LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. «Carrara, operai senza contratti edili»
Donatella Tiraboschi
Corriere della sera - Bergamo 21/2/2017

«Presumo che sul cantiere dell’Accademia Carrara (foto) non applicassero i contratti dell’edilizia, visto che la maggior parte dei lavoratori non era iscritto alla Cassa Edile»: a parlare è il presidente dell’Ance Ottorino Bettineschi, che stigmatizza l’utilizzo di lavori con professionalità non garantita, soprattutto sui grandi cantieri. «Le colpe, in casi come la Carrara, partono dal principio e arrivano fino alla fine», conclude Bettineschi. Mentre Alberto Capitanio, coordinatore del Tavolo dell’Edilizia, ribadisce la necessità di modificare «le modalità di assegnazione degli appalti. Serve un nuovo rinascimento dell’edilizia».

Una storia iniziata male, con l’appalto, e finita peggio, con gli strascichi ancora oggi visibili su una struttura delicata come quella dell’Accademia Carrara. «Il cantiere della Carrara è la fotografia di quello che capita in Italia, o meglio in certi grandi cantieri italiani». A parlare è il numero uno di Ance Bergamo, nonché presidente del tavolo dell’Edilizia della Camera di commercio, Ottorino Bettineschi. L’errore di partenza, ha detto anche l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla al Corriere , è stato proprio nell’assegnazione dei lavori alla Salini di Roma, che ha mostrato strada facendo di non avere le caratteristiche per portare a termine un cantiere del genere.

Bettineschi misura, in termini pratici, l’inadeguatezza: «La maggior parte dei lavoratori presenti sul cantiere della Carrara non era iscritto alla Cassa Edile — afferma Bettineschi — e quindi si presume che applicassero altri contratti e non quelli dell’edilizia. Formalmente nessuna irregolarità, ma la sostanza ha prodotto questi guai». In teoria, se si assume con il contratto dell’edilizia, la professionalità edile di chi lavora dovrebbe essere assicurata. Ma l’azienda non è tenuta a farlo, e può applicare anche altri tipi di contratto che non garantiscono altrettanta professionalità e così arrivano i guai dai subappaltatori. Anche bergamaschi? «Questo non lo so — ammette Bettineschi — ma certo è che spesso nei cantieri ci finiscono aziende con contratti irregolari, personale non preparato in tema di sicurezza e manodopera avventata. Insomma, in queste che non sono imprese, ci finisce dentro di tutto e di più. A questo si possono aggiungere altre difficoltà, sulla progettazione cantieristica e sulla direzione lavori. Se un cantiere, e lo dico in senso generale, finisce così come è successo alla Carrara è perché le colpe partono dal principio e arrivano fino alla fine».

Più carriole e meno avvocati, insomma. «Speriamo che sia una delle ultime volte che leggiamo sui giornali titoli come quelli letti sull’Accademia — dice Alberto Capitanio coordinatore del Tavolo dell’Edilizia —. Al di là delle responsabilità dell’impresa appaltante, il futuro economico del nostro territorio, che vede nella filiera dell’edilizia uno dei settori trainanti, passerà sicuramente dal cambiamento delle imprese ma anche e soprattutto da una nuova modalità di assegnazione degli appalti. Noi ci crediamo, per questo con il marchio “Mastri” vogliamo costruire un nuovo rinascimento per l’edilizia. È un marchio di qualità del saper fare e nasce per valorizzare la qualità della filiera edilizia bergamasca, capace di costruire e ristrutturare a regola d’arte, rispettando contratti d’appalto e (aspetto non secondario) anche i rapporti di lavoro applicando i contratti del settore. Cosa che purtroppo molto spesso non avviene con le imprese che arrivano da fuori».

La vicenda dell’Accademia Carrara per il Comune di Bergamo è stata una lezione. Da un lato, in vista dei lavori sul Donizetti, si sta preparando un bando di gara che punta a favorire aziende che abbiano solidità e reali competenze. Dall’altro, almeno sugli appalti ad invito — lavori con valore inferiore ai 100 mila euro —, le maglie si sono strette in modo deciso. In pratica l’amministrazione ha azzerato gli elenchi da cui pescare le ditte per i cantieri dei lavori pubblici. Poi sono state contattate nuovamente le aziende del settore, iscrivendo solo quelle che, tra le altre cose, dimostrano di avere completato negli ultimi anni opere nel settore pubblico e in quello privato e di avere in organico competenze necessarie per affrontare i progetti più complessi. E, non ultimo, di disporre della forza lavoro sufficiente a sostenere un appalto. Come dimostra la vicenda della Carrara, non si tratta di una formalità.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news