LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Clima, nuovo studio: Venezia sott'acqua entro il 2100, Adriatico con 140 cm in pi
02 marzo 2017 LA REPUBBLICA



Una ricerca conferma che l'aumento dei gas serra nell'atmosfera sta provocando un brusco innalzamento dei mari. Nei prossimi cento anni il Mediterraneo salir di 90 centimetri. Molte citt potrebbero scomparire. Per Napoli previsti danni per centinaia di milioni

Venezia e le citt costiere del nord Adriatico, da Trieste a Ravenna, potrebbero sparire inghiottite dal mare entro fine secolo a causa di una brusca accelerazione nell'innalzamento del Mediterraneo. In Italia sono 33 le aree a rischio e sul versante ovest sono minacciate le coste della Versilia, di Fiumicino, le Piane Pontina e di Fondi, del Sele e del Volturno, di Catania e quelle di Cagliari e Oristano.

Se negli ultimi mille anni il Mediterraneo si innalzato solo di 30 centimetri nei prossimi cento anni si stima una crescita di tre volte tanto con il Nord Adriatico che si innalzer sino a 140 centimetri. Un'accelerazione che la scienza imputa al cambiamento climatico provocato dall'aumento della concentrazione di CO2 nell'atmosfera.

L'innalzamento pi che triplo del Mediterraneo nei prossimi 100 anni era gi stato previsto dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (Ipcc), che ha stimato l'aumento del mare nel mondo tra i 60 e i 95 centimetri entro il 2100. Ma ora i valori sembrano pi precisi alla luce uno studio internazionale sulle variazioni del livello del Mediterraneo coordinato dall'Enea e realizzato insieme a colleghi dell'Ingv e delle Universit di Roma 'La Sapienza', Bari 'Aldo Moro', Lecce, Catania, Haifa (Israele), Parigi e Marsiglia (Francia).

CLIMA Due gradi in pi parte del mondo va sott'acqua

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Quaternary International, "ha preso in esame l'innalzamento del nostro mare in un arco temporale mai studiato prima", spiega Fabrizio Antonioli del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti dell'Enea. "In mille anni - aggiunge - il Mediterraneo aumentato da un minimo di 6 a un massimo di 33 centimetri, un livello inferiore del 65 per cento rispetto alle pi recenti proiezioni dell'Ipcc". Si tratta, spiega il ricercatore, "di un'evidente accelerazione, dovuta principalmente al cambiamento climatico causato dall'aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera, che negli ultimi quattro anni ha superato in modo stabile il valore di 400 ppm (parti per milione), un livello mai toccato sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni".

Il team di ricerca ha esaminato 13 siti archeologici sulle coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele, dove venivano estratte le mole olearie, cio grosse pietre utilizzate per la macinazione delle olive. L'aumento pi elevato stato riscontrato vicino ad Atene, mentre il pi basso stato misurato nell'isola spagnola di Maiorca. In Italia l'indagine si concentrata in tre aree del sud - Scario, in provincia di Salerno, Torre Santa Sabina, vicino Otranto, in provincia di Lecce, e Punta Penne in provincia di Brindisi - dove il livello del mare si innalzato di circa 15 centimetri negli ultimi mille anni.

Senza una riduzione globale dei gas a effetto serra, le principali citt costiere europee pagheranno un conto salato, secondo un altro studio pubblicato sulla rivista Frontiers. Fra le 19 citt esaminate c' Napoli per cui sono stimati danni annuali per 10 milioni di dollari al 2030, che salgono a 52 nel 2050, a 128 nel 2070 e a 290 milioni a fine secolo.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news