LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA - MEDOLLA - La Soprintendenza lo "censura" ma Medolla avr il suo grattacielo
08 marzo 2017 LA GAZZETTA DI MODENA



MEDOLLA Per il Comune stata ampiamente presentata e discussa. Ed il progetto condiviso e accettato, e gli atti sono a disposizione in municipio.Per quei cittadini che ne sentono parlare da qualche giorno in piazza - dopo gli ultimi atti ufficiali del consiglio comunale - invece ancora un mistero. Quantomeno un argomento di riflessione critica, con propositi pi o meno bellicosi di una nuova raccolta di firme.L'argomento sempre quello: il futuro del centro di Medolla. Non la piazza, per, con il suo cantiere controverso e in ritardo, che ha opposto per mesi le parti in causa (ditta, progettista, Comune) a proposito della debolezza del sottosuolo, compromesso dalle sabbie di un antico corso del Secchia. Parliamo invece del Nuovo Urban Centre, ovvero dell'"Empire State Medolla", come viene ironicamente battezzato dai burloni, in una delle sue accezioni meno pungenti. Ovvero del grattacielo di sette piani che sorger al posto del vecchio municipio di via Roma, una volta completata la sistemazione delle piazze. Sulla opportunit di "abbellire" il centro storico con un edificio che facesse il paio con le altezze importanti di due noti stabilimenti industriali del medollese (uno a nord e uno a sud del paese) in effetti la politica locale aveva gi discusso a suo tempo, nel primissimo dopo-terremoto.Quando una perizia tecnica certificava i costi della riparazione dell'antico municipio, consentendone di fatto la demolizione e raccomandando per la salvaguardia di alcuni elementi architettonici, come la storica scala. Il municipio stato demolito, e al suo posto, al termine di un concorso di idee curato dall'architetto Paolo Giorgi (siamo a fine 2012-inizio 2013) spuntata l'idea di costruire il grattacielo, derogando ai limiti previsti. Nel replicare sulla scarsa comunicazione avvenuta, l'amministrazione anche di recente ha fatto notare che "gli elaborati tecnici delle proposte pervenute sono state esposti dal 30 aprile 2013 al 1 aprile 2013 presso il centro di comunit parrocchiale per la votazione popolare. Da l era proseguito un iter amministrativo che ha portato all'approvazione della graduatoria, il 26 giugno 2013.Il grattacielo nei propositi ospiter uffici per imprese, incubatori di impresa, negozi, servizi e all'ultimo piano - nella terrazza area - una zona ristorazione. Ha superato anche la raccolta firme promosse dal gruppo di minoranza presso commercianti e residenti del centro. Tra le perplessit pi diffuse, con l'altezza, l'assoluta antistoricit e antiesteticit rispetto al contesto urbano che lo circonda.Circostanza che ha rilevato la Soprintendenza di Bologna. Nello spiegare che l'ex residenza municipale non presenta i requisiti di interesse culturale - ha scritto il 26 ottobre scorso il soprintendente Luigi Malnati - questo Ufficio non ravvisa un ambito di competenza vincolato ai sensi del Codice dei beni ambientali. Tuttavia la Soprintendenza ha espresso il suo "disgusto estetico" - per intendersi - nei confronti del grattacielo: Visto per il tessuto urbano esistente, nel quale si andr a inserire il nuovo intervento, che prevede la realizzazione di un edificio a torre di sette piani fuori terra in cemento, il quale si rapporter con un costruito adiacente realizzato da edifici tradizionali in muratura di fine Ottocento, alcuni dei quali sottoposti a vincolo monumentale (Teatro Littorio, ex scuole comunali) questo ufficio ravvisa una forte dissonanza a livello tipologico formale e materica tra il nuovo elemento e il tessuto urbano esistente. Problema politicamente "superato" dalla delibera del consiglio comunale del 15 novembre scorso, con la quale - senza citare espressamente questo passaggio della lettera di Malnati - stato comunque approvato il "secondo stralcio della prima variante al piano della ricostruzione relativo all'oggetto "Umi Urban center": 10 voti favorevoli (la maggioranza) e 3 contrari (la minoranza, ovvero Panza Bergamini, Borra).Il dado tratto: lavori sono attesi per la tarda primavera. Di questo passo, Medolla vedr presto sorgere dalle carte della ricostruzione post sisma il suo nuovo grattacielo.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news