LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POGGIO A CAIANO - Quel lavoro umile che non interessa
Tomaso Montanari
LA REPUBBLICA, edizione Firenze - 8 marzo 2017

NEL gennaio 2014 il danno fu decisamente pi grave: allora ad andarsene furono trenta metri delle mura medioevali di Volterra, quelle che i cittadini avevano difeso perfino dai nazisti.
Anche allora la causa scatenante fu un temporale. Ma, allora come oggi, la causa prima del lento disfarsi del nostro patrimonio culturale non naturale: ma antropica, politica, culturale.

I finanziamenti per la verifica del muro esterno della Villa di Poggio a Caiano erano stati chiesti sia per il 2016 che per il 2017.
E non erano stati concessi perch i fondi per la manutenzione ordinaria sono drammaticamente pochi, e perch non cera unurgenza. Cos, aspettando lurgenza, si verificato un danno che non solo in s irreversibile (nessuno potr restituirci quel pezzo di tessuto vivo del nostro territorio), ma la cui riparazione coster una somma assai maggiore di quella che non si trovava per la manutenzione, senza contare i danni ai privati (le automobili schiacciate). E senza contare il rischio che si corso per lincolumit delle persone. La lezione sempre la stessa, ed sempre inascoltata. Nessuna parte del nostro patrimonio dal pi umile muro ottocentesco di campagna fino alla Cupola di Brunelleschi si conserva da sola. Se lo abbiamo ancora con noi perch una catena di occhi e di mani se ne presa cura, lungo i secoli. Investendoci denaro e lavoro. E, prima, attenzione e amore?
Ma allora, se lo sappiamo benissimo, perch abbiamo smesso di fare quella manutenzione che non a caso si chiama conservazione programmata? Semplice: perch la manutenzione appunto ordinaria, e dunque in qualche modo grigia ed umile.
E nessun politico vuole legare ad essa la propria fama. Tutti preferiscono inaugurare, tagliare nastri, costruire.
Prendiamo lultimo grande stanziamento per il patrimonio, il famoso miliardo di euro concesso dal governo Renzi il primo maggio del 2016.
Ebbene, innanzitutto era un una tantum: esattamente il contrario di quel flusso continuo di fondi ordinari che serve allordinaria manutenzione. E poi ben 850 milioni erano destinati ai grandi attrattori turistici, e i restanti 150 milioni avrebbero dovuto essere ripartiti tra i piccoli monumenti secondo la graduatoria dei voti da casa (in stile Sanremo) che dovevano essere
inoltrati allincredibile indirizzo mail bellezza@governo.it. Ora, non solo il risultato di quella lunare votazione non mai stato reso noto, ma soprattutto chi mai avrebbe votato per il muro della Villa di Poggio a Caiano? Gli unici strumenti capaci di salvare questo tessuto connettivo del territorio sono la competenza e la dedizione del personale delle soprintendenze: che, per, sono state scientificamente massacrate dal medesimo governo, a causa di un pregiudizio ideologico.
E dunque, o cambiamo il nostro modo di pensare, di governare e di spendere, o sar prudente non parcheggiare (e non camminare) lungo i monumenti.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news