LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Inchiesta riaperta da noi Orlando digitalizzi gli archivi"
Paolo Bolognesi
06 marzo 2017 LA REPUBBLICA



L'INTERVISTA/ BOLOGNESI, ASSOCIAZIONE FAMILIARI

ancora tutta negli archivi la verit sulla strage del 2 agosto alla Stazione di Bologna. Lo dice Paolo Bolognesi, parlamentare del Pd e presidente dell'associazione vittime della strage. Per Bolognesi incrociando i dati delle inchieste su attentati come quelli di Piazza Fontana e Piazza della Loggia possibile ricostruire gli anni del terrorismo nero e arrivare al cuore oscuro delle istituzioni dietro le stragi. Il presidente punta l'indice contro i ministri della Giustizia, Andrea Orlando, e dei Beni culturali, Dario Franceschini, che avevano promesso la digitalizzazione degli atti sulle stragi italiane, senza poi mantenere l'impegno.

ancora tutta negli archivi la verit sulla strage del 2 agosto alla Stazione di Bologna. Ne sicuro Paolo Bolognesi. Come pure convinto che incrociando i dati delle inchieste su attentati come quelli di Piazza Fontana e Piazza della Loggia sia possibile ricostruire il mosaico del terrorismo nero e risalire cos al cuore oscuro delle istituzioni dietro le stragi. Dall'incrocio di dati provenienti da diversi inchieste e archivi, elaborati dall'associazione delle vittime della strage di Bologna, nato il dossier che ha portato alla riapertura del caso "Cavallini". Per questo il presidente Bolognesi punta l'indice contro i ministri della Giustizia, Andrea Orlando, e dei Beni culturali, Dario Franceschini, responsabili di aver firmato un protocollo d'intesa per la digitalizzazione di tutti gli atti relativi alle stragi italiane e completamente inattivi rispetto agli impegni assunti . Bolognesi, che tra l'altro parlamentare del Pd, non nasconde la sua profonda delusione nei confronti dei due esponenti del Governo. Perch, spiega: la possibilit di digitalizzare gli atti fondamentale per incrociare gli elementi che possono consentire di riscrivere la storia della stagione stragista del nostro Paese.

Ovviamente Bolognesi molto soddisfatto per la riapertura delle inchieste sulla base delle denunce dell'associazione. Spera che ora non li fermino, a Bologna come a Roma. E aggiunge: Da membro della Commissione Moro ho visto troppi segnali strani. Danno l'idea che qualcuno d'accordo nel voler chiudere la partita sugli anni di piombo. Rincuora l'atto della Procura il segno che hanno analizzato con attenzione il nostro dossier, che indica nomi e cognomi di mandanti e finanziatori. Un lavoro corposo di approfondimento ricerca e analisi incrociata di migliaia di pagine di atti giudiziari di processi per fatti di strage e terrorismo dal 1974. Il dossier depositato due anni fa dai familiari delle vittime identifica mandanti, complici e strutture clandestine che si servirono della violenza stragista per finalit di politica interna. Elementi certi, concreti che per non risultano essere mai stati correlati tra di loro. Bolognesi ricorda che tra le novit del dossier c', ad esempio, il ritrovamento tra gli atti del processo bis strage Italicus di una corrispondenza che prova l'ospitalit data nel 1984 in Paraguay dal leader ordinovista Elio Massagrande a Licio Gelli (gi condannato per il depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna) e l'interesse a un incontro con Gelli mostrato, in quell'occasione, da Paolo Marchetti e Rita Stimamiglio, le stesse persone che ospitarono, nel gennaio- febbraio 1981 a Padova, Fioravanti, Mambro e Cavallini. Bolognesi poi mette in guardia tutti: I depistatori sono sempre pronti a spargere il loro veleno per confondere le acque e spostare l'attenzione. Per questo mi aspetto che nei prossimi mesi si tornino a verificare i depistaggi gi visti in passato. Bolognesi lo dice esplicitamente: Non mi meraviglierebbe l'improvvisa apparizione di nuovi testimoni o libri dai contenuti assolutamente fuorvianti. La mente va inevitabilmente al febbraio 2015 quanto venne archiviata l'inchiesta bis aperta sulla cosiddetta "pista palestinese", che vedeva indagati i terroristi tedeschi Thomas Kram e Margot Christa Frohlich.

(g.bal.)



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news