qualificato, sappiamo che quella della nascita di un sito internet una delle urgenze pi stringenti.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news