LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POGGIO A CAIANO-Villa di Lorenzo il Magnifico, dal genio allincuria
Paolo Toccafondi
http://iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2017/03/08/news/la-villa-di-lorenzo-il-magnifico-dal-genio

Alle 20,30 il pizzaiolo di via Cancellieri ha sentito un boato sordo, si voltato e ha visto che un bel pezzo di muro della Villa, sei metri di altezza per 35 di lunghezza, non era pi al suo posto e che da quel vuoto scendeva una cascata di terra e acqua. Sotto le pietre sono rimaste schiacciate sei auto. Una volta appurato con sollievo che dentro quelle auto non cera nessuno, diventa importante sapere che quel muro recinta uno dei capolavori della Toscana rinascimentale: la Villa Medicea di Poggio a Caiano, patrimonio dellUnesco.

Se la Villa di Poggio fosse un film, tanto per dire, avrebbe come produttore Lorenzo il Magnifico, come regista Giuliano da Sangallo, come interpreti Filippino Lippi, Sansovino, Paolo Veronese, Pontormo, Andrea del Sarto, forse un cameo di Leonardo da Vinci. Oppure farebbe da location a una serie tv con protagonisti papa Leone X, gli altri Medici e le loro principesche consorti, Giovanna dAustria, Cristina di Lorena, Margherita dOrleans. E poi la granduchessa Elisa Baciocchi Bonaparte, sorella di Napoleone, il re dItalia Vittorio Emanuele II. Un cast da kolossal, anche se siamo solo a Poggio a Caiano, comune di 10.000 abitanti a otto chilometri da Prato, sulla strada che va da Pistoia a Firenze.

Aperta un'inchiesta sul crollo della Villa medicea di Poggio a Caiano
Prato, l'ipotesi di reato crollo colposo. Si vuole verificare se all'origine di quanto accaduto vi sia stata o meno negligenza. La Regione in aiuto, il presidente del consiglio Giani: "Centomila euro da fondo vitalizi consiglieri regionali"

Quelle pietre cadute potrebbero sembrare poca cosa, alla fine, di fronte alle tante tragedie di questi mesi. Eppure quella breccia nel muro un invito a guardare dentro per scoprire la ricchezza e la fragilit di un luogo, quanta bellezza ignoriamo, dimentichiamo o rischiamo di perdere. Nel nostro paese ci sono spesso posti cos, che sembrano minori e sono invece lincrocio di mille storie della Storia, larca di piccoli tesori che sono piccoli solo da noi, dove i tesori grandi abbondano. Tra laltro nelle stesse ore, a pochi chilometri di distanza, crollava anche il tetto dellabbazia di San Giusto a Carmignano, minuscolo gioiello romanico del XII secolo.

La Villa Medicea si pu visitare ed uno spettacolo, tra affreschi, architetture, teatro, parco e il Museo della natura morta ospitato al secondo piano. Ora le istituzioni corrono a tappare la falla. E ci si chiede cosa sia successo. Si parla di elementi che dovevano garantire il deflusso dellacqua, forse usurati o otturati, cosicch il muro non avrebbe retto la pressione dellacqua che scivolava dal giardino, dopo 20 minuti di pioggia torrenziale.

La gente del posto dice che dagli anni Sessanta non si ricorda un intervento di manutenzione sul muro della villa. Ora invece partiranno celermente i lavori: subito i ponteggi, la perizia, un milione di euro per ripristinare il muro. Il ministero si impegna attraverso le sue articolazioni, il Polo museale Toscano (direttore Stefano Casciu) che si occupa degli allestimenti nei luoghi storici, e la Soprintendenza (Andrea Pessina) a cui spettano la manutenzione del patrimonio. Sperando che tra loro si parlino.

La Villa Medicea fu voluta da Lorenzo il Magnifico: Quant bella giovinezza che si fugge tuttavia, chi vuol esser lieto sia, di doman non v certezza. E appunto per cogliere la pienezza del presente, Lorenzo decise di far costruire al centro di una vasta tenuta una villa che fosse diversa da tutte le altre, non pi una fortezza fuori citt, ma un edificio bello, che modellasse anche la campagna secondo quellarmonia di cui luomo era il centro e il portatore. Nacque cos la villa di Poggio, affidata nel 1482 al progetto di Giuliano da Sangallo. E nella quale furono chiamati a lavorare i grandi artisti e architetti dellepoca. Da allora fu la residenza estiva della famiglia padrona di Firenze e della Toscana, nonch il luogo in cui si celebravano i matrimoni.

Nel corso del tempo stata la villa dellamore e degli amanti. Qui Francesco I portava la sua amante Bianca Cappello, nobildonna veneziana poi sposata proprio a Poggio a Caiano nel 1579. E qui entrambi morirono otto anni dopo, forse avvelenati, secondo unipotesi gialla che ancora fa discutere storici, archeologi e paleopatologi. Negli anni in cui Firenze era capitale del Regno dItalia, il re Vittorio Emanuele II usava la villa come base per le sue battute di caccia portando con s la bella Rosina, la popolana piemontese sua amante ufficiale.

E stata anche la Villa della salvezza, durante la seconda guerra mondiale, quando ha dato rifugio nei sotterranei alla popolazione in fuga dai bombardamenti e alle opere darte da proteggere che arrivavano da tutta la Toscana, dai capolavori di Michelangelo in San Lorenzo, ai Quattro Mori di Livorno, dl Pietro Tacca.

E poi cera laltro pezzo complementare della tenuta, di l dal fiume Ombrone su cui la villa si affaccia, in direzione di Prato: le Cascine medicee, un altro complesso monumentale e paesaggistico dimportanza storica, con un reticolo di canali che si dice disegnato da Leonardo. Gli edifici storici, acquistati da privati, sono finiti in una spirale di inchieste, fallimenti, confische e sequestri. Domani, 9 marzo, andranno allasta per la quarta volta. Serviranno 3,5 milioni per comprarli, ma 28 per ristrutturarli. Cos i tesori spesso trascurati, con un piccolo crollo o una svendita, richiamano la nostra attenzione.

Prima che sia troppo tardi.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news