LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"L'arte non deve alzare barriere ma costruire identità inclusive"
MARIA CRISTINA CARRATÙ
07 marzo 2017 LA REPUBBLICA





LA cultura come patrimonio sedimentato di beni, ma anche contesto di incontri e relazioni, da proteggere. ma insieme rendere disponibile. Guai, insomma, a calcificare la cultura intorno all'immagine statica di una qualche identità, avverte Salvatore Settis, accademico dei Lincei, ex direttore della Normale di Pisa e presidente del consiglio scientifico del Louvre, in vista del G7 della cultura di Firenze.

Professore, di cosa suggerirebbe di parlare ai 7 grandi del mondo?

«Li inviterei innanzitutto a riflettere sul pericolo del momento: legare le culture dei diversi popoli alle rispettive identità nazionali. L'Italia, per esempio, si considera dotata del "patrimonio più bello del mondo", dell'arte più eccelsa, eccetera. Un'enfasi sospetta, che allude a una concezione escludente della cultura, ispirata da presunte "radici" che in realtà non esistono ma hanno sempre ispirato i peggiori comportamenti individuali e collettivi ».

Dunque, nessun timore di accogliere culture "altre", per esempio attraverso l'immigrazione?

«La verità storica ci dice che nessuna cultura è isolata, ma tutte nascono da incroci fra culture diverse. Nessun Paese può considerarsi autosufficiente, in questo campo, e dunque vantarsi di possedere una cultura "unica". L'Italia, poi, è un Paese eccezionalmente ibrido, la cui cultura è il risultato dei tanti contributi diversi giunti da ogni dove nel corso della storia, da Etruschi e greci, fenici e arabi, spagnoli e francesi e austriaci e l'elenco potrebbe non finire. Arte e cultura non possono essere mai utilizzate per giustificare la costruzione di barriere e di identità separate, ma, al contrario, per costruire identità inclusive».

Al tavolo del G7 si parlerà anche del controverso rapporto fra tutela e valorizzazione dei beni culturali.

«Due concetti spesso messi in contrapposizione, il che è una vera stupidaggine. È ovvio che non esiste vera tutela senza valorizzazione, e viceversa. Entrambi appartengono ad un unico processo che comprende vari passaggi, ricerca, restauro, fruizione, gestione dei bilanci, eccetera. E dunque anche per quanto riguarda le risorse bisogna parlare dei soldi necessari a un processo unico, pubblici o privati che siano».

Le risorse, appunto, grande punto dolente della politica culturale in Italia: come valuta l'apporto dei privati?

«Io non ho affatto il terrore dei privati, al contrario, sono estremamente favorevole ai loro contributi al funzionamento della cultura in generale, dai musei ai restauri, dalla ricerca universitaria alla scuola. Il punto è che la discussione, in Italia, è inquinata dagli sconsiderati tagli di risorse per i beni culturali operati da una serie di governi, che hanno così agitato la favola dei privati solo per giustificare la ritirata dello Stato. I contributi dei privati devono invece aggiungersi, e non sostituire quelli pubblici».

Lei però non ha mai fatto mistero di essere contrario a iniziative come, per esempio, le sfilate di moda gli Uffizi...

«Certo, perché vorrebbe dire, da parte dello Stato, rinunciare ad iniziative virtuose, come appunto stanziare più soldi per la cultura, per farne di meno virtuose. Siamo il Paese che ha inventato la tutela facendone poi materia costituzionale, dunque perché mai sbracare così, anziché restare all'avanguardia, finendo per giustificare l'insufficienza delle risorse pubbliche, e magari, chissà, la svendita di qualche bene, magari di qualcosa che ci avanza nei magazzini dei musei? Solo se funzionasse un mecenatismo vero, allora potremmo prendere in considerazione delle eccezioni. Le eccezioni senza la regola sono invece pericolose».

Ma in che modo allora i soldi privati sarebbero accettabili?

«L'Art bonus avrebbe potuto essere un buon esordio, ma è stato troppo timido, con pochi benefici per gli investitori, possibilità di intervento circoscritte, troppi limiti temporali, mentre per radicarsi queste pratiche hanno bisogno di tempo e soprattutto di vantaggi fiscali davvero incoraggianti, come negli Usa. In Italia, alle prese con un'evasione fiscale altissima, ai governi non piace fare sconti sulle tasse. Un meccanismo potenzialmente virtuoso si arena così su un vizio cronico ».

Il privato tende a sponsorizzare ciò che offre il maggior ritorno di immagine, e il pubblico tende a concederglielo. Ma tutto il resto?

«È davvero miserabile questa nostra idea di valorizzazione sempre concentrata, guarda caso, su pochissimi grandi monumenti, l'Arena di Verona, gli Uffizi, il Colosseo, dimenticando completamente ciò che, in Italia, costituisce il tessuto stesso del paese. Una valorizzazione lungimirante dovrebbe tenere ben presente la peculiarità del patrimonio italiano, che sta nella sua capillarità, e sapere che ogni opera, museo, monumento, esiste in un contesto. Il Battistero di Firenze non sarebbe più quello che è se intorno ci si costruissero dei grattacieli, e dunque non si tratterà di tutelare o valorizzazione solo il Battistero, ma anche la piazza, le strade e gli edifici che lo circondano, compresi quelli senza particolare pregio, ma il cui pregio è di natura contestuale».

Dunque, quando si parla di monumenti, la visuale deve oltrepassare il puro dato materiale, e comprendere anche le relazioni umane.

«Il patrimonio culturale è, da sempre, elemento essenziale della prosperità economica delle città, e anche il turismo, in un certo senso, è sempre esistito. Ma non a caso il Costituto di Siena, nel 1309, diceva che chi governa deve curare «massimamente la bellezza » urbana sia per «diletto e allegrezza dei forestieri», che per «onore, prosperità e accrescimento dei cittadini». Oggi come ieri, insomma, i monumenti devono essere valorizzati in quanto espressione materiale dei valori civili maturati nella storia di un luogo, e una città deve essere bella e vivibile non per svendersi, ma anzitutto per chi ci abita, e solo così può davvero allietare anche i suoi visitatori. Nel XIV come nel XXI secolo, questo è il vero motore del cosiddetto Pil. E di nuovo, come si vede, parlando di cultura, si parla di contesti e di connessioni, di relazioni e di aperture...».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news