LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Il mio dolore per questa citt massacrata da catastrofi urbane
Pierluigi Battista
Corriere della Sera - Roma 21/2/2017

Gli eccellenti servizi giornalistici sulla nostra citt devastata, corrosa, abbandonata sono una miniera straordinaria di informazioni, ma un dolore acuto, una fitta al cuore a chi prova affetto e forse amore per questa citt che sta, temo, diventando un paesaggio di rovine. La nostra cronaca documenta con foto che parlano da sole le tappe di questa via crucis, di questo percorso del dolore. Che non solo costellato di buche, strade disselciate, cassonetti ricolmi, maleodore, trasporti pubblici disastrati, larroganza dei monopolisti della porchetta ambulante, una vita quotidiana impossibile, le scene ordinarie del nostro degrado inarrestabile. No, sono i grandi monumenti della devastazione, le cattedrali della catastrofe urbana che procurano una sofferenza indicibile. Dolore. Rassegnazione, forse. Chi ci salver?

Chi rimetter in sesto gli spazi un tempo vivaci e colorati, dellex Fiera di Roma di cui la nostra cronaca ha documentato proprio in questi giorni lorrendo abbandono? Porte sfondate, vetri in frantumi, strutture cariate, il cigolio dei relitti sbattuti dal vento, il rame rubato. Come se i lanzichenecchi avessero voluto radere al suolo i segni di una citt che sapeva essere, con quella che era la su Fiera, il luogo dello scambio, del commercio, della socialit. E nessuno intervenisse pi. E labbandono fosse il destino ineluttabile, un destino di desolazione, di questi luoghi violentati dalla nostra incuria. Che dolore, appunto. E che dolore assistere impotenti allo scempio di quello splendore dello Stadio Flaminio, le sue gradinate, la tribuna coperta, il verde del campo, la prossimit con unaltra meraviglia come il Palazzetto dello Sport, non ancora massacrato, per fortuna, al pari del suo sventurato vicino.

Adesso dicono, la Soprintendenza dice, che lippodromo di Tor di Valle un gioiello architettonico, perch larchitetto Lafuente realizz per le Olimpiadi del 1960 il massimo esempio al mondo di parabolide iperbolico che adesso non pu essere oscurato da uno stadio e dai grattacieli. Ma se era cos importante, quel gioiello architettonico, come il suo cugino Velodromo allEur che invece fu demolito senza scrupoli per far crescere al suo posto una landa desolata (chi sono i barbari?), allora perch hanno aspettato tutto questo tempo prima di dirlo? E perch quel gioiello oggi diventato dopo decenni di incuria un festival di detriti e di sporcizia, di erbacce e di terra arsa, di calcinacci, di sedili spezzati, di luridume e degrado?

Il viaggio del dolore non finisce qui. Cosa stata per decenni la stazione di Vigna Clara costruita nel 90 per i Mondiali, costata tantissimo, mai usata, lasciata a se stessa, oscenamente abbandonata? Oppure le macerie di una Citt dello Sport mai nata dalle parti di Tor Vergata, ferri ritorti, lastre distrutte, un pantano di fango, calcinacci, vetri rotti accanto con la vela di Calatrava che sta l, visibile da lontano da chi va verso Napoli e l Sud, monumento incompiuto, segno di una cialtroneria senza fine, una quantit pazzesca di quattrini pubblici buttati via, il discredito di ogni grande evento che tutti sappiamo ingoier risorse infinite e lascer infinita tristezza in una citt che l dentro sembra un paesaggio da guerra dei Balcani. Che dolore. Che dolore la galleria che dal lungotevere del Santo Spirito porta allAurelia, chiusa, sbarrata, impraticabile, abbandonata. Che dolore vedere la foto della nostra cronaca in cui viene immortalato un gruppo di eroi che, con sacchetti e paletta, coprono da s, con una dedizione commovente, le buche stradali che non saranno mai aggiustate, di cui non si occuper mai nessuno, perch la Roma dei luoghi devastati senza governo, di fatto, perch i nuovi arrivati passano il tempo a occuparsi di faide, poltrone, incarichi, dossier, polizze. Che dolore non potersi fidare di nessuno. Che dolore avere la certezza che la storia dellinferno romano storia antica, che non comincia certo con lattuale amministrazione della citt. Che dolore essere sicuri che anche gli altri partiti e movimenti al massimo sono capaci di balbettare slogan vuoti e insensati, il cuore di Roma, Roma riparte, la Roma del futuro, ma non hanno la minima idea di come salvare lo Stadio Flaminio, lex Fiera di Roma, lIppodromo, la galleria, la mai nata Citt dello Sport. Incompetenti, attorcigliati alle loro formulette insulse.

E vogliamo mettere anche la nebbia in cui sono immersi quando li si interroga sulla destinazione di altri immensi spazi come lex Mercato generale, oppure tantissimi, magnifici padiglioni dellex Mattatoio solo in minima parte riattivati dal Macro, dalle scuole di musica, dalle mostre di fotografia, oppure del Teatro Valle, altro gioiello violentato? Che dolore, il dolore della disperazione, della rassegnazione, dellimpotenza. Un sentimento non politico, mi rendo conto. Ma un sentimento molto diffuso. E dalle parti del Campidoglio nemmeno sono capaci di accorgersene.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news