LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Diritti d'autore, salvo il monopolio Siae. Ma la Ue scrive all'Italia: "Pi concorrenza"
di FILIPPO SANTELLI
05 marzo 2017 LA REPUBBLICA


Approvato in via definitiva il decreto che recepisce la direttiva Barnier sul copyright in campo musicale. Da Bruxelles per arriva un monito al governo sui benefici di un'apertura del settore. Rischio caos tra le aziende radiotelevisive


ROMA - L'Italia ha una nuova legge sulla gestione dei diritti d'autore. Venerd il consiglio dei ministri, con oltre un anno di ritardo sui tempi, ha dato il via libera definitivo al decreto di recepimento della direttiva europea Barnier sul copyright delle opere musicali. Legge nuova, nata per favorire la gestione transfrontaliera delle canzoni, sempre pi importante nell'epoca di Youtube e Spotify. Ma che nella trasposizione fatta dal governo lascia saldo un principio antico, risalente addirittura al 1941: l'esclusiva riconosciuto alla Siae sul nostro territorio. In diversi punti il decreto ribadisce come quella norma, un unicum in Europa, rimanga valida. E l'impressione che questa non sia la parola fine sulla disputa legale e commerciale che da mesi vede contrapposti il monopolista e aziende innovative come Soundreef, che hanno convinto migliaia di cantanti italiani, tra cui qualche peso massimo come Fedez e Gigi D'Alessio, a lasciare Siae. L'attivit di Soundreef, che opera come societ di diritto inglese, viene riconosciuta, anche se tra le righe del decreto difficile capire fino a dove possa spingere i suoi servizi. Una apertura a met che ha spinto la Commissione europea a scrivere al governo per ribadire i vantaggi della concorrenza.

La lettera partita della direzione generale sul Digitale della Commissione con la data dell'8 febbraio, quando la prima versione del decreto era stata trasmessa alle Camere per il loro parere. Il ministero dei Beni culturali la definisce per questo "superata", visto che la legge stata poi corretta recependo alcune osservazioni del Parlamento. Ma in realt le modifiche sono minime e non riguardano la parte su cui si concentra la missiva, cio la liberalizzazione della gestione dei diritti d'autore. La Commissione ricorda al governo i benefici che l'apertura del mercato ha avuto in altri Paesi. Un messaggio che non parla di eventuali procedure di infrazione, ma che segnala come il faro di Bruxelles sia puntato sull'Italia. A seguire il dossier non sarebbe solo la direzione Digitale, riferiscono fonti comunitarie, ma anche quella Crescita, preoccupata da possibili profili di contrasto del decreto con la direttiva Blokenstein sulla libera circolazione dei servizi nei vari Paesi europei.

La direttiva Barnier infatti chiara nel ribadire la libert degli autori di scegliere a chi affidare la rappresentanza dei propri diritti, se da un societ di gestione collettiva (come la Siae o l'analoga francese Sacem) oppure da una entit di gestione indipendente (privata, come Soundreef). Il decreto approvato venerd riconosce l'esistenza di questi secondi soggetti. Ma ribadendo valida l'esclusiva Siae, non precisa che tipo di servizi siano legittimati a offrire sul territorio italiano. Sembra che possano acquisire dagli utilizzatori, radio e televisioni, la reportistica sui brani dei loro artisti che vengono trasmessi. Ma non chiaro se possano dare in licenza agli utilizzatori il repertorio. Mentre escluso che possano incassare i relativi pagamenti, raccolta che resta di competenza Siae. Ma solo in presenza di un mandato da parte delle societ di gestione, che Soundreef non intenzionata a dare se non verranno garantiti tempi e modi certi di pagamento.

Un caos legale che ha gi avuto una prima manifestazione al festival di Sanremo, dove cinque artisti in gara erano rappresentati da Soundreef. Ma che sta provocando diversi grattacapi anche negli uffici legali delle grandi aziende radiotelevisive, che devono ora decidere se versare i diritti sulle canzoni di Fedez e degli altri transfughi a Siae oppure a Soundreef. Alla vigilia dell'approvazione del decreto molti network nazionali hanno continuato a interfacciarsi solo con il monopolista, e cos dovrebbero



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news