LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - "La faremo smontare" Ma l'antenna gigante resta ancora al suo posto
ERNESTO FERRARA
09 marzo 2017 LA REPUBBLICA





LA faremo smontare, promise l'ex assessore all'urbanistica Lorenzo Perra il primo marzo di un anno fa. Non sono rimasto per niente contento, dobbiamo verificare come andata e se ci sono responsabilit degli uffici le faremo emergere, giur visibilmente contrariato il sindaco Dario Nardella alla vista di quell'orrendo antennone della Wind che svettava sul palazzo di Eataly in via Martelli, oscurando il Duomo e il campanile di Giotto. Qualche mese dopo, era luglio 2016, la responsabile ambiente della giunta, Alessia Bettini, si present in Consiglio comunale con un annuncio che sembrava risolutivo: Wind si detta disponibile a una soluzione meno impattante di quella attuale. In pratica, una riduzione di circa quattro metri, oltre ad una diversa soluzione cromatica. Parole al vento: una settimana fa l'antenna ha festeggiato il suo primo compleanno mentre ormai 240 giorni sono passati dalla svolta ventilata da Bettini. Un anno trascorso invano. Con l'antenna sempre al suo posto e un incontro, l'ennesimo, con l'azienda di telefonia, fissato dagli uffici comunali competenti tra una decina di giorni. Alla ricerca di una soluzione per quella che all'inizio era solo una figuraccia, oggi si trasformata nel solito, inestricabile intrigo della burocrazia.

Perch l'antenna sempre l e i diktat di Palazzo Vecchio sono finiti nel dimenticatoio? Perch l'impresa di eliminare o almeno di ridurre le dimensioni piuttosto impattanti dell'antenna appare oggi una fatica di Sisifo nonostante l'annunciata buona volont del Comune? Dopo i durissimi propositi iniziali della coppia Nardella-Perra, la soluzione annunciata da Bettini a luglio scorso era quella di un dimezzamento del dispositivo della Wind. In pratica una riduzione da 8 a circa 4 metri. Si sono ormai svolti molti incontri tra il Comune e i tecnici per arrivare ad una soluzione. Ma la decisione finale non arriva.

Sembra ormai chiaro che gli annunci iniziali del sindaco e dell'allora assessore all'urbanistica Perra erano qualcosa in pi di una fuga in avanti rispetto alla praticabilit dell'operazione, in capo agli uffici comunali. Resta ora da capire se mai l'ipotesi del dimezzamento potr divenire realt. Ci siamo, abbiamo trovato una soluzione: tra una decina di giorni incontriamo di nuovo la propriet , fanno oggi sapere gli uffici. Aggiungendo un alone di suspence a una storia surreale. Con vari punti oscuri: Palazzo Vecchio si palleggiato per mesi, nel 2015, la pratica dell'antenna e alla fine scattato il silenzio assenso a favore della Wind. Solo a termini ormai scaduti gli uffici comunali arrivarono a formulare un parere negativo e scatt pure un contenzioso. La Soprintendenza sostenne di non poter intervenire in quanto si trattava di un palazzo non vincolato. E sar anche vero che lo skyline da quelle altezze non accessibile a tutti, ma un obbrobbrio simile non fa nemmeno una bella figura. Anzi fa arrabbiare: com' stato possibile? A chi deve essere attribuito l'errore dell'epoca? Domande che lo stesso sindaco confess pubblicamente dopo la scandalizzata denuncia dei castigatori dell'opposizione di sinistra in Palazzo Vecchio, Tommaso Grassi e Giacomo Trombi. Ma a un anno di distanza neppure questi interrogativi hanno avuto una risposta. O almeno, se poi l'hanno avuta, il Comune non l'ha fatto sapere. Grassi invece torna all'attacco: Dove sono finite l'indignazione di Nardella e la promessa di Perra? Sono passati quasi 400 giorni e nulla successo. Qualcuno dovrebbe delle risposte ai cittadini ancor prima che al Consiglio.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news