LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Astronave di Piano alla deriva tra incuria e spettatori delusi solo i costi sono rimasti stellari
FRANCESCA RUSSI
10 marzo 2017 LA REPUBBLICA




STADIO San Nicola, anno di costruzione 1990, posti a sedere 58.270, pista di atletica a otto corsie. Juventus Stadium, anno di inaugurazione 2011, posti a sedere 41.475, via il circuito per gli sport leggeri e spalti quasi a bordo campo. Ci sono ventuno anni e diciassettemila posti di differenza. Bastano i numeri a spiegare perch l'Astronave di Renzo Piano sia diventata in poco tempo gi cos incredibilmente vecchia.

Il tempio del calcio di Italia 90 dove Roberto Baggio e Tot Schillaci firmarono i due gol che valsero agli azzurri la vittoria sull'Inghilterra e il terzo posto nella Coppa del Mondo non pi quello di una volta. A profanarlo sono stati gli anni e l'incuria. L'attuale stato di conservazione dello stadio San Nicola si legge nella relazione tecnica commissionata dal Comune di Bari, proprietario dell'impianto sportivo, all'ingegnere Bartolemeo Silvestri risulta non adeguato a seguito del normale deterioramento causato dall'usura nel tempo e da atti vandalici compiuti, che richiedevano nel corso degli anni interventi di manutenzione. Poi, gli eventi atmosferici distruttivi hanno causato ulteriori danni, soprattutto alle coperture.

Di quelle notti magiche di 26 anni fa rimane soltanto il ricordo. Perch uno stadio cos grande il San Nicola il quarto impianto sportivo pi grande d'Italia sembra essere diventato demod nel calcio delle pay tv. Gli Agnelli lo avevano intuito subito, basta con questi scatoloni cos esagerati avevano detto a soli sei anni dall'inaugurazione, datata sempre 1990, del Delle Alpi di Torino. Tant' che il vecchio stadio, 69mila posti, stato demolito e rimpiazzato con lo Juventus Stadium (di propriet ora della societ bianconera) che, pur ospitando campionati di serie A e partite di Champions League, ha quasi 20mila posti in meno rispetto a Bari.

Il progetto per modificare l'Astronave secondo i nuovi standard, con eliminazione della pista di atletica in disuso da 20 anni, riduzione dei posti totali e slittamento delle tribune in avanti, in realt, c'; quello che manca sono i soldi. Soldi che, peraltro, sono mancati in tutti questi anni persino per le manutenzioni. Solo se ci fosse qualche privato si potrebbe mettere mani confessa l'assessore allo Sport Pietro Petruzzelli il mio un appello a chi vuole investire: fatevi avanti.

L'Astronave dell'archistar, considerato uno dei pi bei stadi d'Europa e sottoposto a vincolo architettonico dal ministero dei Beni culturali come opera moderna di elevato interesse scrive ancora Silvestri, ha bisogno di almeno 1,7 milioni di euro per rimettere a posto i dieci teli in teflon strappati dal vento e di 1,6 milioni per interventi di manutenzione prioritaria.

Il problema sono i soldi. Certo, se il Bari andasse in serie A sarebbe tutto pi facile considerato che, si legge nello studio-economico finanziario commissionato dal Comune, nel massimo campionato i diritti audio- televisivi hanno garantito alle squadre, ad eccezione dei top club, tra i 25 e i 35 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i ricavi da pubblicit e sponsorizzazioni mentre in serie B il valore tra i 4 e i 5 milioni di euro.

Non bastano dunque i 21.183 spettatori di media, che fanno della Fc Bari l'ottava squadra per numero di tifosi al pari di societ di serie A e pi di Lazio,Torino, Bologna, a far quadrare i conti per la gestione dello stadio. N sono sufficienti i grandi eventi come le partite della Nazionale che portano sugli spalti 47mila tifosi o i concertoni sold out alla Vasco Rossi che hanno portato nelle casse della societ biancorossa 180mila euro. Perch lo stadio sia economicamente sostenibile l'ipotesi comunale di un bando di gestione a 5 anni bisogner mettere a reddito tutto: l'antistadio da fittare per le partitelle, le palestre per ospitare fisioterapia, i bar da aprire al pubblico, i parcheggi da arricchire con cartelloni pubblicitari.

Il piano finanziario introduce la possibilit di sfruttare commercialmente il nome dello stadio da parte di uno sponsor come avviene a Monaco (Allianz Arena) o a Londra (Emirates Stadium) aggiungendo a San Nicola il nome dello sponsor. Resta da capire se, questa volta, qualcuno dei privati invocati dal Comune si presenter al bando.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news