LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - L'Ars tenta il colpo elettorale una sanatoria mascherata per bloccare le demolizioni
ANTONIO FRASCHILLA
09 marzo 2017 LA REPUBBLICA





Una voglia matta di fermare le ruspe delle case abusive e sanare quello che nel resto d'Italia non stato mai sanato: cio le costruzioni realizzate in aree di inedificabilit relativa. Una voglia matta di mettere cemento per grandi opere di pubblica utilit, dagli elettrodotti ai termovalorizzatori e perch no anche il Muos di Niscemi, dentro aree vincolate il tutto demandando alla politica, anzi alla giunta e al governo regionale, la possibilit di scegliere cosa, come e dove. Sono solo alcuni degli emendamenti approvati nelle commissioni di merito all'Ars e pronti ad andare in aula nella Finanziaria. Norme che mettono in piedi una manovra urbanistica fatta in casa per derogare a vincoli di tutela paesaggistici e ambientali. Il tutto con i favori della maggioranza, Partito democratico compreso, e del governo Crocetta.

Quello della sanatoria sempre un tema amato dagli inquilini di Sala d'Ercole. In commissione Ambiente passato cos un emendamento presentato da Girolamo Fazio, ma con parere favorevole del governo e con i voti dei rappresentanti dem. Cosa prevede l'emendamento? Il testo di appena due righe: Nella Regione non trova applicazione il comma 27 del decreto legge 30 del 2003, la cosiddetta sanatoria Berlusconi. Cosa prevede questo comma 27? Che non si pu concedere la sanatoria di opere abusive realizzate su immobili soggetti a vincoli imposti sulla base di leggi statali e regionali a tutela degli interessi idrogeologici e delle falde acquifere, dei beni ambientali e paesistici, nonch dei parchi e delle aree protette nazionali, regionali e provinciali qualora istituiti prima della esecuzione di dette opere.

In sintesi la norma passata in commissione Ambiente rid speranza a chi ha presentato domanda di condono nel 2004 e ha costruito in aree a vincolo di inedificabilit relativa: in queste aree si applica, secondo l'emendamento, la norma regionale del 1985 che previo parere della Soprintendenze consente di avere la sanatoria. Trasformando in legge una circolare dell'assessore Croce che recepiva un parere dal Cga. I tribunali penali per, per fortuna, non tengono conto di una circolare amministrativa di fronte a un reato e quindi in molti casi hanno intimato la demolizione degli immobili abusivi realizzate in aree di inedificabilit relativa. Con questa norma regionale si prova a bloccare le ruspe, in caso di parere favorevole delle Soprintendenze, perch, si legge nella relazione allegata all'emendamento, la linea seguita dai giudici penali determina una evidente disparit di trattamento tra quei soggetti che in virt del recepimento dei Comuni o delle Soprintendenze del parere de Cga hanno ottenuto l'esame delle istanze e quei cittadini che pur trovandosi nella stessa posizione sono costretti a demolire l'immobile in conseguenza della condanna penale subita.

Ma in materia urbanistica anche il governo non da meno, avendo fatto passare in commissione un altro emendamento che d alla giunta il potere di derogare ai vincoli paesaggistici e di tutela per realizzare opere di pubblica utilit. Il tutto senza specificare che tipo di opere, lasciando il dubbio che con questa norma si possa decidere di realizzare termovalorizzatori, elettrodotti e altri impianti dove si vuole.

Il Movimento 5 stelle non ci sta: Ancora una volta la politica siciliana, destra e sinistra, si dimostra incapace di recepire il messaggio unanime che arriva dall'Italia e dall'Europa dice il deputato Gianpiero Trizzino l'aggressione al territorio che si legge nei due emendamenti depositati nella legge di stabilit, sono il segnale di un modello slegato dalle reali necessit della Regione e ancora fortemente ancorato al sistema delle clientele.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news