LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VICENZA San Lorenzo, gli Amici dei monumenti offrono il restauro dellaffresco deturpato
www.tviweb.it, 01/03/2017

Buone notizie per il patrimonio culturale della citt: gli Amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio donano il restauro dellaffresco del Tempio di San Lorenzo che nellagosto del 2016 era stato imbrattato da una serie di scritte e simboli con vernice spray di colore nero.

Oggi lannuncio stato dato in sala Stucchi dal vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini dElci, dallassessore alla cura urbana Cristina Balbi, dal presidente dellassociazione Amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio per la citt di Vicenza e provincia Mario Bagnara e dal restauratore Xavier Angelo Robusti di Arcart srl. Erano presenti inoltre padre Giulio Cattozzo della Provincia padovana dei frati minori conventuali, Giorgio Ceraso e alcuni membri dellassociazione Amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio per la citt di Vicenza e provincia.

Laffresco che raffigura la Crocifissione, databile tra il 1300 e il 1320, ed attribuito a un artista appartenente alla scuola del giottismo vicentino, il movimento del quale fecero parte un gran numero di pittori legati dallinsegnamento e dallimitazione dei modelli di Giotto. Il dipinto, collocato in una nicchia alla sinistra della facciata del tempio, si presenta frammentario: perduto lintonaco degli strati pi bassi, se ne salvata solamente la parte superiore. Laffresco era stato restaurato nellestate del 2006. Limbrattamento interessa la muratura e marginalmente la superficie affrescata dellopera.

Ad una pagina orrenda e vergognosa della storia recente della nostra citt si viene a contrapporre oggi una pagina luminosa grazie agli Amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio che si fanno carico delle spese per ripristinare laffresco sfregiato di San Lorenzo ha annunciato il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini dElci Purtroppo un momento di stupidit e di mancanza di rispetto nato allinterno della nostra comunit ha danneggiato il patrimonio collettivo che appartiene a tutti. Siamo felici di annunciare che laffresco verr restaurato grazie alla scelta generosa dellassociazione presieduta da Mario Bagnara che ha deciso di venire incontro alle esigenze e alle difficolt dellamministrazione. Mi piace definirla una scelta luminosa che va a guarire una ferita, a dimostrazione che la comunit formata non solo da coloro che non sanno prendersi a cuore i beni comuni, ma anche da chi riconosce come fondamentali i valori della comunit stessa, li preserva e li tutela.

Ringrazio lassociazione che, venendo incontro alle effettive esigenze dellamministrazione, dimostra chiaramente lamore verso la citt ha ricordato lassessore alla cura urbana Cristina Balbi Fin da subito abbiamo accettato, in sede di giunta, la proposta mettendoci a disposizione per fare da tramite con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza che dovr verificare il progetto prima di procedere allesecuzione. Durante lincontro di luned scorso, anche alla presenza del restauratore, abbiamo verificato leffettiva disponibilit da parte soprintendenza di darci una risposta celere per poter concludere lintervento in breve tempo. Lidea di promuovere un cantiere aperto emersa durante il sopralluogo in linea con lattivit dellufficio muri puliti di recente istituzione che si occupa di monitorare i monumenti per intervenire con azioni di pulizia mirata e di educazione. Il cantiere sar quindi a disposizione dei ragazzi, allentrata o alluscita da scuola, oppure durante lorario scolastico coinvolgendo gli insegnanti, mostrando cos le conseguenze di azioni avventante per mancanza di educazione o cultura.

La possibilit di sostenere interventi di restauro come questi dovuta a varie iniziative dellassociazione che rappresento intervenuto Mario Bagnara, presidente dellassociazione Amici dei monumenti, dei musei e del paesaggio per la citt di Vicenza e provincia Tra queste anche la pubblicazione del volume di Giorgio Ceraso dedicato alla pianta di Vicenza di Giandomenico DallAcqua presentato recentemente proprio in sala Stucchi che ha fruttato alcune elargizioni liberali che verranno devolute proprio a favore di restauri. La deturpazione dellaffresco, segnalato da padre Giulio Catozzo, accolta con condanna arrabbiata da parte dellamministrazione, ci ha particolarmente colpiti anche perch la nostra associazione legata a San Lorenzo che ospita i nostri incontri. Inoltre un socio Luca Trevisan ha scritto un volume su San Lorenzo oltre che una guida breve del monumento. Ci siamo sentiti in dovere di occuparci del recupero dellaffresco che non ha confronti in ambito vicentino con riferimento allinizio del Trecento. Abbiamo pertanto avanzato a dicembre la proposta allamministrazione che lha accolta favorevolmente. Il nostro intervento vuole essere anche un segnale di sostegno alla comunit dei frati minori che ci auguriamo possa rimanere nella sede di San Lorenzo; invitiamo anche i vicentini a comprendere quanto si stia rischiando di perdere. Inoltre, durante il recente sopralluogo larchitetto Giovanna Battista della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza, che ha apprezzato la modalit di intervento a cura di Xavier Robusti di Arcart, ci ha invitati a cogliere questa occasione per sensibilizzare i giovani, invitandoli ad essere presenti ai lavori di pulizia e restauro.

Lintervento, fortunatamente, di entit abbastanza modesta avendo imbrattato, solo in maniera marginale, la zona dellaffresco; la gran parte del danno circoscritto alla parte sottostante della parete muraria, in mattoni ha precisato il restauratore Xavier Angelo Robusti di Arcart srl Bisogna per considerare che le vernici spray utilizzate per imbrattalo contengono al loro interno composti molto aggressivi che vengono assorbiti in profondit dai materiali (in questo caso mattoni che per loro natura sono maggiormente assorbenti) causando notevoli danni. Pertanto provvederemo con unanalisi diagnostica per comprendere il tipo di vernice utilizzata per procedere poi con un intervento mirato. La rimozione avverr tramite lapplicazione di impacchi di carbonato di ammonio, con un tempo di contatto controllato con cui si alleggerir lassorbimento delle vernici. Poi si interverr ad una rimozione manuale controllata con lausilio di bisturi e specilli: tale operazione permetter di rimuovere gli strati di vernice superficiali senza andare ad intaccare la struttura in mattoni e malta.Verr poi applicato un protettivo consolidante specifico per superfici murarie in mattoni che permetter la traspirabilit dellopera. Liter progettuale condiviso con larchitetto Giovanna Battista della Soprintendenza di Verona, dopo lautorizzazione, verr eseguito in tempi brevi e non oltre 40 giorni dal nulla osta.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news