LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Dalla cassiera 2.0 al barista, la carica degli automi che sta cambiando la città
Fabrizio Assandri
Stampa, 24/02/2017

Dal centro ricerche che Amazon aprirà a Torino per sviluppare l’assistente vocale, Alexa, al robot che shakera un cocktail al posto del barman. È sviluppato dalla start up Makr shakr, con sede in piazza Vittorio e un fatturato in un anno 1,6 milioni di euro.

Robot e intelligenza artificiale sono in mezzo a noi, alle casse del supermercato e con i sensori in casa. In fondo, è naturale che sia così in questa città. «Qui la robotica è nata nel nostro Paese e il Piemonte è la regione col maggior numero di robot installati in Italia», dicevano da Confindustria Piemonte nel presentare la «Fiera della robotica» prevista anche quest’anno al Lingotto a maggio. Secondo il polo regionale Mesap il Piemonte produce il 64% del fatturato italiano della robotica. Un colosso è Comau, nell’automazione industriale, con all’attivo robot umanoidi che assemblano la scocca delle auto e lavorano i motori. A Torino ci sono 1300 dei 9 mila dipendenti nel mondo. Il futuro? Comau lavora per passare dai grandi robot dell’automotive a quelli più piccoli e più veloci per estendere l’automazione a nuovi settori, dall’imballaggio alla movimentazione.


I ROBOT COLLABORATIVI

L’altro fronte è quello dei «robot collaborativi», che affiancano l’uomo. Ma i settori sono infiniti. Il Politecnico è al lavoro sulla «robotica di servizio», spiega il docente Marcello Chiaberge, che intende creare un Centro interdipartimentale sui robot. Il primo è la «città intelligente», con robot e droni a supporto ad esempio dei vigili per il traffico o le emergenze. «Con Tim abbiamo sviluppato un’app per chiamare un drone per chi si sente male nei parchi». Poi c’è l’agricoltura di precisione: il Poli ha avviato un progetto con i vigneti a Dogliani, per testare veicoli e droni capaci di capire quando c’è una malattia o poca acqua. «Ma abbiamo anche progetti per la tutela dei monumenti e l’assistenza ai malati».


L’EVOLUZIONE

Certi lavori scompariranno, altri appariranno, ancora non sappiamo prevedere gli effetti. Al Poli si lavora a un simulatore del cervello umano, mentre la sede torinese dell’Istituto italiano di tecnologia ha sviluppato «Rehand», esoscheletro robotico per la riabilitazione, una mano artificiale che si può anche stampare in 3D. È la ricerca la chiave di volta. «Siamo tra i fondatori dell’associazione italiana intelligenza artificiale», spiega Luca Console, del dipartimento di informatica dell’Università, che ha progetti con i robot per l’aerospazio e per gli “oggetti intelligenti” come le maglie che controllano i movimenti e prevengono infortuni sul lavoro. Ma a Torino si comincia da piccoli, grazie alla rete nelle scuole: dai robottini giocattolo all’asilo a quelli antropomorfi che vedranno i ragazzi del D’Azeglio e del Galileo Ferraris misurarsi coi software per interventi chirurgici.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news