LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, la bilancia commerciale tra paesi Ue ed extra Ue ora positiva
Marilena Pirrelli
Sole24ore, 09/03/2017

La cultura uno dei maggiori punti di forza dellEuropa, fonte didentit e senso di appartenenza. Contribuisce al benessere delle persone, alla coesione sociale. I settori culturali e creativi sono un motore di crescita economica attraverso la creazione di posti di lavoro e il commercio estero. Ma quanta parte di questa ricchezza un valore tangibile misurabile con un dato numerico?

Lanalisi delle statistiche dei dati culturali di Eurostat su sette anni (2008-2015) sul commercio internazionale di prodotti culturali e artistici mostra un andamento sorprendentemente positivo. Ma cosa contiene questo paniere? I beni culturali sono prodotti della creativit artistica che trasmettono valori artistici, simbolici ed estetici, scrivono i ricercatori di Euostat si va dagli oggetti dantiquariato alle opere darte, dai libri ai giornali, dalle foto ai film, dai tessuti alle mappe e ai disegni e ai progetti architettonici, dalla musica agli strumenti musicali, compresi cd, dvd, videogiochi e console, mezzi che consentono laccesso ai contenuti culturali. Escludendo il commercio internazionale di licenze e diritti.

Andando a ritroso partire dalla fine del 2008, scopriamo che il saldo commerciale dei beni culturali tra Stati membri e paesi non Ue (extra-Ue) evidenziava un deficit commerciale di 2.068 milioni di euro, ma nel 2015 la situazione si capovolge mostrando un avanzo commerciale di 2.786 milioni di euro grazie a un aumento del rapporto export / import pari rispettivamente a 0,8 e 1,2 volte.

Tale variazione il risultato di un aumento delle esportazioni (da 10.535 milioni di euro a 14.926 milioni) e di una stagnazione delle importazioni (dai 12.603 milioni nel 2008 a 12.140 milioni nel 2015).Il tasso globale medio annuo di crescita (AAGR) del periodo considerato si attesta a un +5,1% per le esportazioni ed negativo dello 0,5% per le importazioni. Il breakdown per tipologia di prodotto rivela diverse tendenze, in misura significativa concorre a determinare questo risultato il bene culturale opere darte (dipinti, incisioni, disegni e sculture) che insieme agli oggetti di antiquariato hanno evidenziato i valori pi consistenti.
Infatti tra il 2008 e il 2015, i tassi di crescita nelle esportazioni e nelle importazioni sono stati positivi per le opere darte (uno dei maggior contributori al miglioramento della bilancia commerciale), per gli oggetti dantiquariato, per gli strumenti musicali, per le foto e le pellicole fotografiche, e per le mappe.

E gli altri settori? Per quanto riguarda i giornali, riviste e periodici e cd, dvd e dischi in vinile, nonostante il surplus commerciale, il tasso globale medio annuo di crescita (AAGR) tra il 2008 e il 2015 stato negativo per esportazioni e importazioni. Film, videogiochi e console hanno registrato una forte flessione in entrambi i flussi commerciali. Per esempio nel 2015, i valori delle importazioni di cd, dvd e dischi in vinile e film, videogiochi e console hanno rappresentato, rispettivamente, meno della met (-58%) e meno di un terzo (-32%) dei valori del 2008. La tendenza al ribasso delle esportazioni e delle importazioni riflette i cambiamenti nei mezzi di supporto per i contenuti culturali, oggi sempre disponibili in forma digitale attraverso Internet.
Nel caso dei libri, le esportazioni sono aumentate mentre le importazioni sono leggermente diminuite. Due categorie di beni culturali hanno segnato una tendenza opposta: le esportazioni di ricami e tessuti a maglia, di progetti architettonici e disegni sono diminuiti, ma le importazioni sono cresciute.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news